Navigation

Inhaltsbereich

Apertura della caccia grigioni 1998

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La stagione di caccia attesa con ansia dai cacciatori è finalmente arrivata. Si tratta del periodo in cui il cacciatore può dedicarsi alla sua attività preferita, all'attività secondaria più bella del mondo, e godersi alcune ore piacevoli. La caccia rappresenta però più di un semplice svago, poiché con essa il cacciatore svolge una mansione a servizio della società. Il compito della caccia consiste nel conservare effettivi di selvaggina sani, adattati alle condizioni locali e strutturati in modo naturale, nel limitare i danni al bosco e alle colture agricole ad una misura tollerabile nonché nel cacciare gli effettivi di selvaggina secondo il principio della sostenibilità. È stato possibile raggiungere tale scopo per gli effettivi di stambecchi, di camosci e di cervi.
L'analisi della situazione effettuata due anni fa ha però anche dimostrato che si rende necessario un cambiamento nell'ambito della caccia al capriolo. Gli effettivi di capriolo presentano uno squilibro in favore delle femmine e della selvaggina giovane e la crescita dell'effettivo primaverile pari al 30% all'anno non viene assorbita dalla caccia. Come conseguenze risultano un'alta mortalità, effettivi locali numericamente troppo alti, in parte caprioli denutriti e eccessivi danni provocati dalla selvaggina. Tutto ciò non è accettabile per ragioni di protezione degli animali e della natura. In stretta collaborazione con la Commissione per la caccia il Cantone ha perciò sviluppato un concetto per la caccia al capriolo attuale e fondato sulla biologia riguardante la selvaggina. In una prima fase gli organi della sorveglianza della caccia hanno abbattuto nel tardo autunno 1996 circa 100 capi di capriolo e l'anno scorso in un secondo tempo si sono svolte delle cacce speciali al capriolo in tre regioni sperimentali. Con tale esperienza il nuovo concetto per la caccia al capriolo è stato ottimizzato e quest'anno potrà essere applicato in tutto il Cantone. Lo scopo del concetto consiste nel regolare effettivi locali e regionali numericamente troppo alti e disciplinare una caccia al capriolo secondo il principio della sostenibilità. Tale obiettivo dovrà essere raggiunto, se necessario, con cacce speciali al capriolo durante il tardo autunno eseguite nelle singole regioni. Nell'ambito di queste cacce speciali potranno essere abbattuti - ad eccezione degli animali ammalati e feriti - soltanto le femmine e i piccoli. L'uccisione mirata delle capriole e dei capretti regola in modo naturale gli effettivi e inoltre migliora la struttura degli stessi. Si rende perciò necessaria la caccia ai capretti cresciuti nel frattempo durante il tardo autunno. L'abbattimento di capretti nel tardo autunno non rappresenta un provvedimento eccezionale, poiché, per le ragioni esposte, succede già da anni nella maggioranza dei cantoni.
Il nuovo concetto per la caccia al capriolo rappresenta un'ulteriore pietra miliare nella pianificazione della caccia nei Grigioni. La nuova regolamentazione della caccia al capriolo é giusta e necessaria per ragioni di protezione degli animali e della natura. Per molti riguardi però esige di più dal cacciatore grigionese. Sono convinto che i cacciatori grigionesi accetteranno tale sfida e sapranno assolvere il compito loro affidato. In tal senso auguro a tutte le cacciatrici e a tutti i cacciatori una buona caccia nonché tanto divertimento e successo.
Organo: Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Fonte: it Consigliere di Stato Luzi Bärtsch
Neuer Artikel