Navigation

Seiteninhalt

Coira: I comandanti respingono l'iniziativa "S.o.S. - per una Svizzera senza polizia ficcanaso"

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Comunicato stampa della Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali della Svizzera (CCPCS)

In occasione della seduta di lavoro tenutasi recentemente a Berna, la Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali della Svizzera (CCPCS) ha respinto all'unanimità l'iniziativa "S.o.S. - per una Svizzera senza polizia ficcanaso", che verrà sottoposta a votazione popolare il prossimo 7 giugno.

I comandanti di polizia sono convinti che in caso di approvazione dell'iniziativa, la polizia non sarà più in grado di svolgere adeguatamente il suo compito di prevenzione della criminalità. Essa si vedrebbe privata di quei mezzi che le consentono attualmente di riconoscere tempestivamente le situazioni di pericolo e, ad esempio, imporre un divieto d'entrata. La soppressione delle misure preventive attualmente a sua disposizione, renderebbe impossibile sia alla Confederazione che ai Cantoni di scoprire per tempo le disposizioni tecniche e organizzative volte alla perpetrazione di reati e di impedirne l'esecuzione materiale. Per fronteggiare efficacemente le varie forme di criminalità, non ci si può limitare alla loro repressione.

Questa limitazione del raggio d'azione della polizia costituirebbe inoltre un'ulteriore pericolo per la sicurezza interna del Paese. Parimenti accrescerebbe l'attrattiva della Svizzera per le attività dei gruppi sovversivi stranieri, dei servizi di spionaggio e per il crimine organizzato. Inoltre non va dimenticato che in caso di approvazione dell'articolo costituzionale, la Svizzera si troverebbe isolata nel contesto internazionale e diverrebbe un fattore di destabilizzazione e di insicurezza in Europa.

Il nuovo articolo costituzionale viola in modo palese i legittimi interessi dell'intera popolazione svizzera. Per questo motivo la CCPCS si schiera a fianco del Consiglio federale e associandosi alla maggioranza del Parlamento, respinge risolutamente l'iniziativa.

Sono membri di diritto della CCPCS tutti i comandanti delle polizie cantonali svizzere, quelli delle polizie municipali delle Città di Zurigo e Berna, unitamente a rappresentanti dell'Autorità federale. Essa si svolge dei compiti di coordinamento rispettando rigorosamente le competenze cantonali in materia.

Quelle: Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali della Svizzera (CCPCS)
Neuer Artikel