Zum Seiteninhalt

Confermata la necessità d'agire in ambito di protezione dei dati

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La Commissione preparatoria del Gran Consiglio, sotto la presidenza del deputato al Gran Consiglio Gieri Luzi (Cazis) e in presenza del Presidente del Governo Peter Aliesch nonché di rappresentanti dell'Amministrazione ha deliberato in merito al messaggio concernente l'emanazione di una legge cantonale sulla protezione dei dati. La Commissione propone al Gran Consiglio all'unanimità di entrare nel merito della legge e di approvarla all'attenzione della votazione popolare. La necessità di agire, incontestata anche dalla Commissione, operando quindi a livello legislativo, risulta dal rapido sviluppo dell'informatica e delle ivi correlate possibilità d'immissione nella rete. L'informatizzazione della società porta, oltre a degli ovvi vantaggi, anche dei pericoli che non vanno sottovalutati. Si tratta di incanalare "la gran fame di dati" in linee ordinate e di concedere alle cittadine e ai cittadini il diritto alle informazioni e d'informazione.
La nuova legge cantonale sulla protezione dei dati serve in particolare a proteggere dall'utilizzazione illecita di dati personali. Per la vigilanza della protezione dei dati deve essere creato un Ufficio cantonale di vigilanza indipendente, esterno all'Amministrazione e subordinato. Il suo compito consisterà tra l'altro nel sorvegliare le disposizioni di protezione dei dati, gestire un registro relativo alla raccolta dei dati nonché consigliare le autorità e le persone interessate. Sia l'entrata in merito, sia l'allestimento della revisione sono in larga misura rimasti incontestati in seno alla Commissione preparatoria del Gran Consiglio. Il movente per una discussione così approfondita era la domanda in quale misura la nuova legge deve trovare applicazione anche ai comuni e ai circoli. Contrariamente alla proposta del Governo contenuta nel messaggio, la legge farà stato anche per quanto concerne la vigilanza dei comuni, delle corporazioni di comuni e dei circoli, nel caso in cui questi non emanano proprie disposizioni di protezione dei dati.
Con l'emanazione di una legge cantonale sulla protezione dei dati (LCPD) possono essere uniformate le basi legali e colmate le lacune esistenti nonché adempite le richieste dettate dal diritto federale circa un ufficio di vigilanza indipendente come pure messe in pratica due mozioni rimaste da due anni in sospeso con le quali si richiede l'emanazione di basi legali sufficienti.
Il disegno di legge viene trattato dal Gran Consiglio nella sessione di novembre. Il popolo deciderà l'anno prossimo in tale merito.
Informazioni: Gieri Luzi, deputato al Gran Consiglio, tel. 081-651 37 37

Organo: Commissione preparatoria del Gran Consiglio
Fonte: it Commissione preparatoria del Gran Consiglio

Neuer Artikel