Contenuto della pagina

Provvedimenti da seguire

AVVISO: A partire dal 27 aprile tutte le strutture devono disporre di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19.

Nuovo coronavirus: allentamento dei provvedimenti, 20 maggio 2020
 

PDF

Nei confronti della popolazione, delle organizzazioni e delle istituzioni in Svizzera si applicano inoltre i seguenti provvedimenti:

Lavoratori particolarmente a rischio

Telelavoro:

  • Ogni volta che ciò è possibile, i lavoratori particolarmente a rischio devono adempiere da casa i loro obblighi lavorativi.
  • I datori di lavoro devono adottare i provvedimenti organizzativi e tecnici idonei a tal fine.

Misure di protezione sul posto di lavoro:

  • Se le attività lavorative possono essere svolte soltanto sul posto di lavoro usuale, il datore di lavoro è obbligato a garantire, mediante idonei provvedimenti organizzativi e tecnici, il rispetto delle raccomandazioni dell'UFSP concernenti l'igiene e il distanziamento sociale (pannelli in plexiglass, mettere a disposizione disinfettante, Mascherine protettive, assegnazione ad altri settori lavorativi quali ad es. back office).

Congedo con continuazione del pagamento dello stipendio:

  • Se nel singolo caso non è possibile che la persona particolarmente a rischio lavori da casa e se non è nemmeno possibile adottare misure sufficienti a sua protezione, il datore di lavoro deve porre in congedo la persona particolarmente a rischio, con continuazione del pagamento dello stipendio.

Diritto di visita

Visite agli ospedali

La visita agli ospedali è vietato. L'istituto decide in merito alle eccezioni (visite a pazienti in situazioni straordinarie: genitori di bambini, partner di partorienti, nonché stretti familiari di persone in fin di vita o di pazienti bisognosi di assistenza). 

Visite alle aree di cura e alle aree residenziali degli istituti di istruzione speciale per persone adulte portatrici di handicap

Sono consentite le visite a ospiti di case di risposo e di cura nonché di strutture abitative per persone adulte portatrici di handicap.

Le case di risposo e di cura inserite nell’elenco delle case di cura del Cantone dei Grigioni, e le strutture abitative per persone adulte portatrici di handicap, autorizzate, devono però disporre di un piano di protezione operativo. Questo piano deve essere stato elaborato secondo le direttive dell'Ufficio dell'igiene pubblica e inoltrato sempre all’Ufficio dell'igiene pubblica o invece all’Ufficio del servizio sociale.

Al fine di proteggere gli altri residenti, gli ospiti delle case di riposo e di cura e gli ospiti delle strutture abitative per persone adulte portatrici di handicap sono tenuti, anche quando lasciano la struttura, a rispettare rigorosamente le attuali raccomandazioni della Confederazione in materia di igiene e di protezione, e in particolare le raccomandazioni rivolte alle persone particolarmente a rischio. 

Cantieri e industria

È ammesso l'esercizio di:

  • Imprese attive nell'edilizia e nei suoi rami accessori nonché nell'industria
  • I datori di lavoro sono obbligati a rispettare le raccomandazioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica concernenti l'igiene e il distanziamento sociale. In particolare deve essere limitato in modo corrispondente il numero delle persone presenti sui cantieri o nelle aziende e l'organizzazione dei cantieri e delle aziende deve essere adeguata. Anche l'utilizzo dei locali per la pausa e delle mense deve essere concepito in modo tale che le norme relative alla distanza possano essere rispettate, se necessario limitando il numero di persone che possono andare in pausa o scaglionando le pause.
Le autorità cantonali competenti possono chiudere cantieri o aziende che non si attengono a questi obblighi.

Esercizi alberghieri e di ristorazione

Chiusi/vietati:

  • Campeggi (escluse le aree di sosta per camper e roulotte in affitto permanente [stagionale o annuale], nonché le aree di sosta per nomadi)

Aperti/autorizzati, a condizione che dispongano di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Alberghi e altre strutture ricettive. Gli alberghi possono tenere aperte le proprie strutture (ristorante, bar, spa, wellness, noleggio biciclette, sale per seminari), ma solo per i propri ospiti e a condizione che rispettino le prescrizioni d’igiene e di distanziamento sociale;
  • Strutture di ristorazione, inclusi i bar e la ristorazione collettiva (mense aziendali e mense scolastiche); per queste strutture si applicano, oltre al piano di protezione, le restrizioni stabilite nell’art. 6 cpv. 3 bis dell’ordinanza 2 COVID-19 (dimensione dei gruppi di clienti, consumazione esclusivamente da seduti, mense aziendali non aperte al pubblico, apertura dalle ore 06.00 alle 24.00, vendita esclusiva di cibo e bevande, ulteriori offerte quali concerti o giochi sono vietate);
  • Negozi di cibo da asporto (take-away) e servizi di consegna pasti a domicilio.

Negozi di generi alimentari e altri negozi

Aperti/autorizzati a condizione che dispongano di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Tutti gli esercizi commerciali che offrono merci e beni ai clienti (tutti i negozi e mercati incl. mercati di fiori, ortofrutticoli e delle pulci);
  • Aziende artigianali e commerciali;
  • Campi per l’autoraccolta di fiori, ortaggi o bacche, impianti di autolavaggio;
  • Valore indicativo: 10m2 per persona, personale incluso .

Strutture ricreative

Chiusi/vietati:

  • Strutture ricreative e per il tempo libero (cinema, sale concerti, teatri, casinò, centri benessere, giardini botanici e zoologici);
  • Discoteche, locali notturni ed erotici e altri servizi di prostituzione (vale anche per massaggi erotici sensuali; compresi i servizi in locali privati).

Aperti/autorizzati a condizione che dispongano di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Musei, biblioteche, archivi (escluse le sale di lettura);
  • Impianti sportivi accessibili per allenamenti, centri fitness e yoga, piscine, stazioni sciistiche aperte per l’addestramento sportivo. Non è consentita l'apertura generale per scopi diversi da quelli sportivi.

Altri servizi

Aperti/autorizzati a condizione che dispongano di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Trasporti pubblici secondo l’orario normale (si raccomanda l’uso della mascherina negli orari di punta);
  • lnsegnamento presenziale nelle scuole elementari e secondarie (per tutti gli altri istituti e corsi di formazione vale il limite di massimo 5 persone);
  • Servizi di trasporto privato (p. es. aziende di taxi, servizi di carrozze);
  • Altri servizi (p. es. agenzie assicurative, studi legali e notarili, uffici di informazione turistica, agenzie di viaggio, studi fotografici, orefici). Sono ammesse anche le visite di agenti e rappresentanti di commercio a clienti privati e commerciali;
  • Uffici postali, amministrazione comunale, banche, fornitori di servizi di telecomunicazione;
  • Stazioni di servizio, officine per auto/biciclette ecc.;
  • Servizi di sicurezza, agricoltura;
  • Servizi di dog sitter, saloni per cani.

Strutture che forniscono prestazioni alla persona, cura del corpo, benessere

Aperti/autorizzati a condizione che dispongano di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Strutture sanitarie quali ospedali, cliniche, studi medici, studi e strutture di professionisti della salute ai sensi del diritto federale o cantonale;
  • Forme di terapia alternativa che non sono praticate da professionisti della salute ai sensi del diritto federale o cantonale (massaggi ayurvedici, shiatsu o terapia cranio-sacrale);
  • Strutture che forniscono prestazioni alla persona con contatto corporeo quali parrucchieri, saloni di massaggio, studi di tatuaggio e istituti di bellezza (servizi di manicure, chirurgia estetica);
  • Solarium self-service.

Attenzione: A seconda del relativo piano di protezione, per i servizi a contatto con le persone è previsto sia per i dipendenti che per i clienti l’uso della mascherina come misura di protezione reciproca.

Divieto di assembramenti nello spazio pubblico

Gli assembramenti di più di trenta persone nello spazio pubblico, segnatamente nei luoghi pubblici, sui sentieri e nei parchi, sono vietati.

Negli assembramenti fino a cinque persone deve essere mantenuta una distanza di almeno due metri tra le singole persone.

È punito con la multa chiunque violi il divieto di assembramento nello spazio pubblico.

Resta in vigore il divieto di manifestazioni pubbliche e private e di assembramenti di più di trenta persone. Le manifestazioni con oltre 1000 persone restano vietate fino almeno alla fine di agosto.

Manifestazioni religiose

Autorizzate dal 28 maggio 2020:

Funzioni religiose e altre manifestazioni religiose, nonché funerali. Deve essere designata una persona responsabile (organizzatore) e deve essere elaborato e messo in atto un piano di protezione secondo l’art. 6a dell’Ordinanza 2 COVID-19 che garantisca la minimizzazione del rischio di contagio.

Se non vi è una garanzia sufficiente che possano essere rispettate le regole del distanziamento sociale, oltre al piano di protezione si applica quanto segue:

  1. L’organizzatore deve iscrivere in un elenco dei presenti il nome, il cognome e il numero di telefono di tutti i partecipanti dopo averli debitamente informati;
  2. deve inoltrare su richiesta al servizio cantonale competente l’elenco dei presenti ai fini dell’identificazione e informazione delle persone sospette contagiate (art. 33 LEp); e
  3. non può utilizzare i dati dell’elenco dei presenti per nessun altro motivo e deve distruggerli al più tardi dopo 14 giorni.

Attività associative

Chiusi/vietati:

  • Eventi sportivi, manifestazioni, assemblee, prove, ecc.

Aperti/Autorizzati, a condizione che si disponga di un piano di protezione secondo l'ordinanza 2 COVID-19:

  • Sport popolare: allenamenti in piccoli gruppi di massimo 5 persone senza contatto fisico
  • Sport agonistico: allenamenti possibili anche in gruppi di oltre 5 persone, senza competizioni
  • Lezioni di musica fino a un massimo di 5 persone

I piani di protezione delle federazioni sportive nazionali ai quali fare riferimento sono disponibili sul sito di Swiss Olympic: www.swissolympic.ch/coronavirus

Inoltre vale quanto segue:

Ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus (COVID-19)