Zum Seiteninhalt

Innovazioni nel controllo del commercio di animali a partire dal 1° luglio 1999

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
I consumatori e le autorità desiderano da anni "trasparenza dal piatto alla stalla", in altre parole una migliore possibilità di ricostruire la provenienza degli animali e della carne. Il Parlamento svizzero ha tenuto conto di quest'esigenza nel quadro della nuova politica agraria (PA 2002) e dichiarato in vigore un anno fa un nuovo sistema di registrazione degli effettivi di animali e di controllo del commercio di animali.
L'elemento principale del sistema è costituito da una banca dati centrale sul commercio di animali (BDCA), grazie alla quale può essere seguito il corso della vita di bovini, maiali, pecore e capre (ungulati) dalla nascita alla macellazione.
Un ulteriore elemento importante per la sorveglianza del corso della vita è costituito dai nuovi documenti di accompagnamento che verranno inviati gratuitamente nei prossimi giorni a tutti i tenutarie di ungulati nel Cantone dei Grigioni. Gli attuali attestati per il commercio verranno eliminati e sostituiti da documenti di accompagnamento, che dovranno essere compilati dagli stessi tenutari. Il modo di procedere viene spiegato in dettaglio dall'Ufficio federale e allegato alla prima serie di 50 documenti di accompagnamento.
Pure dal 1° luglio 1999 i tenutari di animali dovranno tenere un elenco che dà informazioni sulle caratteristiche degli animali, su tutte le variazioni dell'effettivo nonché sui dati concernenti l'insemi-nazione e la monta.
La necessaria documentazione con le relative spiegazioni è pure allegata ai documenti di accompagnamento che verranno recapitati.
L'autunno prossimo si prevede d'introdurre la marcatura dei vitelli appena nati con il nuovo marchio ufficiale della BDCA. La marcatura degli altri ungulati verrà introdotta l'anno venturo. LA BDCA invierà in tempo utile ai tenutari di animali il necessario numero di marchi ufficiali da applicare all'o-recchio, poiché in avvenire saranno i tenutari stessi ad essere responsabili della marcatura.
L'Ufficio veterinario cantonale è convinto che i tenutari grigioni di animali si atterranno scrupolosamente alle nuove misure per un controllo attendibile del commercio di animali. Solo in questo modo potrà essere raggiunto l'obiettivo di assicurare la salute degli animali e quella pubblica e di rafforzare la fiducia della popolazione nella carne e negli altri prodotti di derivazione animale. Il nuovo controllo del commercio di animali costituisce inoltre un presupposto essenziale per l'accesso ai mercati internazionali degli animali svizzeri e degli alimentari che ne derivano.
Organo: Ufficio veterinario dei Grigioni
Fonte: it Ufficio veterinario dei Grigioni
Neuer Artikel