Navigazione principale

Contenuto della pagina

Interpellanza Paterlini concernente la riduzione della burocrazia nel settore sanitario!

Sessione: 22.10.2019

Da oltre 20 anni in tutta la Svizzera le spese sanitarie e di conseguenza i premi delle casse malati aumentano ogni anno. Anche l'evoluzione dei costi delle case per anziani e di cura conosce una sola direzione. Gli sviluppi generali degli stipendi, i maggiori requisiti in termini di qualità riguardo alla costruzione e alla gestione nonché altri sviluppi comportano costi maggiori per ospiti di istituti, casse malati e comuni.

Sono numerose le prestazioni che vengono fornite a favore degli ospiti di istituti. Molte di queste sono state stabilite mediante le ultime revisioni parziali della legge sulla cura degli ammalati e delle relative ordinanze. Però ci sono anche prestazioni che non hanno una correlazione immediata con un'assistenza di qualità fornita agli ospiti di istituti.

Non si tratta di prestazioni nel settore delle cure, dell'economia domestica e alberghiero, bensì di prestazioni nel settore amministrativo, come ad esempio la presentazione dei conti, la tipologia di revisione e le misure di garanzia della qualità.

L'art. 27 cpv. 1 della legge sulla cura degli ammalati nonché l'art. 2 cpv. 1 dell'ordinanza della legge sulla cura degli ammalati (OLCA) del Cantone dei Grigioni prevedono che le case di cura allestiscano la presentazione dei conti secondo i principi emanati dalla Fondazione Swiss GAAP RPC, nonostante tali prescrizioni siano previste per aziende con più di 50 impieghi a tempo pieno, una somma di bilancio di 10 mio. e una cifra d'affari annua di 20 mio. Tra le 53 case di cura del Cantone ci sono numerose piccole strutture con talvolta meno di 20 posti letto, che non raggiungono di gran lunga i valori indicati.

La situazione relativa alle prescrizioni cantonali riguardo alla tipologia della revisione è analoga. Tutti gli istituti devono svolgere una revisione ordinaria. Si tratta di una revisione completa e quindi più costosa, che viene richiesta anche per istituti che hanno meno di 20 posti letto! Ciò avviene nonostante il CO prescriva una revisione ordinaria per aziende con più di 50 impieghi a tempo pieno, una somma di bilancio di 10 mio. e una cifra d'affari annua di 20 mio., stabilendo che almeno due dei valori indicati devono essere superati.

Ciò considerato, le firmatarie e i firmatari desiderano sapere dal Governo:

1.     Quali sono i motivi che spingono il Governo a mantenere la burocrazia descritta?

2.     Quali vantaggi immediati traggono gli ospiti di una piccola struttura dalla burocrazia descritta?

3.     Quali vantaggi comportano le prescrizioni cantonali descritte per i comuni che si trovano a dover sostenere i disavanzi?

Coira, 22 ottobre 2019

Paterlini, Engler, Hohl, Baselgia-Brunner, Berther, Berweger, Bettinaglio, Brandenburger, Brunold, Buchli-Mannhart, Cahenzli-Philipp, Cavegn, Crameri, Danuser, Degiacomi, Della Cà, Deplazes (Rabius), Derungs, Dürler, Epp, Felix, Gartmann-Albin, Gasser (Coira), Gort, Gugelmann, Hardegger, Hitz-Rusch, Holzinger-Loretz, Horrer, Hug, Jenny, Jochum, Kienz, Kohler, Kunfermann, Kunz (Fläsch), Kuoni, Locher Benguerel, Loepfe, Maissen, Michael (Donat), Müller (Susch), Natter, Papa, Perl, Preisig, Ruckstuhl, Rüegg, Rutishauser, Salis, Sax, Schmid, Schneider, Schutz, Thomann-Frank, Thür-Suter, Tomaschett-Berther (Trun), Ulber, von Ballmoos, Waidacher, Weber, Wellig, Widmer (Felsberg), Widmer-Spreiter (Coira), Zanetti (Sent), Fasani-Horath, Patzen, Sturzenegger

