Zum Seiteninhalt

Assunzione di un impiego / cambiamento di impiego / cambiamento di Cantone da parte di cittadini di Stati UE/AELS

I permessi di breve durata, di dimora e di domicilio UE/AELS valgono per tutto il territorio svizzero (mobilità geografica). I cittadini di Stati UE/AELS non necessitano di un nuovo permesso, se trasferiscono il centro della propria vita in un altro Cantone. Devono tuttavia annunciarsi al controllo abitanti competente del nuovo luogo di domicilio, dato che il nuovo indirizzo di abitazione viene indicato sul libretto per stranieri. Questo vale anche in caso di cambiamento di indirizzo all'interno dello stesso Cantone o dello stesso comune. In caso di cambiamento di indirizzo viene rilasciato un nuovo libretto per stranieri, soggetto a tassa.

Il permesso di dimora UE/AELS dà diritto al titolare esercitante attività lucrativa di cambiare impiego e professione e di avviare un'attività lucrativa indipendente (mobilità professionale).

Per garantire un'imposizione alla fonte ininterrotta, i datori di lavoro devono notificare entro 8 giorni dal cambiamento di impiego all'Amministrazione cantonale delle imposte ogni impiego di cittadini di Stati UE/AELS.

Assunzione di un impiego / cambiamento di impiego / cambiamento di Cantone da parte di cittadini di Stati terzi

 

Tutte le assunzioni o i cambiamenti di impiego (ad eccezione di quelli dei domiciliati) sono soggetti ad autorizzazione. Non è permesso assumere/cambiare impiego prima del rilascio del permesso di Polizia degli stranieri. Nel libretto per stranieri vengono indicati sia il nuovo indirizzo che il nuovo datore di lavoro.

Nemmeno il cambiamento di Cantone può avvenire senza il consenso della Polizia degli stranieri. Fino alla decisione definitiva della Polizia degli stranieri, il richiedente deve mantenere il proprio domicilio nel precedente Cantone. La domanda di cambiamento o assunzione di impiego risp. di cambiamento di Cantone deve essere inoltrata alla Polizia degli stranieri tramite il controllo abitanti del futuro luogo di domicilio, con il modulo "Domanda di permesso per stranieri (B1)" unitamente a una fotocopia del passaporto e a un contratto di lavoro attuale.