Zum Seiteninhalt

Marchio di qualità per il laboratorio veterinario batteriologico dei Grigioni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Laboratorio veterinario batteriologico del Cantone dei Grigioni (abbr. tedesca GRVbL) è stato certificato dal Servizio d'accreditamento svizzero dell'Ufficio federale di metrologia, incaricato della certificazione dei laboratori veterinari secondo la norma SN EN 45001. Con questa certificazione il laboratorio veterinario batteriologico dei Grigioni adempie pure i requisiti più importanti richiesti dalla norma ISO 9002.
Tenor la nuova ordinanza sulle epizoozie, entro la fine del corrente anno tutti i laboratori ufficiali per la diagnosi di epizoozie devono essere in possesso di questa certificazione. Scopo primario di questa certificazione, è quello di conseguire a livello europeo uno standard uniforme nella lotta contro le epizoozie. A far data dal 1 gennaio 2000 solo i laboratori in possesso della certificazione potranno ricevere incarichi ufficiali dalla Confederazione o dai Cantoni ed essere attivi per l'ente pubblico nella diagnostica delle epizoozie.
Per soddisfare alle condizioni poste dall'ordinanza sulle epizoozie, il GRVbL ha creato un proprio sistema di controllo della qualità, a cui sottostanno tutte le principali attività e tutti i processi di controllo a livello batteriologico. Il sistema di controllo si fa garante dell'alto livello raggiunto e consente una costante verifica delle analisi eseguite, tanto da riconoscere tempestivamente eventuali defezioni o cali di qualità dei test. Il sistema di controllo della qualità costituisce pure un importante strumento di lavoro per il GRVbL, che è in grado di ottimizzare i processi lavorativi ed offrire ai propri clienti un servizio di prima qualità. La formazione permanente del personale e il ricorso a sempre più moderne tecnologie nel campo delle analisi di laboratorio completano l'offerta.
Elemento essenziale del sistema di controllo della qualità è il nuovo vademecum, redatto per la clientela del GRVbL. Esso contiene in dettaglio tutti i dati e le informazioni necessari per un'efficiente collaborazione con il laboratorio, ad esempio illustra come vanno presi i campioni di prova da inviare al laboratorio per le analisi, come questi siano da contrassegnare e le modalità del loro invio. Seguendo attentamente le direttive contenute nel vademecum è possibile evitare quegli errori di misurazione, imputabili ad una scorretta rilevazione dei campioni di prova. Così facendo si contribuisce indirettamente ad assicurare un lavoro qualitativamente valido, che a sua volta si riflette sui risultati ottenuti, ed infine, si ripercuote positivamente sul lavoro medesimo dei clienti.
Il vademecum contiene pure delle indicazioni sul genere di analisi che possono venir eseguite presso il laboratorio veterinario batteriologico e dei relativi costi.
Il laboratorio veterinario batteriologico dei Grigioni è un'istituzione integrata nell'ufficio veterinario cantonale e sussidiata dal Cantone. Scopo principale del GRVbL è di garantire la salute pubblica e la prevenzione delle epizoozie, che possono colpire il bestiame produttivo e le ripercussioni di queste malattie catena alimentare (avvelenamenti).
Il GRVbL è stato aperto nel 1955 a seguito dell'epidemia di Abortus di Bang, un'epizoozia che può essere trasmessa anche all'uomo. Il laboratorio si è successivamente sviluppato come centro di servizio a favore dei veterinari del Cantone, e, a cui fanno tuttora capo gli uffici pubblici di altri Cantoni.
Il laboratorio è incaricato dal Cantone di fornire un'assistenza di base nel campo della medicina veterinaria e nella lotta contro le epizoozie. Il GRVbL sorveglia inoltre il rispetto delle misure d'igiene prescritte per le carni e le derrate alimentari. Il laboratorio è a disposizione dei veterinari operanti nel Cantone per le analisi correnti nel campo della diagnostica.
Organo: Dipartimento dell'interno e dell'economia pubblica dei Grigioni
Fonte: it Ufficio veterinario
Neuer Artikel