Navigation

Inhaltsbereich

Realizzata la prima tappa dello snellimento del diritto cantonale nel dicembre 1998

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Dopo un'approfondita analisi, il Cantone dei Grigioni ha dato l'avvio, questa primavera, ad un progetto finora singolare in Svizzera che mira a snellire il diritto cantonale ad ogni livello. Per inizio dicembre entrano in vigore i primi passi concreti: sono abrogate 68 ordinanze del Governo e 92 sono modificate.
Il progetto "Concentrazione sull'essenziale e flessibilizzazione della legislazione e dell'applicazione del diritto" (CFLAD) persegue lo scopo di migliorare la qualità degli ordinamenti e delle attività statali. Troppi ordinamenti (in parte superflui) possono limitare un'azione flessibile e conforme alle necessità da parte dell'Amministrazione nonché contenere in misura eccessiva gli spazi aperti a privati.
Il progetto CFLAD è condotto da un gruppo di progetto presieduto dalla Cancelleria di Stato. Esso è composto di rappresentanti d'ogni Dipartimento e seguito, dal profilo scientifico, dal professor Georg Müller, docente di diritto pubblico e scienza della legislazione presso l'Università di Zurigo.

Un progresso conforme ai piani
I progressi conseguiti con il progetto CFLAD avvengono conformemente ai piani. Dalla primavera del 1997 la giungla dei paragrafi grigionesi venne accuratamente ripulita durante quasi un anno. Più di 100 impiegati cantonali hanno dovuto esaminare attentamente il loro rispettivo ramo in conformità ad una dettagliata lista di controllo. Tale esposizione è quindi fluita in un rapporto coordinato che fornisce informazioni in merito a quali atti legislativi cantonali possono essere modificati o abrogati.
Ad ultimazione della fase analitica, il gruppo di progetto CFLAD ha proposto il primo passo operativo che ultimamente è stato approvato dal Governo. Nell'ambito delle ordinanze del Governo avviene una sistemazione marcante: 68 atti legislativi sono abrogati per intero, 92 modificati in parte o completamente (gli atti legislativi in parola saranno pubblicati nella collezione ufficiale delle leggi). Questo pacchetto contiene tutte le ordinanze del Governo che possono essere revocate o modificate senza dovere tener conto del diritto preposto. Questo primo passo porta già ad un notevole snellimento e miglioramento, non soddisfa però gli obiettivi centrali del progetto. Si punta, infatti, a questi con i successivi passi del progetto che consistono nel porre un freno nell'ambito delle leggi e delle ordinanze granconsigliari. In questo settore le competenze incombono al popolo, rispettivamente al Gran Consiglio. Si prevede di portare a termine la parte fondamentale del progetto CFLAD per la metà del 2000.

Legittimazione democratica
Il progetto CFLAD si basa sul programma del Governo 1997-2000. Al titolo "Amministrazione del Cantone e organizzazione dello Stato efficiente e vicina al cittadino" si espone: "Diversi ambiti dell'attività dello Stato nei Grigioni risentono di un'alta densità normativa che rende difficile un'azione flessibile e conforme alla necessità da parte dell'Amministrazione. Progetti come il NPM risultano sensati soltanto se, allo stesso tempo, viene ridotta la densità normativa. Il Governo ha già dimostrato le proprie intenzioni con il rapporto inerente alla deregolamentazione. Il potenziale da ridurre può essere individuato soltanto per mezzo di una verifica integrale del diritto vigente circa le possibilità di abrogazione, riduzione e concentrazione. Contemporaneamente alla riduzione della densità normativa si deve chiarire concretamente come potranno essere applicate, in maniera flessibile, le rimanenti norme nell'ambito delle opportunità giuridiche". In occasione della sessione di maggio 1996 il Gran Consiglio ha preso atto del programma del Governo. Il progetto CFLAD è stato discusso approfonditamente e le rispettive misure sono state espressamente sostenute.

