Navigation

Inhaltsbereich

Avanzata del tedesco e delle lingue straniere, flessione del romancio

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La cultura linguistica nei Grigioni, il "Cantone delle tre lingue nazionali", è fortemente e costantemente esposta allo sviluppo, come non accade in nessun altro Cantone svizzero. Il tedesco è stato rafforzato grazie allo sviluppo demografico e linguistico. Il processo di erosione dell'area di lingua romancia è proseguito. L'italiano ha perso terreno come lingua principale, ma come lingua seconda è talmente diffuso che nell'insieme la sua quota è leggermente aumentata. Ciò risulta da un'analisi dei risultati del censimento 2000 pubblicati recentemente dall'Ufficio federali di statistica, effettuata dall'Ufficio per l'economia e il turismo dei Grigioni.

Lingua principale
Nei Grigioni il 68.3 % della popolazione indica il tedesco come lingua principale (vale a dire la lingua in cui si pensa e che si conosce meglio), il 14.5 % il romancio ed il 10.2% l'italiano. Soltanto lo 0.5% parla francese.
Il 6.5 % della popolazione grigionese parla una lingua principale straniera. Il portoghese (3'099) e il serbo-croato (3'036) sono le lingue maggiormente parlate. Seguono l'albanese (1'277), lo spagnolo (852), l'inglese (699), l'olandese (475) e il turco (370). Con una proporzione di stranieri pari al 15.1 % della popolazione, ciò significa che una buona parte delle straniere e degli stranieri, innanzitutto cittadini di uno Stato della ex Jugoslavia e la grande maggioranza della seconda generazione, parla come lingua principale una lingua nazionale svizzera.
Dal 1990 la popolazione di lingua tedesca è cresciuta del 12.4 %, al contempo la quota della lingua tedesca è aumentata del 4.5 %. La popolazione di lingua italiana è rimasta invariata, la quota linguistica è però diminuita del 7.4 %. La popolazione di lingua romancia, che negli ultimi dieci anni è calata dell'8.9 %, ha perso il 15.3 % della sua quota linguistica. In cinque comuni grigionesi la maggioranza linguistica è mutata a favore del tedesco (Laax, Surcuolm, Alvaschein, Brienz/Brinzauls e Patzen-Fardün). Nello stesso periodo la quota delle lingue straniere è cresciuta del 7.3 %, con un aumento della popolazione del 15.5.%.
Lo sviluppo linguistico è percepibile più fortemente se lo si osserva per un periodo più lungo. Ancora 50 anni fa, nei Grigioni il 56.2 % parlava tedesco, il 29.3 % romancio, il 13.2 % italiano e l'1.3 % francese e lingue straniere. Dal 1950 fino al 2000 la lingua tedesca è quindi aumentata del 21.5 %, mentre il romancio ha perso il 50.6 % e l'italiano il 22.5 %. La quota delle lingue straniere si è nel contempo moltiplicata per dodici.

In Svizzera le quote sono ripartite come segue: tedesco il 63.7 % (1950 = 72.1 % e 1990 = 63.6 %); francese il 20.4 % (1950 = 20.3 % e 1990 = 19.2 %); l'italiano il 6.5 % (1950 = 5.9 % e = 7.6 %); il romancio lo 0.5 % (1950 = 1.0 % e 1990 = 0.6 %) e le lingue straniere il 9.0 % (1950 = 0.7 % e 1990 = 8.9 %).

Mono- e plurilinguismo (lingue d'uso corrente)
Circa il 64 % della popolazione globale dei Grigioni parla una, il 22 % parla due, il 7 % parla tre o quattro lingue nazionali. Il 65 % delle cittadine svizzere e dei cittadini svizzeri parla una, il 23 % due e l'8 % tre o tutte le lingue nazionali. Per quanto riguarda la popolazione straniera il 57 % parla una, il 19 % due ed il 4 % tre o quattro lingue nazionali.
Oltre ai 127'755 abitanti di lingua tedesca 23'105 persone, ovvero il 12 % della popolazione, parlano il tedesco come lingua straniera. 11'365 persone, ovvero il 6 %, parlano anche il romancio. L'italiano come lingua straniera è parlato da 22'759 persone, ovvero dal 12 % della popolazione. Ciò significa una frequenza delle lingue d'uso corrente (lingua principale e straniera) pari al 61 % per il tedesco, il 16 % per il romancio, il 17 % per l'italiano ed il 6 % per il francese.

Nei Grigioni la mobilità crescente, il forte aumento di nuove tecnologie dell'informazione e la tendenza al plurilinguismo incentivano nei Grigioni il tedesco quale lingua più diffusa. Ma anche l'inglese sta guadagnando costantemente terreno, esso occupa infatti una posizione preponderante nel settore scientifico, nel mercato internazionale ed in parte anche nel turismo. Circa il 10 % della popolazione grigionese parla l'inglese.

Il romancio come lingua minoritaria risente di questo sviluppo. Al di fuori del Cantone soltanto dallo 0.4 fino al 2.1 per mille della popolazione parla il romancio come lingua principale. A livello svizzero sono 35'095 persone ovvero il 5 per mille, vale a dire l'11.4 % (Grigioni - 8.9 %) in meno rispetto al 1990. Nella classifica delle lingue principali (Svizzera) il romancio figura quindi al 12° posto (1990 = 10° posto). Il rumantsch grischun creato nel 1982 come lingua unitaria e designata lingua ufficiale nel 1996, non è in grado di ovviare a questo 'sgretolamento'.

Organo: Ufficio per l'economia e il turismo dei Grigioni - Statistica
Fonte: it Ufficio per l'economia e il turismo dei Grigioni - Statistica
Neuer Artikel