Navigation

Inhaltsbereich

Accesso rapido

Sostegno alla liquidità Confederazione

Sostegno alla liquidità Cantone

 

A causa delle chiusure aziendali e del calo della domanda numerose imprese, nonostante le indennità per lavoro ridotto e di perdita di guadagno, dispongono di sempre meno liquidità per coprire i costi correnti. Per evitare quindi che imprese sostanzialmente solvibili si trovino in difficoltà, è stato elaborato un pacchetto di misure integrative.

MISURE DELLA CONFEDERAZIONE 

La Confederazione ha adottato un provvedimento immediato che prevede un sostegno alla liquidità delle imprese sotto forma di un programma di garanzie (fideiussioni solidali).

Ditte individuali, società di persone o persone giuridiche direttamente interessate devono poter ottenere dalle banche in maniera rapida e facile crediti transitori COVID-19. Questi crediti vengono garantiti da una fideiussione solidale concessa dalle organizzazioni di fideiussioni. La Confederazione prevede due tipi di credito dei quali è possibile beneficiare:

  • Credito COVID-19 10 % del fatturato annuo, fino a un massimo di 500 000 franchi. I crediti fino a 500 000 franchi vengono erogati in tempi brevi e senza lungaggini burocratiche, e garantiti al 100 % dalla Confederazione. Il tasso d’interesse su questi crediti transitori è attualmente dello 0 %. È permesso sottoporre alla banca una sola richiesta di credito COVID 19 per ogni impresa.
  • Credito COVID-19 Plus 10 % del fatturato annuo, a partire da 500 000 franchi fino a un massimo di 20 milioni di franchi.
    I crediti transitori d’importo superiore a 500 000 franchi sono garantiti all’85% dalla Confederazione. La banca che emette il credito contribuisce con una quota pari al 15%. Tali crediti possono ammontare fino a 20 milioni di franchi (da cui vanno dedotti i 500 000 franchi del credito COVID 19) per impresa e richiedono quindi un esame approfondito da parte della banca. Il tasso d’interesse applicato a questi crediti è attualmente dello 0,5% per l’importo garantito dalla Confederazione. Avviso importante: Prima di presentare una richiesta di credito COVID-19 Plus di oltre 500 000 franchi, va inoltrata una richiesta di credito COVID-19 (vedi sopra)
    anca.
  • Richiesta di credito COVID-19 della Confederazione.

La Confederazione ha inoltre adottato le seguenti ulteriori misure:

  • Proroga per il pagamento delle assicurazioni sociali
  • Apporto di liquidità in ambito fiscale e per i fornitori della Confederazione
  • Principio della "sospensione" secondo la legge federale sulla esecuzione e sul fallimento (LEF)
  • Provvedimento nell'ambito della previdenza professionale

MISURE DEL CANTONE

  • Il Cantone dei Grigioni garantisce un credito quadro di 80 milioni di franchi per fideiussioni solidali cantonali, in aggiunta alle fideiussioni solidali della Confederazione:
    • Il Cantone concede, a titolo sussidiario e in aggiunta alle misure della Confederazione, fideiussioni cantonali per un importo di 80 milioni di franchi. Le fideiussioni solidali cantonali sono limitate al massimo al 15% del fatturato annuo e a 5 milioni di franchi per singola impresa. Tenendo conto dei crediti COVID-19 della Confederazione e dei crediti COVID-19-GR del Cantone, è quindi possibile richiedere aiuti di liquidità pari fino al 25% del fatturato annuo, per un importo massimo di 25 milioni di franchi nel singolo caso (20 milioni Confederazione, 5 milioni Cantone).
    • Richiesta di credito COVID-19-GR del Cantone
  • Il 13 marzo il Governo grigionese ha deciso e annunciato che intende sostenere al meglio l’economia e la popolazione nella difficile situazione attuale..
  • A tal fine ha istituito una "task force economia", costituita da rappresentanti del Dipartimento dell’economia pubblica e socialità, del Dipartimento delle finanze e dei comuni e della Banca cantonale grigione, e che sta lavorando su possibili misure di sostegno alle imprese colpite.
  • Il Cantone ha inoltre convocato una tavola rotonda con rappresentanti del settore economico. Gli incontri che si svolgono con regolarità permettono al mondo economico di esprimere le proprie preoccupazioni. L’obiettivo è anche quello di individuare le sfide specifiche del Cantone per poter quindi reagire in modo mirato.
  • Misure adottate dal Cantone dei Grigioni:
    • Flessibilità in relazione ai termini di pagamento e rinuncia a interessi di mora e tasse d'ingiunzione: fino alla fine del 2020 si rinuncerà a interessi di mora nonché a riscuotere tasse d'ingiunzione per fatture del Cantone quali imposte, emolumenti, tributi e multe. A seguito di un decreto del Consiglio federale, le esecuzioni sono sospese fino al 19 aprile 2020.

      L'Amministrazione cantonale valuterà in modo generoso la possibilità di estendere il termine di pagamento o di accordare pagamenti rateali per fatture in sospeso del Cantone per imprese e persone che attualmente si trovano impossibilitate a pagare a seguito degli effetti della pandemia di coronavirus.

      Al fine di aumentare la liquidità dei prestatori di servizi e dei fornitori del Cantone, tutte le fatture in entrata saranno esaminate senza indugio dall'Amministrazione cantonale e i pagamenti saranno disposti il più rapidamente possibile una volta ottenuto il via libera interno. Il Governo si appella a tutti i comuni e a tutti gli istituti di diritto pubblico, nonché alle aziende di diritto privato del Cantone affinché seguano per quanto possibile questo esempio.
    • Flessibilità per quanto riguarda le modalità di rimborso di mutui cantonali e NPR: il Cantone è flessibile per quanto riguarda le modalità di rimborso di mutui cantonali o federali concessi in virtù della legge sullo sviluppo economico o della nuova politica regionale della Confederazione. Il Cantone è disposto a prendere in esame nel singolo caso con i mutuatari interessati soluzioni concernenti gli ammortamenti.
    • Priorità alle aggiudicazioni di lavori del Cantone: le procedure di aggiudicazione verranno proseguite e concluse possibilmente senza ritardi. Il mantenimento dell'attività di aggiudicazione da parte del Cantone permette alle imprese di creare riserve di commesse e di procedere a una pianificazione dell'attività più vincolante. Laddove possibile, le difficoltà che si presenteranno nelle procedure verranno risolte in modo pragmatico (ad es. possibilità di partecipare all'apertura delle offerte tramite videotelefonia).

     

Indietro alla panoramica