Navigation

Inhaltsbereich

Il pioniere dell'EED Sergio Crosina va in pensione

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Sergio Crosina, capo dell'Ufficio d'informatica del Cantone dei Grigioni, va meritatamente in pensione il 28 febbraio 1998. Per più di 27 anni ha diretto il destino dell'Ufficio con tanta avvedutezza ed impegno personale. Come uomo della prima ora seguì l'introduzione dell'EED nell'Amministrazione cantonale dagli inizi. Durante l'intera durata della sua carica si è impegnato a potenziare l'EED nell'Amministrazione cantonale entro limiti finanziariamente accettabili e ad adeguarla contemporaneamente in modo tecnicamente sensato al rapido sviluppo.
Nato e cresciuto a Zurigo, dopo la maturità ha concluso in primo luogo una formazione commerciale e ha lavorato per qualche tempo in una banca. Successivamente cominciò parallelamente al lavoro uno studio di economia all'Università di Zurigo, che terminò nel 1961 con la licenza. Dopo esser di nuovo stato attivo nel settore delle banche, diventò assistente del Professor Küenzi a Zurigo. Durante questo tempo scrisse una tesi in merito a modelli di simulazione economici. Su richiesta del Cantone dei Grigioni Sergio Crosina si stabilì poi a Coira. Il Gran Consiglio aveva creato a Coira nel 1969 un Servizio per l'elaborazione dei dati. Già nel 1970 venne eletto come direttore del citato Servizio e assunto a tempo pieno dal Cantone. Diresse il Servizio dagli inizi fino all'odierno Ufficio d'informatica con i settori centro di calcolo e telecomunicazione, sviluppo dell'applicazione e sostegno decentralizzato nonché più di 20 collaboratori.
All'inizio Sergio Crosina lavorava con il calcolatore della Banca Cantonale dei Grigioni e appena a partire dal 1978 poté usufruire di un proprio host. A questo proposito Sergio Crosina definisce come pietra miliare la fondazione di un centro di calcolo insieme alla Cassa di compensazione. La collaborazione perdura ancora oggi.
Nel 1985 l'ondata dei PC raggiunse anche il Cantone. D'ora in poi il motto era: "decentralizzazione dell'EED”. Negli ultimi anni l'integrazione del Cantone nella rete è stata accelerata e sotto la responsabilità di Sergio Crosina è stato possibile introdurre nell'Amministrazione cantonale la posta elettronica (E-Mail) e - almeno parzialmente - l'Internet.
Chi tiene presente l'enorme sviluppo degli ultimi 30 anni nel settore dell'EED può immaginare quanto lavoro ha compiuto Sergio Crosina per il Cantone, per cui gli siamo riconoscenti. Sergio Crosina non accennerebbe mai alle proprie prestazioni. Non è un uomo dalle grandi comparse e dai forti toni, al contrario. Sottolinea piuttosto le prestazioni degli altri, invece di mettere in primo piano se stesso. Chi conosce Sergio Crosina sa però che ha sempre lavorato coscienziosamente e fermamente alla realizzazione dei suoi impegni pur rimanendo sempre cortese e gentile. I suoi collaboratori lo stimavano molto.
Interpellato sulle esperienze positive accenna spontaneamente alle buone relazioni con gli uffici e al clima positivo all'interno dell'Ufficio. Quest'ultimo viene confermato efficacemente in particolare dalla bassa quota di fluttuazione.
Nella carriera di Sergio Crosina ci furono anche lati negativi, di cui ne parla apertamente a tutti gli interessati. All'inizio degli anni 90 la stampa sospettò un "caos di computer nell'Amministrazione cantonale” e attacchi nel Gran Consiglio portarono ad una vasta inchiesta tramite un esperto esterno. La perizia depose completamente a favore del capo e gli attestò un accurato e sensato impiego dei mezzi e un procedimento adeguato per quanto riguarda la pianificazione e l'acquisto.
Alla fine del 1997 Sergio Crosina ha consegnato al suo successore, Hans Ruedi Graf, un Ufficio collaudato e ben funzionante.
Il dott. Sergio Crosina lascia dietro di se una vita lavorativa interessante e piena di soddisfazioni. Gli auguriamo di cuore che possa godersi appieno con sua moglie la meritata quiescenza. Come da lui espresso vuole tra l'altro intraprendere diversi viaggi e seguire dei corsi all'Università di Zurigo.

Consigliere di Stato dott. Aluis Maissen
Fonte: it
Neuer Artikel