Zum Seiteninhalt

Nuovo collegamento ferroviario Bellinzona - Mesolcina - Valchiavenna

1. Premesse

Attualmente nel Cantone Ticino si sta ampliando ulteriormente il sistema di rete celere TILO (Ticino - Lombardia) nel quadro dei programmi d'agglomerato della Confederazione. Il Cantone dei Grigioni e gli organi della Regione Mesolcina vorrebbero ripristinare l'allacciamento ferroviario a Bellinzona. Sono stati svolti colloqui al riguardo con il Cantone Ticino e le FFS, durante i quali è stata discussa anche la nuova idea lanciata dalla Provincia di Sondrio in merito alla realizzazione del collegamento ferroviario tra la Val Chiavenna e la Mesolcina. L'estensione del collegamento ferroviario alla Val Chiavenna apre nuove prospettive dovute al collegamento a un ulteriore mercato dei trasporti.

In accordo e in collaborazione con il Cantone Ticino, la Regione Lombardia e la Provincia di Sondrio, il Cantone dei Grigioni ha perciò commissionato uno studio di opportunità il quale ha lo scopo di verificare le possibili varianti di soluzione per l'estensione del collegamento ferroviario dal Ticino verso la Bassa Mesolcina e poi verso la Val Chiavenna e di illustrare la loro economicità e le possibilità di realizzazione.

 

2. Obiettivo dello studio

Per il collegamento della Bassa Mesolcina al sistema di rete celere Ticino - Lombardia, unito a un nuovo collegamento ferroviario da realizzare verso la Val Chiavenna, lo studio di opportunità, oltre alle possibilità di soluzione tecniche e alla relativa economicità, deve illustrare in particolare i benefici economici per le regioni interessate. Il risultato dello studio deve in primo luogo fornire alle autorità politiche la base necessaria per decidere di seguire il progetto e di portarlo avanti.

 

3. Compiti

  • Accertare le aspettative del Cantone Ticino e dei Grigioni, della Provincia di Sondrio e delle regioni interessate per quanto riguarda un nuovo collegamento ferroviario. Definire la funzione che il nuovo collegamento deve svolgere (regionale o internazionale, maggiormente turistico o per il traffico dei pendolari, per il trasporto di persone o anche di merci, trasporto di automobili ecc.).
  • Abbozzare possibili soluzioni tecniche per il tracciato sia nella Bassa Mesolcina per il collegamento al TILO a Bellinzona, sia per la nuova galleria ferroviaria in Val Chiavenna.
  • Stimare gli effetti economici per le regioni interessate; Ticino, Mesolcina e Province di Sondrio, Como e Lecco.
  • Illustrare le possibilità di realizzazione per quanto concerne gli oneri ad ubicazione vincolata (ambiente, necessità di terreno, pianificazione territoriale, misure edilizie ecc.) e l'economicità.