Navigation

Seiteninhalt

Campagna di sensibilizzazione: Stop pornografia infantile in Internet

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La pedopornografia è un crimine anche in Internet. Chi abusa di minorenni nel mondo virtuale del cybersesso, deve ricordarsi che la polizia è presente in rete. Bambini, adolescenti ed adulti devono sapere come tutelarsi da possibili abusi provenienti da frequentatori della rete. In continuità con la campagna promossa dal Centro Svizzero di Prevenzione della Criminalità (USPC), la Polizia cantonale dei Grigioni ha indetto una campagna di sensibilizzazione incentrata su questo tema di scottante attualità. Oltre a partecipare attivamente con uno stand a tre delle fiere più importanti del nostro Cantone, la Polizia cantonale organizzerà un ciclo di conferenze in diverse scuole del Cantone, destinate ai genitori ed alla popolazione in generale. Scopo della campagna di sensibilizzazione è quello di fornire informazioni utili su come tutelarsi efficacemente dai pericoli presenti in rete. Inoltre per tutte le persone interessate sono a disposizione degli opuscoli informativi su diversi temi connessi con questa problematica. La campagna di sensibilizzazione prenderà il via in occasione della fiera di primavera di Coira, la Higa, che aprirà i battenti il prossimo mese di maggio.

La pornografia infantile documenta sempre abusi sessuali commessi su bambini ed quindi è un crimine a tutti gli effetti. Purtroppo in World Wide Web il business della pedopornografia non conosce crisi: in rete i pedofili si scambiano materiale pedopornografico e nelle chats e nei forum si incontrano e si scambiano le loro fantasie sessuali. Nelle chats e nei forum per giovani navigatori è possibile allacciare contatti diretti con bambini ed adolescenti, nel corso dei quali le molestie e gli abusi sessuali sono all’ordine del giorno. Non di rado vengono fissati veri e propri incontri, nel corso dei quali avvengono gli abusi sessuali.
La Polizia è presente anche su Internet! Nessuno naviga anonimamente in rete. Internet non è una zona franca.
Questo è il perno della campagna di sensibilizzazione della Polizia cantonale, promossa in continuità con la campagna del Centro Svizzero di Prevenzione della Criminalità (USPC). Da ultimo ricordiamo che a livello cantonale, la Polizia lavora con altri servizi specializzati dell’Amministrazione cantonale, come ad esempio l’Ufficio per la protezione dell’infanzia.

Riconoscere tempestivamente i pericoli di Internet
Le categorie maggiormente a rischio sono i bambini di età inferiore ai dodici anni e gli adolescenti tra la pubertà e l’età limite della protezione. La pedopornografia in rete è un problema grave a livello mondiale e può comportare veri e propri abusi sui miniori. E’ pertanto indispensabile sensibilizzare la società, soprattutto genitori, bambini e adolescenti, senza trascurare le persone a rischio, dei pericoli e delle possibilità offerte dalla rete per la diffusione di pornografia infantile.
Con una campagna mirata, secondo le specifiche necessità delle varie categorie di persone interessate, la Polizia cantonale vuole far conoscere i pericoli insiti in Internet e mostrare il modo più efficace per tutelarsi. Diverse sono le pubblicazioni disponibili: un Flyer offre informazioni di carattere generale, la rivista „Cybermondo“ illustra diversi aspetti del tema e fornisce consigli pratici, inoltre sono a disposizioni di bambini e genitori diversi opuscoli che insegnano come navigare sicuri in Internet e tutelarsi da malintenzionati. Ricordiamo inoltre che l’Ufficio prevenzione della Polizia cantonale dei Grigioni ha pubblicato assieme alla Banda della Polizia cantonale dei Grigioni un vademecum dal titolo „Tipps für Mädchen und Jungs“.

Consigli per tutta la famiglia
Numerosi sono i siti che offrono consigli pratici per navigare sicuri in rete. Il sito www.stop- pornografia-infantile.ch dà risposta ai quesiti più frequenti, www.safersurfing.ch offre ai ragazzini tra i 10 ed i 13 anni la possibilità di verificare la loro abilità nel chattare sicuri. Sul sito della Polizia cantonale dei Grigioni www.kapo.ch si possono trovare altri siti utili.

Conferenze in tutto il Cantone
Nel corso di quest’anno la Polizia cantonale dei Grigioni e l’Ufficio per l’aiuto alle vittime di reati/per la protezione dell’infanzia terranno una serie di conferenze sul tema della pedopornografia in rete. Alle fiere di primavera ed autunno di Coira Higa e Gehla e alla Landquarter-Mäss la Polizia cantonale sarà presente con un suo stand. Per gli allievi delle scuole secondarie di Coira ed i loro genitori è in programma un ciclo di conferenze, che si terrà secondo un piano separato.
Le date:
- 11 – 20 maggio 2007: Stand alla Higa con conferenze, Coira
- 15 maggio 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia, Coira, Scuola Quader
- 5 giugno 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia, Coira, Scuola Giacometti
- 12 giugno 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia, Thusis
- 19 giugno 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia, Davos
- 31 agosto – 9 settembre 2007: Stand alla Gehla, Coira
- 2 ottobre 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia,, Samedan
- 16 ottobre 2007, 19.30 h: Conferenza Polcantonale/Ufficio per la protezione dell’infanzia (italiano), Grono
- 25 – 28 ottobre 2007: Stand alla Landquarter-Mäss , Landquart

Quelle: Kantonspolizei Graubünden
Neuer Artikel