Navigation

Inhaltsbereich

Legge federale concernente l'aiuto alle vittime di reati: l'impegno finanziario della Confederazione deve continuare

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Dieci anni fa è entrata in vigore l'attuale legge concernente l'aiuto alle vittime di reati LAV. La revisione totale ormai prossima prevede in particolare che nel settore della riparazione morale (importi massimi), dell'aiuto alle vittime dopo un reato all'estero e nel settore dei contributi della Confederazione siano eliminati gli attuali difetti. Il Governo grigione è fondamentalmente d'accordo con le proposte di modifica. Nella sua presa di posizione all'Ufficio federale di giustizia il Governo si impegna però in particolare affinché in futuro la Confederazione partecipi maggiormente dal punto di vista finanziario. L'aiuto alle vittime è un compito comune di Confederazione e Cantoni ed in questo quadro i Cantoni sono obbligati ad offrire e finanziare diverse prestazioni; così ad esempio la gestione di consultori ed il pagamento di riparazioni morali e risarcimenti. La Confederazione prescrive inoltre la libera scelta del consultorio senza pertanto doversi fare carico delle conseguenze finanziarie.

Il Governo dice sì alla consulenza, dice però no ai risarcimenti per le vittime ed i suoi familiari interessati, se il reato è avvenuto all'estero. La consulenza deve assolutamente essere garantita indipendentemente dal luogo dell'accaduto, l'aiuto invece no, poiché la Svizzera non ha alcun influsso sulla sicurezza interna degli Stati esteri.

Il Governo dice di sì ad una più severa procedura di consultazione della Confederazione
Il Governo sostiene la nuova regolamentazione legislativa della procedura di consultazione della Confederazione. La procedura deve essere resa più severa, più essenziale e consapevolmente sostenuta con nuovi mezzi di comunicazione e di informazione. La Cancelleria federale vuole inoltre creare maggiore trasparenza nelle singole procedure di consultazione. La qualità di questa importante parte del processo legislativo viene con ciò aumentata, scrive il Governo nella sua presa di posizione in merito alla revisione della legge sull'organizzazione del Governo e dell'Amministrazione LOGA.

Indiscusso l'obbligo per i dentisti di dichiarare i prezzi
Prezzi in franchi e centesimi al posto del sistema dei punti tariffari: il Governo sostiene la relativa modifica dell'"Ordinanza sull'indicazione dei prezzi OIP" per i servizi dentistici. In tal modo i dentisti vengono obbligati a dichiarare apertamente i prezzi per i loro servizi.

Il Governo valuta in modo altrettanto positivo la chiara informazione sui prezzi dei servizi a valore aggiunto, i cosiddetti servizi di informazione e di commercializzazione, nel settore della telefonia. Secondo la nuova bozza di ordinanza i consumatori devono venire assolutamente informati, se il servizio desiderato costa più di due franchi al minuto. Il Governo propone in questo caso di ridurre questo limite ad un franco al minuto.

Contributi cantonali a favore di diverse istituzioni
- Il Governo ha assicurato un aiuto agli investimenti per tre progetti: alla Park Hotels Waldhaus AG di Flims per la costruzione di un nuovo settore wellness, al Comune di Tumegl/Tomils per il negozio di paese nel quadro della costruzione del complesso Curschiglias e al Comune di Ftan per un impianto televisivo via cavo.
- Nel settore della promozione della cultura il Governo ha approvato i seguenti contributi:
- 18 opere risp. manifestazioni culturali ricevono dal Cantone la garanzia di copertura del deficit per un totale di 134'000 franchi;
- la Bündner Kammerorchester riceve nel 2003 un contributo di circa 86'000;
- il comitato organizzatore di "200 Jahre Haldenstein" riceve per l'organizzazione e lo svolgimento dei suoi festeggiamenti un sostegno unico di 30'000 franchi.
- Nel settore della protezione dei monumenti storici il Governo ha approvato otto contributi per un ammontare complessivo di circa tre milioni di franchi.

Progetti stradali
- Il Governo ha approvato progetti stradali per circa 6,7 milioni di franchi che riguardano la circonvallazione di Saas, la strada dello Julier (Savognin, Crap Sès), la A13 (raccordo Landquart est) e la strada dell'Engadina (Innschlucht Charnadüra, Ruinains/Tschlin).

Affari del personale
La signora Flavia Kippele è il nuovo capo dell'Ufficio della cultura. Assumerà la sua nuova funzione il 1° settembre. Dal gennaio 1998 Flavia Kippele è direttrice di Pro Senectute Grigioni. Si è laureata presso l'Università di Zurigo ed ha poi concluso la formazione quale "Bachelor of Business Administration".

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel