Zum Seiteninhalt

I Grigioni insistono sulla promessa concernente la tassa sul traffico pesante fatta dal Consiglio federale

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo sottolinea nuovamente nei confronti della Confederazione la grande importanza dei proventi derivanti dalla tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni per le regioni di montagna e le regioni periferiche.
I consiglieri federali Kaspar Villiger e Moritz Leuenberger hanno invitato i cantoni a prendere posizione su un disegno d'Ordinanza concernente la tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni. La base legale per questa tassa è stata accettata dal popolo e dai cantoni nel settembre dell'an-no scorso (nei Grigioni 58.9 percento di sì). Questa tassa dovrà sostituire l'attuale tassa forfettaria e verrà introdotta all'inizio del 2001; per i primi anni dovrà fruttare un importo globale pari a 750 milioni di franchi. I cantoni riceveranno un terzo del provento netto (250 milioni di franchi). All'atto di suddividere questa somma tra i cantoni va tenuto conto delle speciali ripercussioni della tassa sulle regioni di montagna e su quelle periferiche. Prima della votazione popolare dello scorso mese di settembre la Confederazione aveva promesso al Cantone dei Grigioni tra il nove e il dieci percento del terzo spettante ai cantoni.
Dell'esecuzione del rilevamento della tassa sono competenti la Direzione federale delle dogane e soprattutto i cantoni. Il Governo esige con fermezza che i cantoni vengano indennizzati completamente per le loro spese d'esecuzione. Esso appoggia la prevista regolamentazione speciale per i trasporti di legname, ma s'impegna per il raddoppiamento del proposto tasso di rimborso pari a 1.30 franchi al metrocubo di legno trasportato.
Oltre a diverse regolamentazioni tecniche e amministrative nel disegno d'Ordinanza del Consiglio federale viene fissata anche la chiave di ripartizione tra i cantoni degli utili della tassa in parola, motivo per cui esso è estremamente importante per il nostro Cantone. Gli aspetti tecnici sono stati regolati in stretta collaborazione con gli uffici cantonali della circolazione e non vi sono riserve al riguardo.
L'Ordinanza contiene la promessa chiave di ripartizione. Sotto forma di due varianti possibili la quota delle zone di montagna e delle zone periferiche ammonta o al 20 oppure al 25 percento. La consultazione dovrà indicare quale delle due quote avrà la meglio. L'Esecutivo chiede nella sua presa di posizione che la Confederazione mantenga la promessa fatta e che tenga conto delle regioni di montagna adottando il valore massimo. Nella sua motivazione esso rinvia tra l'altro alla particolare situazione del nostro ampio e periferico Cantone. Le vallate grigioni che dipendono soprattutto dai trasporti su strada vengono colpite in modo particolarmente duro dalla nuova tassa sul traffico pesante. In ampie parti del territorio cantonale e soprattutto nelle valli molto discoste non è possibile né l'impiego di autocarri da 40 tonnellate né un trasporto su ferrovia. Il trasporto merci può quindi essere effettuato nella maggior parte delle valli solo facendo capo al traffico pesante. L'aumento generale della tassa e la sua struttura dipendente dai viaggi rincarano soprattutto il trasporto in queste regioni. Le maggiori spese non possono essere compensate con guadagni nella produzione mediante un aumento del tonnellaggio o una migliore logistica (l'evitare viaggi a vuoto). Questo rincaro dei trasporti su strada colpisce il nervo vitale di molte regioni periferiche e va nella direzione opposta degli sforzi tendenti a promuovere l'economia in queste zone svantaggiate dal profilo logistico.

La Cassa cantonale pensioni intende passare al primato del contributo
All'inizio del 2001 dovrà entrare in vigore la riveduta Ordinanza cantonale sulla Cassa pensioni. Uno dei punti più importanti riguarda il calcolo delle prestazioni di vecchiaia che consiste nel passaggio dal primato della prestazione al primato del contributo.
Nel primo le prestazioni vengono fissate sotto forma di percentuale dell'ultimo stipendio assicurato e il finanziamento avviene mediante contributi medi. Nel primato del contributo le prestazioni vengono calcolate sul deposito a risparmio individuale. I contributi di risparmio vengono graduati secondo l'età. L'ammontare dei bonifichi a risparmio è stato fissato in modo che in caso di una carriera standard e di un tasso d'interesse sui depositi a risparmio pari al quattro percento nonché di un aumento dello stipendio condizionato dal rincaro pari all'1.5 percento dopo una durata assicurativa completa, viene raggiunta una rendita di vecchiaia pari al 60 percento dell'ultimo stipendio assicurato. Le prestazioni a rischio (invalidità e decesso) continueranno a essere determinate in percento dello stipendio assicurato. Nell'Ordinanza sulla Cassa pensioni verranno fissati unicamente ancora contributi globali la cui suddivisione tra dipendenti e datori di lavoro dovrà competere ai partner sociali.
A favore del passaggio dal primato della prestazione al primato del contributo militano il chiaro concetto di finanziamento comprendente un processo comprensibile e trasparente di formazione del capitale per l'assicurato, la riduzione di solidarietà indesiderate, la postulata flessibilità nelle modifiche nel settore degli stipendi, la semplice esecuzione del libero passaggio e la promozione della propria abitazione con mezzi della previdenza professionale.
Con il cambiamento di sistema la Cassa cantonale pensioni dei Grigioni tiene il passo con i tempi. Molte istituzioni di previdenza di diritto privato e alcune di diritto pubblico hanno già effettuato un passo in tal senso.
Una nuova determinazione dello stipendio assicurato dovrà garantire in modo particolare agli assicurati con stipendi bassi in caso di pensionamento una maggiore quota sostitutiva (rapporto reddito da rendita e reddito da attività lucrativa).
Oggi la Cassa cantonale pensioni dei Grigioni è un istituto dipendente di diritto pubblico del Cantone. A partire dal 1° gennaio 2001 essa dovrà essere un istituto indipendente di diritto pubblico.
Il termine di consultazione è previsto fino a metà ottobre. Una volta analizzati i risultati, il Governo allestirà un messaggio per il Gran Consiglio.

