Navigation

Inhaltsbereich

La Commissione costituzionale è favorevole alla riforma giudiziaria

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La Commissione costituzionale si è riunita recentemente sotto la direzione del Consigliere di Stato Peter Aliesch per occuparsi della riforma dell'organizzazione giudiziaria grigione. Essi si è tuttavia limitata alle questioni relative alla nuova costituzione. La riforma giudiziaria mira a un'organizza-zione più efficace nonché a una giustizia più rapida e più disponibile nei confronti del cittadino. La commissione è pienamente d'accordo con questi obiettivi. La delimitazione nei confronti della nuova Costituzione cantonale non crea secondo la commissione problemi di sorta, di modo che essa sostiene il presente disegno.
Un importante punto di contatto tra la riforma giudiziaria e la riforma della costituzione riguarda la suddivisione del Cantone. La prima prevede per i tribunali penali e civili di prima istanza una riduzione da 14 a 10 distretti. La Commissione costituzionale esamina dal canto suo la possibilità di svolgere meglio e in modo finanziariamente più vantaggioso mediante nuove strutture determinati compiti amministrativi a livello regionale. A causa di chiarificazioni di fondo la commissione non può ancora rilasciare dichiarazioni concrete. Eventuali nuove strutture devono rendere possibile un adempimento sensato, efficiente ed economico dei compiti e tener conto della situazione geografica. Sotto questo punto di vista la suddivisione dei compiti amministrativi non deve essere necessariamente identica ai distretti giudiziari.
La Commissione costituzionale appoggia inoltre il previsto mantenimento degli attuali circoli e della funzione del presidente di circolo. Devono tuttavia essere soppressi i tribunali di circolo e le loro commissioni. Solo così è possibile ovviare alla forte dispersione e all'evidente sovraorganizzazione nel settore dei tribunali. Viene pure accettata la proposta, secondo cui d'ora in avanti i tribunali distrettuali dovranno essere eletti dagli aventi diritto di voto.
I professori Tobias Jaag e Tomas Poledna hanno già rinviato nelle loro perizie alla notevole necessità d'agire nel campo dell'organizzazione giudiziaria. Dato che il Governo ritiene urgente la riforma giudiziaria, essa dovrà essere scissa dalla revisione totale della Costituzione cantonale e realizzata prima. Il progetto della riforma giudiziaria, allestito dal Presidente del Tribunale cantonale Alex Schmid, è stato concepito in modo da essere integrato armonicamente nella revisione della costituzione. Il necessario coordinamento tra i due progetti è così garantito.
Persona contattabile:
Consigliere di Stato dott. Peter Aliesch, tel. 081-257 25 01

Organo: Dipartimento di giustizia, polizia e sanità dei Grigioni
Fonte: it Commissione costituzionale
Neuer Artikel