Zum Seiteninhalt

Ovviamente i gipeti barbuti si sentono a loro agio nei Grigioni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Alcuni dei 15 giovani gipeti barbuti liberati dal 1991 in Svizzera sembrano sentirsi a loro agio nei Grigioni. Nella regione Zernez-Passo del Forno-Stelvio due coppie di gipeti barbuti si sono perfettamente ambientate. Il Governo sostiene nuovamente la loro reintroduzione con un sussidio.
È dal 1978 che si cerca di reintrodurre a livello internazionale il gipeto barbuto nella zona alpina. In Svizzera, la Società per la reintroduzione del gipeto barbuto (GWB) si è assunta oltre all'effettiva liberazione e alla loro sorveglianza anche compiti d'informazione e di coordinazione. Dal 1991 fino al 1998 la GWB ha liberato, con l'approvazione del Consiglio federale, un totale di 15 giovani gipeti barbuti. Il progetto inerente ai gipeti barbuti viene a costare annualmente dagli 80'000 ai 90'000 franchi, il Cantone dei Grigioni vi ha partecipato sin dall'inizio. Al progetto parziale "Svolgimento e sorveglianza scientifica della reintroduzione dei gipeti barbuti" il Governo versa un contributo pari a 15'000 franchi. Nel corso degli ultimi due anni il progetto relativo ai gipeti barbuti è entrato in una nuova fase: nell'area Zernez-Passo del Forno-Stelvio si sono formate due coppie e nel Parco Nazionale dello Stelvio si è per la prima volta potuta osservare la buona riuscita di una covata.
La Commissione ripartirà le donazioni destinate alle vittime delle valanghe
Al fine di coordinare l'impiego del denaro donato per riparare i danni causati dalle valanghe nel febbraio del 1999, sarà istituita una Commissione (Coordinazione delle donazioni valanghe febbraio 1999). La presidenza sottostà al Consigliere di Stato Stefan Engler, ne fanno inoltre parte: Alberto Crameri (segretario del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste), Paul Cathomen (direttore aggiunto dell'Assicurazione fabbricati dei Grigioni), Haimo Heisch (capo dell'Ispettorato cantonale dei comuni) nonché Andrea Ferroni (capo dell'Ufficio del servizio sociale). La Commissione accerta e registra le entrate delle offerte, accetta gli avvisi di sinistri e le domande d'aiuto, si occupa della ripartizione e del coordinamento delle prestazioni d'aiuto dalle donazioni come pure da mezzi del Fondo per i danni causati dalle valanghe 1999, informa e redige i relativi rapporti. Le ulteriori particolarità, segnatamente le informazioni in merito al modo di procedere in caso di presentazione della domanda d'aiuto vengono pubblicate nel Foglio ufficiale cantonale. In linea di massima le domande vanno inoltrate per iscritto tramite i comuni. Il denaro va in primo luogo impiegato in caso di rischio dell'esistenza o di forti oneri da costi residui.
Anche in futuro sette consigliere/consiglieri federali
Il Governo Grigione prende posizione all'attenzione del consigliere federale Arnold Koller in merito alla Riforma della direzione dello Stato della Confederazione. La Confederazione sottopone due varianti. La prima intende potenziare la presidenza della Confederazione, la seconda prevede un Governo a due livelli. (collegio delle consigliere/dei consiglieri federali e ministri). Il Governo Grigione non accondiscende le due proposte, dà pertanto tendenzialmente la preferenza alla variante relativa ad una presidenza potenziata. Quest'ultima resterebbe in linea di massima fedele all'attuale collegialità e al principio relativo ai dipartimenti, sviluppando ulteriormente l'attuale sistema. Un governo federale su due livelli porterebbe ad un mutamento delle attuali strutture dirigenziali, indebolirebbe la collegialità, confonderebbe le competenze e le incombenze, gonfiando l'apparato amministrativo e le procedure. Entrambi le nuove varianti proposte sono considerate con un certo scetticismo, poiché, infatti, si tratta semplicemente di riforme di carattere organizzativo. Il Governo Grigione difende per contro lo sgravio del Consiglio federale da compiti di secondaria importanza. La creazione di nuovi e necessari spazi liberi per gli effettivi compiti di direzione dello Stato comporta un'approfondita analisi degli incarichi.
Il Governo è dell'avviso che la questione inerente al potenziamento del Consiglio federale dipende dal fatto se le citate misure di sgravio dei membri del consiglio federale vengano conseguentemente messe in pratica. Prima di raggiungere tale obiettivo si dovrebbe rinunciare al potenziamento del Consiglio federale.
Sussidi alla cultura
Le seguenti istituzioni ottengono sussidi alla cultura per un totale di 34'000 franchi: ­
Società pittori, scultori e architetti svizzeri (GSMBA), sezione Grigioni, sussidio agli utenti dell'atelier Fernando et Jean-Luc Lardelli Cantons des Grisons a Parigi, ­
Comitato organizzativo 23esima Festa cantonale del canto grigione 19/20 giugno 1999 a Samedan per i due concerti dei cori giovanili (libro musicale per bambini di San Francesco d'Assisi) e ­
Kinderzirkus Lollypop per il programma 1999.
Dai Comuni
Il progetto per la nuova costruzione di due case per gruppi per il "Kinderheim Gott hilft" a Zizers è definitivamente approvato con riserve e rinvii (costi d'impianto computabili circa 4.3 mio. di franchi, sussidio cantonale 20 percento).
È approvata la revisione parziale della costituzione comunale di Sufers.
Il Governo chiede all'Ufficio federale dei trasporti di concedere alla Stätzerhorn Ski- und Sessellift AG la concessione per una seggiovia a sei posti da Rungg al Stätzerhorn con oneri e riserve. La nuova seggiovia sostituirà la sciovia doppia.
Complessivamente vengono stanziati dei crediti ammontanti all'incirca 1.5 mio. di franchi per diversi progetti di costruzioni stradali nel Cantone.
Affari del personale
Hans Ulrich Wehrli, nato nel 1972, domiciliato e attinente di Saas i.P., diventa revisore/economista aziendale presso il Controllo delle finanze. Inizierà la sua attività i primi di maggio 1999.
Cancelleria di Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel