TextID MasterPage.Accessibility.Head.ContentBody (it-CH) not found

Pesca

Fischer am Hinterrhein
Immagine di un giovane pescatore in riva al Reno posteriore


La pesca nei Grigioni – breve presentazione

„ Le condizioni per la pesca nei Grigioni sono così variate…“, così nel 1913 si esprimeva entusiasta il primo presidente dell’associazione cantonale dei pescatori, il Professor A. Florin. Oggi come allora la pesca nel Cantone dei Grigioni è straordinaria nella sua varietà, anche se in vari luoghi la redditività è calata.

Dal 1903, esclusi singoli diritti privati, il diritto di pesca è una regalia cantonale gestita con il sistema delle licenze. Con il versamento di una tassa di licenza al Cantone ogni persona, dai 14 anni di età, è libera di esercitare la pesca nella maggior parte dei laghi e dei fiumi presenti sul territorio del Cantone.

Licenze di pesca online

Gli habitat di fiumi e laghi sono formati dagli ambienti loro circostanti che, in un cantone di montagna, presentano una grande diversità. Dagli impetuosi torrenti ai piedi dei ghiacciai, ai ripidi torrenti di montagna, ai discosti laghetti alpini fino ai ramificati sistemi fluviali e alle zone golenali troviamo tutto. Nel Cantone dei Grigioni non troviamo i grandi laghi e fiumi come nell’altopiano svizzero. Per contro il paesaggio è caratterizzato in molti luoghi dai laghi artificiali.

Nel Cantone dei Grigioni sono stati cartografati circa 11‘000 km di corsi d‘acqua. In quasi 1‘700 km di questi fiumi, torrenti e ruscelli troviamo dei pesci, il che corrisponde a una superfice produttiva di 1‘400 ettari. La resa media, annua, per ogni ettaro di superfice d‘acqua è di 25 kg. Questa resa corrisponde ai valori calcolati per la maggior parte delle acque piscicole in zona alpina povere di nutrimento. Nei nostri torrenti e fiumi vengono pescati mediamente 110‘000 pesci l’anno, di questi la maggioranza sono trote fario.
Nonostante manchino i grandi laghi, il Cantone dei Grigioni è comunque ricco di acque stagnanti. In totale troviamo circa 600 piccoli laghi. Dei 250 laghi storicamente registrati come laghi piscicoli a tutt’oggi sono 196 quelli sfruttati con la pesca. Di questi 140 sono laghi di montagna, 17 laghi di valle, 29 laghi artificiali (bacini di ritenzione) e 10 stagni di cava. 18 laghi sono di proprietà privata (acque con diritti di pesca speciali). La resa annua per ettaro che corrisponde a 13 kg è da ritenere molto bassa. Nei citati laghi vengono pescati all’incirca 90‘000 pesci, in maggioranza trote e salmerini alpini.

Nelle acque del Cantone dei Grigioni sono presenti 34 specie di pesci e 2 di gamberi. La metà di queste specie sono però rare o sporadiche. La specie maggiormente diffusa è la trota fario. La prevalenza dei corsi d’acqua piscicoli del Cantone si trovano, di fatto, nella regione della trota. Fanno eccezione l’ultimo tratto del Reno alpino e la Moesa che sono assegnati alla regione del temolo.

Dal 1.1.2009 anche a livello di legislazione federale è stato introdotto ciò che nel Cantone dei Grigioni è obbligo già dal 2002. Un pescatore intenzionato a pescare per un periodo di un mese o più è tenuto a frequentare una specifica formazione. Dopo aver frequentato con successo la formazione si ottiene un attestato di capacità riconosciuto in tutta la Svizzera.

Hanno diritto alla licenza di pesca tutte le persone che durante l’anno del ritiro compiono i 14 anni. La licenza per giovani pescatori, a metà prezzo, la ricevono solo i ragazzi fra i 14 e 17 anni di età. Il diritto di pescare sotto sorveglianza, accompagnati da un pescatore maggiorenne (min. 18 anni), detentore di una licenza di pesca, è concesso ai ragazzi fino a 13 anni di età.