Zum Seiteninhalt

Sì all'adeguamento del diritto grigionese

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Grigioni si occupa di un progetto finora unico in Svizzera: il diritto cantonale viene scrupolosamente sgravato. Dopo lo snellimento già eseguito a livello di ordinanze del Governo s'intende in un secondo tempo dedicarsi alle leggi e alle ordinanze granconsigliari. La Commissione preparatoria del Gran Consiglio approva il progetto propone però in singoli ambiti modifiche alla proposta granconsigliare.
Il progetto "Concentrazione sull'essenziale e flessibilizzazione della legislazione e dell'applicazione del diritto" (CFLAD) comporta per il Cantone dei Grigioni l'opportunità di ordinare in modo mirato il suo ordinamento giuridico. Le regolazioni superflue vanno soppresse e quelle mal riuscite o divenute carenti vanno migliorate. S'intende così incrementare durevolmente l'efficienza e la vicinanza ai cittadini da parte delle autorità amministrative.
Sotto la presidenza del deputato al Gran Consiglio Thomas Casanova e alla presenza dei membri del Governo, la Commissione preparatoria granconsigliare, dopo una prima seduta concernente l'entrata in merito, si è occupata approfonditamente del messaggio del Gran Consiglio dapprima in occasione di cinque commissioni consultive e successivamente di tre sedute dell'intera commissione. Il messaggio prevede di abrogare quattro leggi e 15 ordinanze granconsigliari nonché di modificare 13 leggi e 10 ordinanze granconsigliari. L'entrata in materia era indiscussa. La commissione approva il progetto. Mentre le abrogazioni proposte sono rimaste altrettanto incontestate, la commissione pone propri accenti per quanto concerne le modifiche nei diversi settori ad esempio:
- Legge sulle scuole popolari:
La scelta delle discipline nell'ambito delle materie obbligatorie e opzionali va stabilita dal Gran Consiglio e non dal Governo.
Il numero minimo di allieve ed allievi per le scuole elementari, le classi ridotte, le scuole di avviamento pratico nonché le sezioni di attività tessili ed economia domestica non vanno più aumentate.
- Legge sui comuni:
L'esclusione da una carica presso un'autorità comunale contemporaneamente dei congiunti e affini viene anche in futuro disciplinata dal diritto cantonale.
La regolamentazione relativa all'obbligo di accettare funzioni va conferita ai comuni.
- Legge e ordinanza sull'agricoltura:
Per un fondo di autoaiuto dell'Unione dei contadini grigioni volto a promuovere lo smercio di bovini e per l'obbligo di sussidiamento da parte del Cantone e dei proprietari di bovini va mantenuta una base legale all'interno del diritto cantonale.
Il mandato dei membri della commissione per l'agricoltura va limitato a dodici anni. Nell'ordinanza va esplicitamente stabilito che l'esecuzione degli aiuti agli esercizi e dei crediti per gli investimenti incombe alle cooperative agricole di credito.
- Ordinanza sui film
L'esecuzione dell'ordinanza sui film va semplificata e conferita completamente ai comuni. Va di conseguenza abolita la Commissione cantonale sui film. L'età minima va in linea di massima fissata dai titolari degli esercizi. I comuni possono però elevarla a determinate condizioni.
Alcuni progetti sono stati contestati e segnatamente:
- Ordinanza sul personale
Una minoranza della commissione non vuole entrare nel merito del progetto poiché quest'ultimo ha per conseguenza una penalizzazione delle collaboratrici/dei collaboratori senza tenere quindi conto del concetto di rapporto di lavoro partenariale. La maggioranza della commissione è per contro favorevole all'entrata in merito. Il progetto osserva le particolari condizioni grigionesi, ottiene una prossimazione al diritto di lavoro privato e considera anche diverse richieste delle associazioni del personale.
- Legge sulle guide di montagna e sullo sci
La maggioranza della commissione ritiene appropriata la liberalizzazione prevista nel messaggio. Una minoranza la considera per contro eccessiva. Richiede infatti che nell'area delle piste l'attività d'insegnamento possa essere aperta a tutti.
- Legge sulla pesca
Una minoranza della commissione desidera che gli eventuali proventi dalla regalia vengano adoperati a destinazione vincolata per provvedimenti legati alla pesca al posto di farli fluire alla cassa federale. La maggioranza ritiene per contro più sensata la regolamentazione giusta il messaggio poiché anche eventuali deficit dovuti alla pesca vanno a carico del bilancio pubblico.
Per quanto venga infine messo in pratica il piano delle misure per l'equilibrio del bilancio 1999 già una volta approvato dal Gran Consiglio nell'ambito del progetto CFLAD, la commissione propone una sola modifica: ai comuni con una modesta capacità finanziaria vengono anche in futuro erogati sussidi cantonali per il salario del corpo insegnante. Le consultazioni della commissione hanno mostrato che il progetto è pur sì ampio e complesso che però con una rispettiva preparazione va risolto.
Organo: commissione preparatoria granconsigliare
Fonte: it commissione preparatoria granconsigliare
Neuer Artikel