Navigation

Inhaltsbereich

Il Governo è propenso all'ulteriore sviluppo della piazza ospedaliera di Coira

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo sostiene il concetto di realizzazione della piazza ospedaliera di Coira. Esso costituisce una base opportuna per un approvvigionamento conforme alle esigenze e di alta qualità della popolazione dell'intero comprensorio con costi il più favorevoli possibile.

Il Governo si esprime in merito al concetto di realizzazione della piazza ospedaliera di Coira nei confronti della Commissione ospedaliera comune della società semplice "Spitäler Chur" e lo fa a nome del Cantone, che è l'ente responsabile della Clinica Fontana. Il concetto in parola corrisponde all'ottimizzazione delle prestazioni dell'Ospedale cantonale, del Kreuzspital e della Clinica Fontana, postulata già da tempo a livello politico.
Sul piano amministrativo e giuridico il concetto mette in luce le possibilità di strutturare in modo più efficiente l'estrema complessità dell'organizzazione delle strutture sanitarie della piazza di Coira. Nel settore medico vengono illustrate la ripartizione delle discipline chirurgiche e mediche tra le istituzioni sanitarie, al fine di poter eliminare quanti più doppioni possibili. A tale scopo vengono creati veri e propri centri di competenza che dovrebbero ripercuotersi positivamente sulla qualità medica e sull'ulteriore sviluppo. Circa il settore economico-aziendale si mettono in luce i prevedibili effetti di riduzione dei costi.

Alcuni degli elementi più importanti del concetto di realizzazione, che vengono sostenuti esplicitamente dal Governo, sono i seguenti:
- i tre enti ospedalieri (tutte fondazioni) fondano una società d'esercizio comune sotto forma di società anonima, che diventerà operativa non prima dell'inizio del 2003, mentre la realizzazione della piazza ospedaliera di Coira durerà da tre a cinque anni;
- ciascuno dei tre enti di fondazione stipula con la nuova società d'esercizio un identico contratto di management. Questa soluzione è già in vigore tra l'Ospedale cantonale e la Clinica Fontana e ha dato buoni risultati. Per l'elaborazione dei menzionati contratti viene istituito un nuovo gruppo di lavoro;
- le proprietarie degli immobili e delle attrezzature continuano ad essere le attuali fondazioni;
- la società d'esercizio tiene la contabilità finanziaria e aziendale separata per ciascun ospedale;
- nella nuova lista LAMal degli ospedali, che va suddivisa per categorie di mandato di prestazioni, il Cantone tiene conto del previsto coordinamento delle discipline tra i tre ospedali. Ogni ente ospedaliere riceve dal Cantone un proprio mandato di prestazioni;
- al fine di mettere a punto il previsto concetto delle discipline ci si avvale della collaborazione del personale medico e specialistico di volta in volta coinvolto.

Il Kreuzspital dovrà prendere una posizione chiara
La variante della vendita o della cessione della gestione aziendale del Kreuzspitals al Gruppo Hirslanden, proposta dagli esponenti di quest'Ospedale, a giudizio del Governo non si armonizza né con gli obiettivi e le direttive del Gran Consiglio e del "Gemeindeverband Churer Rheintal" né con gli scopi ed i principi della politica sanitaria del Governo. Quest'ultimo si attende dalla Fondazione "Kreuzspital Chur" che essa si pronunci entro il 20 aprile prossimo sul concetto di realizzazione della piazza ospedaliera di Coira e che prenda una decisione vincolante in merito. Nel quadro della procedura di consultazione il Kreuzspital è libero di proporre la discussione di varanti. A tale proposito l'Esecutivo rinvia al fatto che in caso di una gestione del medesimo ad opera del Gruppo Hirslanden, i presupposti per la concessione di sussidi d'esercizio da parte del Cantone non sarebbero probabilmente più soddisfatti.

Prese di posizione all'indirizzo della Confederazione
Il Governo si dichiara d'accordo con le previste modifiche dell'Ordinanza sulle sostanze pericolose per l'ambiente e dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico. Le innovazioni consistono in necessari adeguamenti al Protocollo di Montreal e di Kyoto, alla cui trasposizione in pratica la Svizzera si è impegnata. Tali adeguamenti mirano a proteggere lo strato di ozono e a limitare l'effetto serra. Il commercio illegale di sostanze che pregiudicano lo strato di ozono dovrà essere soppresso mediante licenze d'importazione e d'esportazione. Il solvente bromoclorometano e il prodotto bromometano per la lotta ai parassiti dovranno essere vietati. Le attrezzature nel settore della tecnica di refrigerazione e di climatizzazione non dovranno più funzionare con CFC e, a partire dal 2015, nemmeno con HCFC.
Anche la modifica dell'Ordinanza sulla tassa d'incentivazione sui composti volatili viene sostenuta. All'inizio del prossimo anno l'aliquota della tassa verrà aumentata dagli attuali due franchi a tre franchi al chilogrammo di VOC (Volatile Organic Compounds = composti organici volatili). Per la medesima data dovrà essere ampliata la cerchia delle ditte che temporaneamente possono acquistare composti VOC esenti da tassa. A tale proposito l'attuale limite di 200 tonnellate verrà ridotto a 50 tonnellate. Il Governo accetta questa proposta come un valido compromesso. Il valore soglia di 50 tonnellate non dovrebbe tuttavia essere ridotto ulteriormente.

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel