Zum Seiteninhalt

Il Governo sostiene gli accordi settoriali fra la Svizzera e l'UE

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo grigione raccomanda al popolo di accettare il Decreto federale che approva gli accordi settoriali fra la Svizzera e l'UE.
Il Governo sostiene la stipulazione degli accordi, poiché è convinto che il risultato delle trattative, visto nel suo insieme, sia equilibrato, che comporti vantaggi per l'economia e per le cittadine e i cittadini e che non ostacoli né pregiudichi ulteriori passi della politica svizzera d'integrazione.
A causa della sua posizione geografica la Svizzera dipende dai rapporti economici con i Paesi europei confinanti. Il 63 percento circa delle esportazioni elvetiche è destinato ai Paesi dell'Unione Europea e frutta al nostro Paese circa 70 miliardi di franchi svizzeri. Dall'UE la Svizzera importa l'80 percento delle proprie merci per un valore di 86 miliardi di franchi svizzeri. Una stretta collaborazione con gli Stati dell'Unione Europea è perciò evidente. La sola stabilizzazione mediante accordi economici tra la Svizzera e l'UE migliorerà il clima degli investimenti e la crescita economica, della quale anche il Cantone dei Grigioni potrà approfittare. Negli ultimi anni sono sorti vieppiù problemi tra la Svizzera e l'UE schieratasi in modo sempre più compatto. Con i sette accordi settoriali la maggior parte di questi problemi verrà risolta. Tali accordi assicurano inoltre l'accesso ai mercati più importanti e comprendono i maggiori settori economici. La piazza economica della Svizzera viene notevolmente rafforzata e il potenziale di sviluppo cresce in modo marcato. Oltre a ciò i nostri giovani avranno la possibilità di studiare e lavorare in tutta l'Europa.
Come ogni contratto anche questo posto in votazione presenta vantaggi e svantaggi ed è basato sul dare per avere. Determinati svantaggi possono essere localizzati nei settori trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia e libera circolazione delle persone. Il risultato deve tuttavia essere valutato nel suo insieme. In questo senso l'Esecutivo sostiene le raccomandazioni del Consiglio federale che mirano all'accettazione degli accordi bilaterali. Esso è tuttavia anche cosciente del fatto che non tutti i problemi con quest'opera contrattuale hanno potuto essere risolti e che la realizzazione degli accordi, segnatamente nei settori sopraindicati, rappresenterà per il nostro Cantone una sfida di non facile soluzione.

Giro della Svizzera nei Grigioni

Martedì/mercoledì, 20/21 giugno 2000, il Giro della Svizzera percorrerà i seguenti tratti nei Grigioni, per i quali il Governo ha rilasciato l'autorizzazione:
martedì 20 giugno (ottava tappa da Locarno a La Punt, 170 km): confine cantonale TI/GR - Roveredo - Mesocco - Passo del San-Bernardino - Splügen - Tiefencastel - Filisur - Passo dell'Albula - La Punt.
Mercoledì 21 giugno (nona tappa da San Moritz ad Arosa, 150 km): San Moritz - La Punt - Zernez - Susch - Passo del Flüela - Davos - Klosters - Küblis - Fideris - Landquart - Zizers - Chur - Maladers - Castiel - St Peter - Langwies - Arosa.

Dai comuni

Il Governo svincola crediti tra l'altro anche per il risanamento del manto di copertura della Strada italiana tra Pian San Giacomo e Malabarba).

Affari del personale

A fine aprile 2000 sono andati in pensione: -
Ruth Kessler, Coira, segretaria presso l'Ufficio edile,
- Trudi Roffler, Coira, impiegata d'ufficio e aiuto per le pulizie presso l'Ufficio della circolazione,
- Markus Giger, Coira, capomastro presso l'Ufficio tecnico di circondario di Coira,
- Diego Giovanoli, Malans, aggiunto presso l'Ufficio monumenti,
- Reto Hassler, Coira, agente della Polizia cantonale, e
- Hansuli Leuenberger, Coira, architetto presso l'Ufficio edile.
Il Governo ringrazia queste/i collaboratrici/tori per i servizi resi al Cantone.
- Mengia Mathis, nata nel 1969, di Scuol, domiciliata in questa località, viene nominata collaboratrice accademica nella misura del 50 percento presso l'Ufficio monumenti. Ella inizierà la propria attività all'inizio del mese di maggio 2000.
- Urs Ackermann, nato nel 1964, di Mümliswil-Ramiswil SO, domiciliato a Balsthal, viene nominato capo analitica II presso il Laboratorio chimico per il controllo delle derrate alimentari e la protezione dell'ambiente. Egli inizierà la propria attività all'inizio del prossimo mese di agosto.
- Flavio Büsser, nato nel 1969, di Amden, domiciliato a San Gallo, diventa economo presso il Segretariato del Dipartimento delle finanze e militare. Egli inizierà la propria attività all'inizio del prossimo mese di giugno.
Cancelleria di Stato dei Grigioni
Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni
Neuer Artikel