Nuovo modello di finanziamento per il settore vecchiaia e cure
Nel settore della cura e assistenza stazionarie dei pazienti lungodegenti e delle persone anziane dovrà essere introdotto un nuovo modello di finanziamento. Ciò richiede una revisione parziale della Legge cantonale sulla cura degli ammalati. Il Governo dà avvio alla relativa procedura di consultazione che durerà fino a fine settembre. Viene proposto il modello del finanziamento sussidiario dei comuni. Esso prevede la riscossione di tasse che coprono i costi, graduate conformemente alla necessità di cura. Se il reddito degli ospiti di una casa di cura non basta includendo il consumo della sostanza prescritto e le prestazioni complementari non bastano a pagare le tasse, il comune di domicilio deve assumersi la differenza. Al fine di assicurare che i fornitori di prestazioni non riducano la qualità, le offerte di cura e assistenza di pazienti lungodegenti e di persone anziane verranno sottoposte a completa vigilanza da parte del Cantone.

Un progetto sul commercio del bestiame dovrà incrementare le vendite in autunno
Il Governo prende atto del concetto per lo smercio del bestiame 1999 e stanzia per incrementare lo smercio del bestiame un sussidio pari a 600'000 franchi. Siccome la Confederazione giusta la nuova politica agraria non prevede più acquisti di alleggerimento, i Grigioni hanno elaborato una soluzione interna propria. Al fine di togliere dai mercati l'eccesso autunnale nell'offerta, il Cantone promuove lo smercio di animali da reddito organizzando mercati di bestiame e adottando misure di accompagnamento. Se il commercio nei grandi mercati non funziona a dovere, la "Bündner Viehvermittlung AG" acquisterà bestiame a partire da fine di agosto fino a metà dicembre 1999 a prezzi di mercato. Gli animali acquistati verranno rivenduti più tardi nell'apposito centro di Cazis e nel "Marktstall" di Ilanz. Chi acquisterà l'autunno prossimo un manzo e sarà costretto a macellarlo a causa di difetti, beneficerà per il manzo sostituito di una riduzione pari a 400 franchi, se acquisterà l'animale dalla citata società in una delle due località sopraindicate. Siccome l'esportazione verso l'Italia è tuttora bloccata, come nel 1998 anche il prossimo autunno si deve prevedere un eccesso stagionale dell'of-ferta e gli animali in soprannumero dovranno essere macellati.

Il Governo suddivide circa 342'000 franchi provenienti dall'imposta sugli alcolici
La quota cantonale del provento netto della Regia federale degli alcol (decima dell'alcol) viene utilizzata per la lotta contro l'alcolismo e l'abuso di altre sostanze che generano dipendenza (droghe, tabacco, medicinali). Dalle entrate 1997/98, che vengono ripartite nel 1999, verranno versati circa 342'000 franchi (anno precedente 315'000) per sostenere misure di prevenzione nonché istituzioni, ricerche e formazione di specialisti.

La Legge sulla Banca cantonale entrerà in vigore solo il prossimo mese di ottobre
La Legge sulla Banca cantonale grigione non entrerà in vigore come previsto all'inizio di luglio, ma soltanto all'inizio del prossimo mese di ottobre. Questo spostamento di data è dovuto a diversi adeguamenti interni alla banca. Il Governo ha tutto l'interesse a che la BCG porti a termine perfettamente i lavori preliminari. Quale ufficio estero di revisione viene scelta la ditta PricewaterhouseCoopers AG di Zurigo.

Affari del personale
A fine giugno 1999 vanno in pensione i seguenti collaboratori:
- Eva Hartmann, Zizers, assistente amministrativa presso l'Ufficio tecnico, e
- Christian Köhl, Igis, commissario fiscale.
Il Governo li ringrazia dei servizi resi al Cantone.
- Rudolf Leuthold, nato nel 1962, di Nesslau SG, domiciliato a Grüsch, viene nominato capo dell'Ufficio dell'igiene pubblica. Egli inizierà la propria attività all'inizio del 2000.
Cancelleria di Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel