Zum Seiteninhalt

Il Consigliere di Stato Claudio Lardi istituisce una Task Forc PCB

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Nel periodo tra il 1960 e il 1980 nei giunti di dilatazione per le costruzioni in cemento è stata in parte impiegata la sostanza chimica PCB (bifenile policlorurato). Secondo le nozioni attuali il PCB viene considerato come veleno ambientale. In una pubblicazione del 1994 il Servizio federale competente (UFAFP) titolava questo fatto "problema secondario".
In una campagna analitica (intesa come analisi preliminare), ordinata in comune dall'Ufficio per l'ambiente dei Grigioni e dall'Ufficio edile della Città di Coira, è stata trovata la sostanza PCB nei giunti di dilatazione di alcuni palazzi scolastici. Consideriamo queste misurazioni alla stregua di analisi preliminari, in quanto sono stati scelti soltanto alcuni edifici, nei quali quasi sicuramente ci si attendevano simili risultati in considerazione del tipo e dell'anno di costruzione di questi edifici.
Dopo la valutazione dei risultati l'Ufficio per l'ambiente dei Grigioni aveva richiesto il sostegno degli Uffici federali UFAFP e UFSP, in quanto gli accertamenti supplementari superavano le possibilità e le competenze di una campagna a livello cantonale.
1. Mancano metodi uniformi di prelievo e di misurazione per il PCB; le rispettive direttive esistenti in Germania, in Svizzera non sono state adottate rispettivamente dichiarate vincolanti.
2. L'impiego di PCB nei giunti di dilatazione viene constatato nella maggior parte dei Cantoni e probabilmente non si limita soltanto ai palazzi scolastici. Risultati sistematici di altri Cantoni sono noti soltanto dalle ultime settimane.
3. Gli effetti del PCB sulle persone sono poco conosciuti, in parte esistono dichiarazioni contraddittorie anche fra gli esperti. Anche le tecniche di risanamento sono contestate, in caso di un risanamento inadeguato si peggiora il carico inquinante nel locale.
Questa collaborazione intercantonale con la partecipazione dei servizi federali competenti è quindi nata non da ultimo grazie all'iniziativa dei Grigioni. Nella riunione prevista per questa settimana dovrebbero essere decisi eventuali provvedimenti urgenti e l'esecuzione di analisi approfondite. I risultati, in particolare chiare disposizioni nell'Ordinanza sulle sostanze e direttive per il risanamento, dovrebbero essere pronti al più presto entro la metà del 2001.
Il Consigliere di Stato Claudio Lardi ha nominato una task force per regolare questo problema in maniera efficiente ed uniforme nei Grigoni. Oltre agli Uffici edili del Cantone e della Città di Coira ne fanno parte gli specialisti dell'Ufficio per l'ambiente, del Laboratorio chimico e il medico cantonale. Secondo le nozioni attuali non esiste un pericolo acuto di salute sia per gli scolari che per gli insegnanti. In primo luogo la task force si occuperà di accertare, mediante ulteriori analisi, l'ampiezza della diffusione del PCB e di chiarire il fabbisogno dei provvedimenti di risanamento in considerazione delle nozioni acquisite a livello federale. A tale riguardo si informerà tempestivamente e in modo aperto.

Informazioni:
Peter Baumgartner, Capo UPA
tel. 081-257 29 46,
E-Mail: info@afu.gr.ch

Organo: Dipartimento dell'educazione, della cultura e della protezione dell' ambiente
Fonte: it Ufficio per l'ambiente dei Grigioni

Neuer Artikel