Zum Seiteninhalt

Autunno: un periodo critico per i ricci

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Ogni anno muoiono di una morte crudele nei vigneti della Svizzera migliaia di uccelli e centinaia di ricci, rimanendo impigliati nelle reti che avvolgono le vigne. Quest'ultime vengono posate per proteggere l'uva dai cosiddetti uccelli problematici quali merli o storni. Tuttavia le reti non distinguono fra i ladri dell'uva e gli altri uccelli. Anche gli uccelli rapaci che scoprono fra le reti una preda apparentemente facile si impigliano nelle maglie e muoiono atrocemente.
Questa strage potrebbe essere evitata senza grandi sforzi, tenendo a dovere le reti e cercando di non lasciare delle aperture. Inoltre esse dovrebbero essere possibilmente fissate un pò rialzate da terra, così da poter consentire ai ricci di passarvi sotto. Se queste reti devono per un motivo o l'altro essere fissate a terra, occorre badare che su quest'ultima non rimangano delle parti della rete sciolte.
I ricci sono di regola animali notturni. Dove vi sono reti sparse sul suolo, vi è grande pericolo che essi restino impigliati nelle maglie con le zampe, la testa o gli aculei. Allora per essi non c'è più via di scampo. I sottili fili delle reti sintetiche li feriscono gravemente, causando loro una morte atroce. I ricci gravemente feriti devono spesso essere uccisi. I viticoltori che fissano in modo poco accurato le loro reti devono essere contattati e resi attenti sul problema.
I ricci vanno in letargo. In casi d'emergenza le stazioni di cura per ricci possono accoglierli durante l'inverno. Gli amici degli animali dimenticano spesso che i ricci sono animali selvatici protetti, che devono per quanto possibile essere lasciati in libertà. Non tutti i ricci che s'incontrano di giorno sono malati e devono essere curati! E tanto meno tutti i piccoli ricci sono orfani abbandonati dai genitori! Per i ricci la situazione si fa critica quando il terreno è gelato o quando è ricoperto da una coltre compatta di neve. Il miglior servizio glielo si rende mettendo loro a disposizione nel giardino un grande mucchio di foglie per il letargo.
Chi desidera tenere dei ricci deve possedere un'autorizzazione. Chi trova un riccio d'inverno e ha la possibilità di farlo svernare in giardino, può ritirare un foglio informativo presso l'Ufficio per la natura e il paesaggio, Rohanstr. 5, 7000 Coira. I ricci dovrebbero essere portati alla stazione di cura solo se malati o feriti. Fino a nuovo avviso nei Grigioni il Tierheim Chur, Rheinmühleweg 84 è l'unico istituto a disporre di una stazione di cura per i ricci.
Organo: Ufficio per la natura e il paesaggio
Fonte: it Ufficio per la natura e il paesaggio
Neuer Artikel