Navigation

Inhaltsbereich

Le gioie e i dolori della paternità

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Martedì 7 maggio 2002 ha luogo nel Museo grigione della natura una manifestazione serale nell'ambito dell'esposizione "bimbi - gioia e onere». Si rivolge ai padri, alle madri, agli esperti ed agli interessati alla tematica e al miglioramento delle conoscenze sulla paternità.

La manifestazione viene organizzata dall'Ufficio di coordinamento per questioni di uguaglianza dei Grigioni e ha luogo nell'ambito e nello spazio riservato all'esposizione "bimbi - gioia e onere" nel Museo grigione della natura, Masanserstr. 31, a Coira. La manifestazione inizia alle ore 20.15. Sono in programma una visita dell'esposizione, informazioni riguardo al tema e, infine, una discussione.

I padri sono in voga
«La sensibilità del padre nei confronti del bambino durante il gioco si correla in modo estremamente forte e inequivocabile con il legame affettivo che il ragazzo stabilirà all'età di 16 - 22 anni con il padre.» Questo è il sorprendente risultato delle ricerche sulla paternità che godono di una crescente attenzione negli ultimi tempi. Attualmente sono in voga i padri stessi, sebbene in modo meno spettacolare di quanto dipinto dai risultati riportati dalla rivista 'Geo' un po' di tempo fa. I padri stanno diventando più attivi. Spingere la carrozzina non è più imbarazzante, ma gonfia piuttosto il petto con un pizzico di orgoglio. Motivi e appuntamenti familiari - il dispiacere di non poter restare più a lungo o che una seduta serale non può essere svolta perché si è baby-sitter a quell'ora - possono essere espressi anche nel mondo lavorativo. O meglio di no?
È vero quanto afferma Stefan Binkert (Berna) nella sua analisi, che i padri abbiano spesso possibilità assai limitate di stabilire un contatto con il bambino durante la prima importante fase di paternità a causa del sistema medico e dell'impossibilità di avere un congedo paternità? Oppure è forse pertinente la tesi espressa dall'azione «fairplay at home» che vuole che buona parte dei padri non intende collaborare in casa di propria iniziativa? Oppure è immaginabile che le madri debbano concedere anche parte della propria egemonia in determinati ambiti se i padri sono coinvolti più che solo in modo ausiliario come baby-sitter e nell'educazione dei bambini?
Tutte queste domande possono essere trattate nella discussione. La manifestazione è aperta ai padri, alle madri, agli esperti ed agli interessati alla tematica e al miglioramento delle conoscenze sulla paternità.
Ma i problemi incentrati sulla paternità costituiranno solo una parte della manifestazione. La paternità è una faccenda importante, pensano Andreas Borter di Burgdorf e Christof Arn di Scharans che coordineranno la serata in funzione di padri ed esperti. La visita in comune dell'esposizione «bimbi - gioia e onere» apre la manifestazione. Seguiranno alcuni input informativi. La discussione verte intorno alla questione: a chi spetta il turno? Alle madri, alle assunzioni a tempo parziale, ai padri, ai servizi specializzati, ai salari per il personale femminile, ai media, alla politica, a...? E dato che non è facile stabilire delle posizioni nette, in questa manifestazione non si toccherà solo uno, bensì una gamma intera di aspetti.

Organo: Ufficio di coordinamento per questioni di uguaglianza dei Grigioni
Fonte: it Ufficio di coordinamento per questioni di uguaglianza
Neuer Artikel