Zum Seiteninhalt

Voto elettronico

Il processo di formazione di opinioni politiche avviene sempre più tramite internet (media digitali e social media). Il voto elettronico in occasione di elezioni e votazioni (cosiddetto e-voting) è una risposta alla domanda relativa al modo in cui lo Stato può garantire la partecipazione politica dei propri cittadini in una realtà democratica digitale. La partecipazione al nostro sistema democratico deve rimanere attrattiva e semplice anche in futuro. Dal 2010 al 2015, nel quadro di un consorzio a cui partecipavano nove Cantoni, il Cantone dei Grigioni ha già testato con successo con i propri Svizzeri all'estero il sistema di e-voting in occasione di 18 votazioni e delle elezioni del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati del 2011. Il progetto del consorzio è stato abbandonato a fine 2015, dopo che il Consiglio federale, a seguito di preoccupazioni legate alla sicurezza, non aveva autorizzato l'impiego della soluzione proposta dal consorzio in occasione delle elezioni del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati del 2015.

 

 

Il Governo e il Gran Consiglio ritengono che, a condizioni accettabili, l'introduzione dell'e-voting rappresenti tuttora un importante traguardo. Nella sessione di febbraio 2018 il Gran Consiglio ha approvato una revisione parziale della legge sui diritti politici nel Cantone dei Grigioni (LDPC) con la quale sono state create le basi giuridiche cantonali necessarie per l'introduzione dell'e-voting quale terzo canale di voto ordinario a tutti i livelli statali. Il 25 settembre 2018, nel quadro di una procedura di aggiudicazione pubblica per un nuovo sistema di e-voting per il Cantone dei Grigioni, il Governo ha conferito l'incarico alla Posta Svizzera SA. L'introduzione e l'estensione quale prossimo passo sono previste in due fasi: nel 2020 una "fase pilota" che coinvolgerà sei comuni e dal 2021 l'estensione progressiva ad altri comuni. Secondo quanto previsto, i comuni dovranno poter decidere autonomamente se e in quale misura (con o senza chiamate alle urne comunali) introdurre l'e-voting.