Zum Seiteninhalt

Nessun ampliamento dell'"Heliskiing" nei Grigioni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Quale Cantone di montagna e turistico i Grigioni da un lato dipendono certamente da una buona infrastruttura per l'aviazione civile, e dall'altro si tratta di assumersi la responsabilità della protezione della natura e del paesaggio.
Il Governo prende posizione nei confronti dell'Ufficio federale dell'aviazione civile sul progetto per un piano concernente l'infrastruttura dell'aviazione (PIA). Quest'ultimo concerne essenzialmente le piste di atterraggio per elicotteri e i terreni d'atterraggio in montagna e comprende un lasso di tempo di 10 - 15 anni. Già nel 1993 il Governo aveva considerato e ponderato nel quadro di uno studio cantonale (Progetto 1993) sia gli interessi di utilità che quelli di protezione. Il Progetto 1993 constata che i Grigioni dipendono da una buona infrastruttura per l'aviazione. Per lo spazio vitale ed economico dei Grigioni è importante che anche l'aviazione fornisca un contributo per mantenere e potenziare la concorrenzialità e la competenza di mercato. Il Governo si attende poi che il PIA sviluppi questi effetti, sostenendo in tal modo gli obiettivi della sistemazione del piano direttore cantonale, attualmente in fase di rielaborazione. Contemporaneamente il progetto in parola mette pure in evidenza la necessità d'introdurre limitazioni nel settore dell'aviazione civile segnatamente per motivi di protezione della natura e dell'ambiente.

No ai terreni d'atterraggio di ripiego in montagna
Riguardo a parecchi terreni d'atterraggio ubicati nei Grigioni nel PIA vengono inoltre designati uno o più punti di ripiego. Dovranno così essere i piloti a decidere, se vogliono dirigersi verso un terreno di atterraggio in montagna o verso i punti di ripiego. Questa regolamentazione dovrà essere introdotta secondo la Confederazione nell'interesse della protezione della natura e del paesaggio. Il Governo constata invece che si verificherebbe proprio il contrario, in quanto con questa innovazione verrebbero rese accessibili numerose nuove zone per l'heliskiing. L'Esecutivo si era già pronunciato contro la delimitazione di nuovi terreni d'atterraggio in montagna nel citato Progetto 1993 e mantiene fede tuttora a questa decisione. I previsti punti di ripiego vengono perciò respinti. L'unico terreno di atterraggio in montagna nei Grigioni adatto all'Heliskiing si trova sulla Fuorcla Chamuotsch nella zona del Giulia/Engadina Alta. Esso esiste dal 1981 e non deve venir affiancato da altri.

Buona rete di campi d'aviazione, eliporti e terreni d'atterraggio in montagna
Il Governo si pronuncia sui singoli campi d'aviazione regionali, eliporti e terreni d'atterraggio in montagna citati nel PIA come segue:
- Campo d'aviazione regionale di Samedan: quest'ultimo è l'unico campo d'aviazione regionale nel Cantone dei Grigioni. Esso è di grande importanza per la regione turistica dell'Engadina Alta. Il suo mantenimento e potenziamento godono di elevata priorità per il Cantone e vengono perciò sostenuti pienamente.
- Nuovo impianto eliporto Davos: già nel Progetto 1993 si era favorevoli a una base supplementare per elicotteri a Davos. La costruzione e l'esercizio di questo impianto vengono chiaramente sostenuti.
- Eliporto di Domat/Ems: quest'ultimo verrà smantellato al più tardi alla fine di maggio del 2003 con l'appoggio del Governo.
- Eliporto di San Vittore: quest'importante pilastro è indiscusso. Per contro il campo d'aviazione militare di San Vittore dovrà scomparire senza sostituzione; la Confederazione dovrà sottoporre al Comune una buona offerta di vendita per l'area che diventerà libera.
- Eliporto di St. Moritz: l'eliporto invernale di St. Moritz dovrà rimanere operativo per il momento. Si dovrà ritornare nuovamente sulla questione, non appena il campo d'aviazione regionale di Samedan sarà stato ampliato. La distanza tra quest'ultima località e St. Moritz è di soli 7.5 chilometri. Inoltre l'eliporto in questione si trova al margine di una zona di protezione della natura e del paesaggio. Già nel Progetto 1993 il Governo aveva dichiarato di voler eliminare a media scadenza questo eliporto.
- Nuovo impianto eliporto Tavanasa: al riguardo vi è in sospeso una procedura. L'Esecutivo è d'accordo con questa ubicazione. Se il progettato eliporto non può essere realizzato in questa località della Surselva per motivi giuridici, si dovrebbe prevedere un nuovo impianto tra Ilanz e Disentis.
- Eliporto di Untervaz: quest'ultimo costituisce unitamente a quello di Samedan e di San Vittore un importante pilastro dell'infrastruttura dell'aviazione die Grigioni e gode quindi di grande priorità.
- Nuovo eliporto Val Monastero: non è contenuto nel PIA, ma previsto nel Progetto 1993. Il Governo propone d'inserire nel PIA un eliporto supplementare per la Val Monastero.
- Richiesto eliporto di Lostallo: per questo impianto non vi è attualmente alcuna necessità e le relative istanze dell'Organizzazione Regionale della Mesolcina, dei Comuni di Lostallo e Soazza nonché della Heli Rezia AG non possono quindi essere sostenute. La Heli Rezia opera attualmente dall'ex aeroporto militare di Ambri.
- Richiesto eliporto di Thusis: anche quest'ultimo non può essere sostenuto dal Governo. Il consiglio comunale di Thusis propone di prendere in esame un eliporto a Thusis come sostituzione di quello di Domat/Ems. Con i previsti nuovi impianti a Davos, nella Surselva e in Val Monastero l'infrastruttura viene già completata e ottimizzata a dovere.
- Gli esistenti terreni d'atterraggio Alp Trida, Arosa, Crap Sogn Gion, Fuorcla Chamoutsch, Fuorcla Grischa, Vadret dal Corvatsch dovranno essere mantenuti.
- L'esistente terreno d'atterraggio Madrisahorn è di secondaria importanza. Il Governo propone di utilizzarlo soltanto ancora per scopi d'istruzione e d'esercizio. Ad esso verrà applicato un divieto generale per voli commerciali.
- L'esistente terreno d'atterraggio Vadret Pers ha soltanto minima importanza ed è oggetto di notevoli conflitti con la protezione del paesaggio e la legislazione sulla caccia. Sulla base di questa situazione di fatto il Governo propone di stralciarlo dall'elenco.
- L'esistente terreno d'atterraggio sul ghiacciaio del Vorab dista solo 6.5 chilometri da quello del Crap Sogn Gion e viene utilizzato principalmente dagli elicotteri di stanza nel Canton Glarona. Per i Grigioni esso è d'importanza secondaria. L'ubicazione non crea praticamente conflitti e può essere mantenuta solo per voli d'elicotteri.
Cancelleria di Stato dei Grigioni
Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel