Navigation

Inhaltsbereich

Votazione popolare cantonale del 18 maggio 2003 sulla revisione totale della Costituzione cantonale

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
SÌ alla nuova Costituzione
Il 18 maggio voteremo su una nuova Costituzione per il Cantone dei Grigioni. Essa rappresenta un equilibrata mescolanza tra elementi dimostratisi validi ed elementi nuovi, ed è un solido fondamento per affrontare sfide odierne e future. La popolazione ha prestato un grande contributo alla sua realizzazione, partecipandovi con impegno.

Perché una nuova Costituzione?
Con la Costituzione dichiariamo come vogliamo configurare ed organizzare il Cantone. La Costituzione indica quali valori fondamentali ci stanno a cuore e cosa ci unisce. Essa deve essere il filo di Arianna con il quale le e gli abitanti si possono orientare, creando in tal modo trasparenza e fiducia. Proprio ai giorni nostri è importante unire se possibile la popolazione e non creare fossati. Il Governo e il Gran Consiglio si sono perciò impegnati per creare una Costituzione che possa trovare ampio consenso tra la popolazione. Sono convinta che ciò sia riuscito.
La Costituzione cantonale in vigore non risponde più alle esigenze. Per questo motivo nell'autunno del 1997 le e gli aventi diritto di voto hanno incaricato a grande maggioranza il Governo ed il Gran Consiglio di elaborare una nuova Costituzione con adeguamenti contenutistici e redazionali. Con il progetto che giunge in votazione, con questa Carta costitutiva prossima ai cittadini e orientata al futuro, le autorità adempiono all'incarico loro assegnato dal Popolo.

Mescolanza equilibrata di novità e di elementi dimostratisi validi
Una Costituzione deve orientarsi in avanti. Noi dobbiamo raccogliere le sfide del futuro e non possiamo chiudere gli occhi di fronte al cambiamento della nostra società. Dobbiamo adattare le nostre strutture ai bisogni attuali. Una nuova Costituzione però non può e non deve mettere tutto sottosopra. È importante e giusto che essa si fondi sulle radici storiche, in modo tale che la popolazione possa identificarsi con la Costituzione. La nuova Costituzione contiene una mescolanza equilibrata di novità e di elementi dimostratisi validi e unisce tradizione e progresso. La nuova Costituzione
- contiene un chiaro riconoscimento del trilinguismo e promuove in particolare le minoranze linguistiche;
- riforma i diritti popolari del referendum e dell'iniziativa popolare e propone una soluzione equilibrata, che porta a chiari vantaggi per le e gli aventi diritto di voto e per le autorità;
- semplifica la legislazione e rafforza così la partecipazione del Popolo;
- protegge meglio i diritti costituzionali delle cittadine e dei cittadini e rafforza l'indipendenza della giustizia;
- ancora esplicitamente l'autonomia comunale;
- rafforza la collaborazione locale e regionale e prescrive degli standard minimi a favore del diritto di partecipazione della popolazione;
- descrive in modo breve e conciso i principali compiti di Cantone e comuni (p. es. sicurezza della popolazione, protezione delle aree scarsamente popolate e delle regioni periferiche, nonché pari opportunità per tutti e l'uguaglianza tra donna e uomo);
- riprende l'attuale regolamentazione del rapporto tra Chiesa e Stato.

Per un sistema elettorale che dia importanza ad ogni voto
Con una votazione sulle varianti le e gli aventi diritto di voto possono decidere secondo quale procedura dovranno in futuro essere eletti i membri del Gran Consiglio. Per il Governo è importante che il Gran Consiglio, in qualità di rappresentate del Popolo, rifletta un'immagine possibilmente esatta della popolazione. Per questo motivo esso sostiene il cosiddetto "modello grigione", che unisce sistema maggioritario e sistema proporzionale ed è tagliato su misura per le condizioni presenti nel Cantone dei Grigioni: le e gli aventi diritto di voto eleggono in ogni Circolo un membro del Gran Consiglio secondo il sistema maggioritario. L'elezione degli altri 81 membri del Gran Consiglio avviene negli 11 distretti secondo il sistema proporzionale, tenendo conto dei mandati diretti.
Il modello grigione tiene conto delle esigenze dei circoli scarsamente popolati e delle minoranze politiche. È un sistema semplice, giusto e solido che corrisponde meglio all'uguaglianza giuridica di tutte le e di tutti gli aventi diritto di voto, poiché con questo compromesso equilibrato, che indica la strada verso il futuro, ogni singolo voto diventa importante. Secondo la visione del Governo il modello grigione meglio si adatta a soddisfare le esigenze attuali e future. Esso ravviva la politica nel nostro Cantone e rispetta la volontà popolare.

Necessaria una visione d'insieme
In occasione della votazione popolare del 18 maggio 2003 bisognerà valutare la nuova Costituzione nel suo insieme, poiché non è possibile votare separatamente su ogni singolo articolo. Senza la disponibilità ad una considerazione globale, ogni revisione totale di una costituzione sarebbe destinata al fallimento. Secondo la visione del Governo e del Gran Consiglio la nuova Costituzione merita un vasto consenso. Essa elimina in ogni caso, quindi indipendentemente dalla questione del sistema elettorale, i difetti della Costituzione del 1892 e soddisfa le esigenze poste ad una Carta costitutiva moderna. Pensi ai vantaggi per il nostro Cantone e per tutta la popolazione. Dica 2 volte SÌ alla nuova Costituzione cantonale e dica di SÌ al modello grigione.

Consigliera di Stato Dr. Eveline Widmer-Schlumpf
Direttrice del Dipartimento delle finanze e militare dei Grigioni

Organo: Dipartimento delle finanze e militare
Fonte: it Dipartimento delle finanze e militare
Neuer Artikel