Risposta del Governo

In data 13 giugno 2008 l'Assemblea federale ha approvato la legge federale concernente il nuovo ordinamento del finanziamento delle cure posta in vigore dal Consiglio federale con effetto al 1° gennaio 2011. Quale conseguenza in data 26 agosto 2010 il Gran Consiglio ha approvato la revisione parziale della legge sulla promozione della cura degli ammalati e dell'assistenza alle persone anziane e bisognose di cure (legge sulla cura degli ammalati, LCA; CSC 506.000). Nel quadro di questa revisione parziale le direttive della Confederazione sono state attuate a livello cantonale. In tale contesto è stato ridisciplinato il finanziamento residuo dei costi per le prestazioni di cura e per prestazioni di cure acute e transitorie da parte dei beneficiari di prestazioni nonché da parte di Cantone e comuni nel settore ambulatoriale e stazionario.

In seguito anche l'ordinanza della legge sulla promozione della cura degli ammalati e dell'assistenza alle persone anziane e bisognose di cure (ordinanza della legge sulla cura degli ammalati, OLCA; CSC 506.060) è stata sottoposta a revisione parziale. Questa revisione parziale dell'ordinanza della legge sulla cura degli ammalati è stata elaborata con il coinvolgimento dei principali attori interessati. Si è trattato della Federazione grigionese ospedali e case di cura (FGOC), dell'Associazione Spitex Grigioni (ASGR), della comunità d'interesse degli infermieri liberi professionisti, nonché del gruppo regionale di consulenza alle madri e ai padri.

Nel settore delle case di cura si è tenuto ampiamente conto delle richieste formulate dai rappresentanti della FGOC. Solo la richiesta di conteggio e versamento mensili dei sussidi cantonali alle prestazioni non ha potuto essere accolta a causa delle scarse risorse di personale disponibili presso l'Ufficio dell'igiene pubblica. Il conteggio avviene trimestralmente per tutti i fornitori di prestazioni aventi diritto a sussidi.

Nel settore stazionario occorreva disciplinare in particolare la procedura per stabilire i costi riconosciuti e le modalità in relazione ai sussidi dell'ente pubblico alle prestazioni. Le direttive concernenti la presentazione dei conti sono necessarie per poter stabilire o calcolare in modo oggettivo le spese riconosciute, la partecipazione ai costi massima degli ospiti di istituti, nonché i sussidi cantonali e comunali alle prestazioni. 

In merito alla domanda 1: da quando il finanziamento delle cure è stato ridisciplinato, l'ente pubblico versa sussidi considerevoli al finanziamento residuo dei costi per le prestazioni di cura e per prestazioni di cure acute e transitorie (Cantone e comuni) nonché per prestazioni complementari soggettive (Cantone). Un rapporto conforme ai principi del Swiss GAAP RPC e alle prescrizioni relative alla revisione comporta i seguenti vantaggi per i comuni e per il Cantone:

-          trasparenza dei conti annuali e migliore comparabilità;
-          base affidabile per l'attuazione del sistema di finanziamento riferito alle prestazioni;
-          base di dati necessaria da utilizzare per il calcolo dei costi quale base per la determinazione annuale dei costi riconosciuti e della partecipazione massima ai costi degli ospiti, nonché dei sussidi cantonali e comunali alle prestazioni.

In merito alla domanda 2: in termini concreti, il vantaggio immediato per gli ospiti consiste nel calcolo corretto dei costi residui che essi sono tenuti a sostenere. 

In merito alla domanda 3: oltre ai vantaggi indicati al punto 1, nonostante un onere inizialmente maggiore, a medio e a lungo termine l'introduzione delle direttive richieste per la presentazione dei conti comporta i seguenti vantaggi per i comuni, ma anche per le case di cura e i loro enti responsabili:

-          strumento di gestione affidabile per valutare i rischi finanziari (situazione patrimoniale, delle finanze e dei redditi);
-          standardizzazione e documentazione delle regolamentazioni e dei processi (manuale);
-          maggiore potere contrattuale nei confronti dei finanziatori (assicuratori ed ente pubblico);
-          presentazione dei conti d'avanguardia con corrispondente effetto positivo sull'immagine.

8 gennaio 2020