Zum Seiteninhalt

La riforma giudiziaria entrerà in vigore a tappe

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La riforma giudiziaria entrerà in vigore nella sua globalità all'inizio del mese di gennaio 2001, le disposizioni sulle elezioni di circolo e la rielezione dei tribunali distrettuali già all'inizio del mese di aprile 2000.
Il 12 marzo scorso il popolo grigione ha accettato a grande maggioranza la riforma giudiziaria, che comprende una revisione parziale della Costituzione cantonale e della Legge sulla modifica dell'orga-nizzazione giudiziaria. Il Governo dichiara in vigore le innovazioni per l'inizio del 2001. Singole disposizioni transitorie acquistano tuttavia effetto già prima. Questo effetto preliminare concerne da un lato le elezioni di circolo del 7 maggio e dall'altro la rielezione dei tribunali distrettuali del 24 settembre prossimi. Le disposizioni necessarie per gli scrutini vengono perciò dichiarate in vigore già per l'inizio di aprile. Com'è risaputo, i tribunali di circolo e i conciliatori vengono aboliti mentre i tribunali distrettuali votati dal popolo. Ne consegue che d'ora innanzi avremo solo ancora 11 distretti invece di 14 come finora.

La rinuncia all'utilizzazione della forza idrica continuerà ad essere indennizzata per intero

Secondo il parere del Consiglio federale i criteri concernenti il versamento di contributi di compensazione, definiti nell'Ordinanza sulla compensazione delle perdite per la mancata utilizzazione della forza idrica, non corrispondono più all'attuale situazione. Le disposizioni sul calcolo della probabilità economica di realizzazione e sulla forfettaria per prestazioni accessorie sono antiquate e già oggi non tengono più conto della forte diminuzione del prezzo dell'energia elettrica e dell'assai diminuita disponibilità ad effettuare investimenti. Inoltre anche l'aumento della quota massima del canone d'acqua viene tenuto in considerazione solo in modo insufficiente. L'Ordinanza sopraindicata va perciò riveduta. Il citato atto legislativo e il previsto taglio dei pagamenti di compensazione riguardano per natura soprattutto i cantoni di montagna, motivo per cui la Conferenza dei Governi dei Cantoni di montagna prende posizione sulla prevista revisione. Essa dichiara in sostanza che per il disegno di revisione non vi è alcuna fretta e propone di attendere con le previste innovazioni fino a quando la Legge sul mercato dell'elettricità non sarà entrata in vigore. In relazione a ciò si dovranno ripensare anche i meccanismi d'indennizzo. Fino a tal data dovrebbero essere evase secondo il diritto vigente tutte le domande in sospeso.

Ritorno nel Kosovo entro fine maggio 2000

A causa della guerra nel Kosovo circa 60'000 persone erano fuggite in Svizzera. Nel frattempo al-l'incirca 20'000 sono di nuovo ripartiti nel quadro del programma di aiuto in caso di ritorno. Entro fine maggio anche i rimanenti 40'000 rifugiati circa dovranno abbandonare il nostro Paese. Il loro rimpatrio pone le autorità federali e cantonali dinanzi a una grande sfida. Per l'esecuzione sono competenti in primo luogo i cantoni, ragion per cui il Dipartimento federale di giustizia e polizia ha redatto uno scritto strategico, che viene accettato, anche se giunge parecchio in ritardo. La disponibilità dei rifugiati a ritornare è diminuita fortemente negli ultimi tempi e ha ceduto il posto al desiderio di poter continuare a rimanere nel nostro Paese. Questo sviluppo è imputabile a falsi segnali da parte della Confederazione quali tra l'altro l'"Azione umanitaria 2000" e deve essere urgentemente corretto. Affinché sia possibile un rapido ritorno dei rifugiati nel Kosovo senza l'intervento della polizia, le persone interessate vanno di nuovo chiaramente informate sui vantaggi di un ritorno spontaneo. I viaggi di ritorno devono essere effettuati principalmente via aria.

Inserire i progetti dell'Arge-Alp nel programma Interreg-III dell'UE

Mediante il programma Interreg l'UE promuove sin dal 1991 la collaborazione al di là delle frontiere. E la Svizzera vi partecipa. Interreg III si riferisce al periodo che va dal 2000 al 2006. L'UE promuove in tal modo oltre che la collaborazione transfrontaliera anche progetti di cooperazione di parecchi Paesi situati in una grande zona unita. In questo senso viene pure appoggiata la collaborazione di diverse regioni europee con possibilità e problemi analoghi. Dal 1972 undici Regioni della Germania, dell'Austria, dell'Italia e della Svizzera collaborano nell'ambito dell'Arge Alp. L'obiettivo consiste nello sviluppo duraturo dell'area alpina vitale ed economica. Gli interessi e il modo di lavorare del-l'Arge Alp corrispondono indubbiamente alle direttive del programma Interreg. In tal senso il Governo grigione propone al Consigliere federale Pascal Coucepin di tener conto delle esigenze e dei punti chiave dell'Arge Alp, così che l'UE possa integrare e cofinanziare i suoi progetti nel programma Interreg.

L'Ispettorato forestale si chiama ora "Ufficio forestale"

Con effetto dal 3 aprile 2000 l'Ispettorato forestale dei Grigioni cambia nome e diventa "Ufficio forestale" dei Grigioni.

Affari del personale

Gabriela Huber, nata nel 1967, di Lucerna, viene nominata collaboratrice giuridica nella misura del 70 percento presso il Dipartimento della sanità. Ella inizierà la propria attività all'inizio del prossimo mese di luglio.
Fernando Guntern, nato nel 1968, di Biel VS, domiciliato a Domat/Ems, viene nominato revisore informatico presso il Controllo delle finanze. Anche egli inizierà la propria attività all'inizio del prossimo mese di luglio.
Cancelleria di Stato dei Grigioni
Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel