Zum Seiteninhalt

Alpinismo: la commissione giudica controversa la nuova legge

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
In occasione della sua ultima seduta Commissione cantonale per lo sport sciistico si è occupata del disegno di revisione totale della Legge sulle guide di montagna e sullo sci risp. di una nuova Legge sull'alpinismo. Il disegno è parte integrante del progetto "Concentrazione sull'essenziale e fessibilizzazione della legislazione e dell'applicazione del diritto (CFLAD)". Il termine della procedura di consultazione scade a fine mese.
Le disposizioni di legge sullo sport sciistico non dovranno essere abrogate senza sostituzione, com'è già avvenuto nel Canton Berna o come si accinge a fare ora il Canton Obvaldo. Con la nuova legge s'intende tuttavia ridurre a un minimo l'intervento dello Stato sulle attività dei mastri e delle maestre di sport sulla neve. In primo piano si pongono la sicurezza dell'ospite e non aspetti politico-econo-mici. In sostanza verrà disciplinata unicamente ancora l'attività dei citati maestri (maestri/e di sci, di snowboard o di sci di fondo) su terreno pericoloso. Ciò significa che per insegnare professionalmente lo sci, lo snowboard o lo sci di fondo su pista non occorre più un diploma risp. un certificato di capacità. Fuori dalle piste risp. laddove vi è pericolo di valanghe o di caduta, occorre tuttora una formazione riconosciuta come l'attuale diploma grigione. La formazione dovrà continuare ad essere garantita e sostenuta mediante sussidi.
La citata Commissione cantonale, composta di rappresentanti della Federazione svizzera delle scuole di sci, sezione Grigioni, dell'Associazione dei maestri di sci professionisti, del settore dello snowboard, dello sci di fondo e del turismo, ha deliberato il disegno di legge. Essa si dichiara d'accordo in linea di principio con i seguenti punti:
- Il diploma grigione viene sostituito da certificati svizzeri equivalenti.
- La formazione dei maestri e delle maestre di sport sulla neve e delle guide di montagna continua ad essere garantita ed impartita secondo direttive svizzere. A seconda delle possibilità essa dovrà tuttavia essere impartita da organizzazioni svizzere.
- Il Cantone continua a versare sussidi alla formazione dei maestri e delle maestre di sport sulla neve e delle guide di montagna.
- Entrambe le commissioni cantonali (sport sciistico e guide di montagna) vengono raggruppate in una Commissione per l'alpinismo.
- Le prescrizioni concernenti le tariffe vengono abrogate.
La commissione non ha trovato un'intesa sul fatto che sul terreno non pericoloso (vale a dire sulle piste accessibili) ognuno può praticare l'insegnamento dello sport sciistico. Una parte dei membri della commissione è d'accordo con la liberalizzazione e spera di conseguenza in un incremento della concorrenza. Altri desiderano mantenere fede all'attuale sistema con permesso, poiché temono che la liberalizzazione comporti una perdita di qualità e che la situazione possa in un certo senso diventare incontrollabile. La commissione desidera perciò che queste disposizioni vengano riesaminate all'atto di analizzare il responso della consultazione e che si cerchino, se del caso, delle alternative.
Organo: Commissione per lo sport sciistico dei Grigioni
Fonte: it Commissione per lo sport sciistico
Neuer Artikel