Zum Seiteninhalt

Sì ad una legge scolastica vicina al cittadino

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Raccomandazioni del Consigliere di Stato Claudio Lardi, Direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e della protezione dell'ambiente dei Grigioni
Il prossimo 26 novembre le cittadine e i cittadini del nostro Cantone si recheranno alle urne per votare sui progetti di legge del pacchetto CFLAD (concentrazione sull'essenziale e flessibilizzazione della legislazione dell'applicazione del diritto). Avete quindi l'occasione di dotare il nostro Cantone di una legge scolastica (legge per le scuole popolari del Cantone dei Grigioni) vicina al cittadino. Pienamente convinto, vi raccomando di cogliere questa opportunità votando SÌ alla proposta. Anche gli altri oggetti CFLAD in votazione, che dopo attento esame il Gran Consiglio raccomanda al Popolo grigione, meritano il vostro appoggio.
A seguito delle numerose revisioni parziali la legge scolastica attualmente in vigore non risulta sempre chiara e trasparente, essa contempla normative in parte superate e in parte superflue.
Si è così deciso di prendere sul serio questa critica più volte formulata e di rivedere integralmente la legge scolastica. Da un'accurata analisi è emerso che questa legge, come altre, contiene effettivamente disposizioni ormai raramente applicate. È per esempio il caso del divieto per allieve ed allievi di aderire ad associazioni. Una regolamentazione di questo tenore non è più al passo con i tempi. Tale interdizione e altre disposizioni ormai superate, che limitano il margine decisionale degli enti scolastici e in parte di chi esercita l'autorità parentale, vengono abrogate. In altri casi si creano nuovi margini di manovra per gli enti scolastici o si ampliano quelli esistenti. Un comune - al posto del Cantone - deve per esempio poter definire la regolamentazione che concerne i giorni festivi e poter decidere se, per quanto attiene ai tre giorni massimi di congedo, rafforzare lo spazio d'azione di coloro che esercitano l'autorità parentale. Le autorità scolastiche locali devono inoltre avere la possibilità di permettere ad un ragazzo con particolari doti di saltare una classe a patto che siano stati convenuti i necessari accordi. Vanno altresì legittimate ad infliggere alle scolare e gli scolari le opportune misure disciplinari che, in casi estremi, possono sfociare nella sospensione dalla scuola.
Per tutte le scuole popolari nei Grigioni la revisione della legge scolastica prevede una durata scolastica annuale di 38 settimane. Ciò significa che a nessun bambino verrà più offerto un sistema comprendente solo 35 settimane di scuola. Considero innovazioni preziose e proiettate verso il futuro la possibilità d'incentivare in maniera mirata le allieve e gli allievi particolarmente talentati e l'opportunità di risolvere problemi di carattere straordinario legati all'istruzione di ragazze e ragazzi che frequentano la scuola solo a titolo provvisorio.
A convincermi che la nuova legge scolastica meriti il vostro consenso non sono unicamente le riflessioni finora esposte. Il vostro SÌ alla legge scolastica è un SÌ ad una legge vicina al cittadino, la quale rinsalda la posizione degli enti scolastici e della popolazione. La legge proposta è chiara e trasparente e rinuncia a regolamentazioni superate e superflue.
Vi raccomando inoltre di votare SÌ alla revisione parziale della legge sulla promozione degli handicappati (legge sugli handicappati), la quale crea le basi per l'integrazione di bambini portatori di handicap nel sistema scolastico pubblico e provvede al finanziamento di scuole speciali. Vi raccomando di accogliere anche la revisione parziale della legge sulla formazione professionale del Cantone dei Grigioni. Questa proposta contiene per esempio importanti fondamenti per la rivalutazione della formazione empirica. Le ragazze e i ragazzi che avranno assolto questo tipo di istruzione beneficeranno di migliori chance sul mercato del lavoro. Importanti sono pure le modifiche per la messa in pratica della legislazione federale sulle scuole universitarie professionali. Con il vostro SÌ a questi e agli altri progetti CFLAD contribuite a far in modo che la legislazione del Cantone dei Grigioni si metta al passo con i tempi, divenendo al contempo più comprensibile e avvicinandosi maggiormente al cittadino. Gli oggetti in votazione meritano quindi il vostro SÌ.

Organo: Dipartimento dell'educazione, della cultura e della protezione dell'ambiente
Fonte: it Consigliere di Stato Claudio Lardi

Neuer Artikel