Consultazioni all'indirizzo della Confederazione
Il Governo prende posizione all'indirizzo della Confederazione circa la modifica dell'ordinanza relativa alla tassa d'incentivazione sui composti organici volatili (COV) e il piano settoriale linee di trasmissione elettriche.
Poiché l'attuazione della tassa d'incentivazione COV è molto impegnativa per tutte le parti coinvolte, la prima riscossione verrà posticipata di un anno all'inizio del 2000. Contemporaneamente si propone di saltare il primo anno di contributo, passando da un franco al chilogrammo COV direttamente al secondo livello con due franchi. Il Governo dei Grigioni non ha obiezioni alcune riguardo la modifica proposta. Le premesse per un'attuazione inoppugnabile vengono notevolmente migliorate, senza che debbano essere fatti dei tagli agli obiettivi perseguiti dalla politica contro l'inquinamento atmosferico e senza pregiudicare l'efficacia della tassa.
Il previsto piano settoriale per le linee di trasmissione elettriche vuole creare a lungo termine e su larga scala chiarezza in quali valli o aree può essere edificato un corridoio per un tracciato di condotte da definirsi in un secondo tempo. Vuole mostrare come il progetto relativo alle linee ad alta tensione possa essere integrato nell'esistente rete di trasmissione delle centrali elettriche e della FFS e come si svolge l'armonizzazione con gli atri progetti a livello di Confederazione e Cantone. Il piano settoriale è il risultato di una pluriennale collaborazione tra autorità federali e cantonali, centrali elettriche e organizzazioni ambientaliste nel quadro del concetto energia 2000. Il Governo Grigione può approvare questo piano soltanto alle seguenti condizioni: il piano settoriale deve concentrarsi sulle strutture generiche del circuito ad alta tensione relativo all'approvvigionamento generale dai 200 kV in su e, nel caso in cui venga inclusa la rete ferroviaria, limitarsi a "livello di interconnessione" dai 130 kV in poi; deve tener conto del collegamento tra reti europee e deve abrogare le attuali tappe della procedura al fine di ottenere un'effettiva semplificazione.

Aiuti umanitari
Nell'ambito dei mezzi finanziari a sua disposizione il Cantone dei Grigioni sostiene progetti di sviluppo e aiuto in caso di catastrofi all'estero. Il Governo assegna contributi per un importo totale di 38'000 franchi alle seguenti istituzioni: ­
Croce Rossa Svizzera in favore dei soccorsi per le vittime di inondazioni a Bangladesch e in Cina, ­
Terre des Hommes in favore del progetto soccorso ai fanciulli contro la SIDA in Uganda, ­
Brot für alle in favore del progetto SAHANIVASA (sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori agricoli che non possiedono terreni propri e dei piccoli coltivatori) a Andhra Pradesh, in India, ­
Médecins sans frontières in favore del sostegno tecnico della rete sanitaria nel territorio di Salamago, in Etiopia, ­
Swisscontact in favore del programma d'incoraggiamento dell'artigianato in Bolivia, nonché ­
Amici svizzeri dei villaggi SOS per bambini in favore della costruzione di un villaggio per bambini a Korca, in Albania

Dai Comuni
In linea di massima vengono approvati i progetti preliminari per la trasformazione/il risanamento dell'edificio scolastico e del Rotem Schulhaus a Thusis. Ai costi preventivati di circa 1.25 mio. di franchi vengono garantiti sussidi cantonali pari al 17.5 per cento.
Viene approvata con un rinvio la nuova legge edilizia di Churwalden.

Affari del personale
A fine ottobre andranno in pensione: ­
Adrian Bernegger, Klosters, cantoniere presso l'Ufficio tecnico di circondario, Davos, ­
Christian Capaul, Domat/Ems, agente di polizia cantonale, e ­
Enrico Turganti, Grono, direttore del Centro sociale regionale Moesa.
Il Governo ringrazia questi collaboratori per i servizi resi al Cantone. ­
Beat Calonder, nato nel 1955, di Coira e ivi domiciliato, diventa caposervizio presso l'Ufficio per la protezione dell'ambiente per inizio febbraio 1999,
- Claudio Hagmann, nato nel 1972, di Sevelen, domiciliato a Trin, diventa ingegnere tecnico IC presso l'Ufficio d'informatica. Inizierà la sua attività per inizio gennaio 1999,
- Alexander Hänni, nato nel 1962, di Gerzensee BE, domiciliato a Trimmis, per inizio gennaio 1999 diventa caposettore consulenza presso l'Ufficio d'informatica, e
- Marcel Suter, nato nel 1965, di Oberentfelden AG, domiciliato a Coira, diventa collaboratore giuridico dell'ingegnere capo presso l'Ufficio tecnico. Inizierà la sua attività nel marzo 1999.
Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel