Zum Seiteninhalt

Circa 200 grigionesi sono saliti nel Canton Turgovia sul battello "St. Gallen"

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La gita dei pensionati del Cantone di quest'anno ha avuto come meta il Lago di Costanza. Con tempo splendido e relativo buon umore i partecipanti hanno fatto un lungo giro sul lago con il battello "St. Gallen" della Società Svizzera di Navigazione del Lago di Costanza.
Ci sono voluti ben cinque torpedoni per trasportare i 208 partecipanti da Coira a Landquart attraverso la Valle del Reno fino a Romanshorn (TG). I pensionati di data recente hanno all'incirca 60 anni, il più anziano compirà quest'anno il secolo di vita. Molti si conoscono bene sin dall'epoca in cui hanno lavorato per il Cantone. Durante il viaggio si ride e si scherza, ci si dà per lo più del tu, indipendentemente dal fatto se si è lavorato come stradino, direttrice di scuola, capocancelleria o Consigliere di Stato.

Acqua come nei Caraibi
Sul quai di Romanshorn la variopinta comitiva riceve il benvenuto a bordo da parte del capitano e del suo equipaggio. Ben presto tutti si sono ripartiti sulle quattro grandi sale del battello, che misura ben 50 metri di lunghezza, dove tavole ben apparecchiate attendono gli ospiti. Mentre nei Grigioni la mattina pioveva ancora, ora poco prima di mezzogiorno il sole fa capolino dalle nuvole e fa risplendere, mettendo in risalto le sfumature cromatiche, l'esteso specchio d'acqua del Lago di Costanza. Qualcuno constata pure che le diverse tonalità di colore dell'acqua luccicante, che vanno dal blu scuro al turchese chiaro, ricordano tanto il mare dei Caraibi.

Vivere significa cambiamento
Nel momento in cui vengono servite le prime bibite, il tono delle voci aumenta sensibilmente. Tutti hanno molto da raccontare, soprattutto ricordi dei tempi passati. Un tempo, quando non c'erano ancora i computer e tanto meno internet, l'atmosfera in seno all'Amministrazione era molto più familiare e il ritmo di lavoro assai meno frenetico. Le molte trasformazioni incutono in parte un senso di paura, si bisbiglia qua e là. Si sente pure affermare che il tempo e la vita trascorrono velocemente, che ci si deve adeguare costantemente ai cambiamenti e contribuire a dar loro forma. Tutto ciò tocca ora ai giovani farlo.
Il viaggio conduce da Romanshorn, passando per Kreuzlingen e Costanza, a Meersburg sulla sponda tedesca del Lago, per proseguire poi verso Immenstaad e Friedrichshafen, dove all'orizzonte si scorge un dirigibile bianco (Zeppelin), e far infine ritorno al punto di partenza. Tre ore e mezzo di battello trascorrono in un baleno ed anche il pranzo, consistente in minestra di orzo, prosciutto di coscia con gratin di patate e verdure e torta-gelato nougat come dessert, è presto consumato. Quando giunge il momento del caffè, vengono effettuati ancora un sorteggio, due brevi discorsi e poi si passa alla musica e al ballo sull'interponte.

Imponente struttura portuale
L'arrivo a Romanshorn è impressionante. Questa località dispone del porto più grande del Lago di Costanza, che ospita al contempo la flotta svizzera del Lago di Costanza. La prima struttura portuale fu costruita dal Canton Turgovia tra il 1842 e il 1844. Nella parte più esterna della banchina fu eretta in quegli anni una cella campanaria, dove in caso di fitta nebbia era possibile segnalare suonando le campane l'entrata del porto. Già tra il 1853 e il 1856 il porto dovette essere ampliato di oltre sei volte per raggiungere i 74'000 m2. Grandi magazzini stanno ancora oggi a testimoniare dell'intenso traffico merci internazionale, che per oltre un secolo ha contribuito a mantener in vita una grande attività commerciale. Alla fine della Seconda guerra mondiale parti della flotta tedesca e austriaca hanno cercato rifugio dalla distruzione nel porto di Romanshorn.

Gita di giubileo 2000
Nella darsena nuotano diversi uccelli acquatici, anche alcuni svassi. Essi si nutrono principalmente di pesci e possono tuffarsi fino a 40 m nonché restare oltre un minuto sott'acqua. Non si preoccupano dei molti grigionesi che scendono dal battello "St. Gallen" per raggiungere i pullman che gli attendono. L'illustre comitiva di pensionati ritorna nei Grigioni passando per il Toggenburgo. Termina così la gita di giubileo 2000 dei pensionati del Cantone. Gita di giubileo, perché quest'anno essa viene organizzata per la 25esima volta dalla Federazione del personale statale grigione con il sostegno finanziario del Governo e della Cassa cantonale pensioni. Delle molte impressioni, dei piacevoli incontri e colloqui si serberà ancora per molto tempo un bel ricordo. Vero che fra un anno parteciperemo di nuovo!

Organo: Federazione del personale statale grigione
Fonte: it Cancelleria di Stato dei Grigioni

Neuer Artikel