La perequazione finanziaria grigionese è matura per il passaggio di generazione

Dopo oltre 50 anni con la perequazione finanziaria grigionese esistente è indispensabile un rinnovo radicale. La necessità di riforme, gli obiettivi principali e l'idea di base della nuova perequazione finanziaria sono incontestati. È inoltre facile riconoscere che la prevista dotazione dei fondi di perequazione è moderata e che la loro organizzazione è fatta su misura per la situazione nei Grigioni. 
 
Il principio della nuova perequazione finanziaria è riconosciuto, il suo volume equilibrato e la sua organizzazione matura.
 
La riforma della perequazione finanziaria grigionese (riforma PF) serve soprattutto a rafforzare i comuni e provvede a una perequazione equilibrata ed efficace tra i comuni. A titolo di novità, i comuni non saranno più costretti a mantenere alto il loro tasso fiscale per ricevere contributi di perequazione. In questo modo, i fondi pubblici vengono impiegati a seconda del bisogno. La riforma PF persegue in modo sistematico l'interesse generale di tutti i comuni e del Cantone. Essa presenta chiari vantaggi e contribuisce ad affrontare le sfide future. 

Basi riconosciute
Cantone e comuni necessitano di una perequazione finanziaria al passo con i tempi, su questo sono tutti d'accordo. La nuova perequazione finanziaria non deve essere creata da zero. Già nel 2008, la Confederazione ha introdotto una perequazione finanziaria che si sta dimostrando valida. Nel frattempo, numerosi Cantoni hanno modificato la propria perequazione finanziaria ispirandosi al modello della Confederazione. È finalmente giunto il momento che anche il Cantone dei Grigioni si adegui. I vantaggi della perequazione finanziaria federale si manifesteranno appieno solo allora. In caso contrario, i Grigioni perderebbero sempre più credibilità nei confronti della Confederazione e dei Cantoni donatori. Non si può pretendere una solidarietà intercantonale senza applicare al contempo una certa solidarietà tra i comuni all'interno del Cantone e senza rinnovare delle strutture superate. Vi è un'evidente necessità di agire. 

Equilibrata
La perequazione delle risorse è organizzata e dotata in modo tale da essere ben sostenibile anche per i comuni finanziariamente forti, in particolare per i comuni turistici o beneficiari di canoni d'acqua. Questi comuni riversano una quota delle risorse che superano la media delle risorse di tutti i comuni. Tale quota è chiaramente limitata dalla legge. L'importo da versare viene ricalcolato ogni anno e si basa così sempre sulle condizioni effettive. La perequazione dell'aggravio geotopografico e degli oneri scolastici, finanziata esclusivamente dal Cantone, attenua gli oneri straordinari dovuti a fattori strutturali. Ciò va principalmente a favore dei comuni periferici con molte frazioni e insediamenti sparsi. 

Matura
Già la ex Consigliera di Stato Eveline Widmer-Schlumpf ha presentato nel 2007 una nuova perequazione finanziaria grigionese. Nel frattempo si è lavorato a questo progetto per sette anni. Si è tenuto conto di tutte le richieste presentate da rappresentanti comunali, partiti e gruppi d'interesse, per quanto queste fossero conciliabili con gli obiettivi principali della riforma. Il progetto è maturo e pronto per essere attuato. I suoi effetti saranno costantemente monitorati. Se in futuro dovessero rendersi necessari degli adeguamenti, questi saranno effettuati. 

Grafici riassuntivi 
Comuni donatori e beneficiari con la nuova perequazione finanziaria
-


-


Persona di riferimento:

Consigliera di Stato Barbara Janom Steiner, direttrice del Dipartimento delle finanze e dei comuni, tel. 081 257 32 01, e-mail: barbara.janom@dfg.gr.ch  


Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni