Navigation

Inhaltsbereich

Legge cantonale sulla pianificazione territoriale: revisione totale dopo 30 anni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo ha posto in consultazione il progetto per una nuova Legge cantonale sulla pianificazione territoriale (LPTC). I comuni, le regioni ed altri interessati sono invitati a prendere posizione entro la metà di ottobre 2003.

I tratti fondamentali della vigente Legge cantonale sulla pianificazione territoriale risalgono al 1973. Dopo 30 anni deve ora essere aggiornata e sostituita da una nuova legge. Si tratta innanzitutto di dare un nuovo aspetto in relazione alla lingua e alla sistematica, nonché di sgomberarla da norme superate. Vi è inoltre una necessità di revisione sulla base delle esperienze pratiche con il diritto vigente acquisite nel corso degli ultimi tre decenni ed in seguito alle modifiche intervenute nel diritto di rango superiore.

Procedure più semplici e più rapide
Contemporaneamente all'aggiornamento, il progetto pone anche alcuni punti chiave. Il punto chiave principale è costituito dalla semplificazione e dall'accelerazione delle diverse procedure di pianificazione e di autorizzazione. Quali misure vi sono tra le altre in discussione l'introduzione di termini per il disbrigo delle pratiche, l'uniformazione delle prescrizioni procedurali, il miglioramento del coordinamento della procedura e l'armonizzazione dei rimedi giuridici. Ulteriori punti chiave del progetto sono l'estensione del margine di manovra dei comuni per quanto riguarda la pianificazione locale, l'introduzione del principio "abitare rimane abitare" per edifici al di fuori delle zone edificabili, la creazione di una regolamentazione delle competenze più chiara per quanto concerne la punizione di attività edilizie illegali, l'attuazione delle nuove norme federali sull'edificazione adatta ai disabili, nonché riforme per la promozione di una buona qualità e architettura dell'insediamento.

Nessuna reinvenzione della pianificazione territoriale
Il progetto non mira ad una reinvenzione della pianificazione territoriale e nemmeno scatena di per sé una nuova ondata di revisioni delle pianificazioni locali. I miglioramenti previsti si fondano piuttosto sulla strutturazione a livelli (piano direttore - pianificazione delle utilizzazioni - procedura per il rilascio della licenza edilizia) della pianificazione cantonale, strutturazione dimostratasi valida e con la quale si è preso confidenza. Altrettanto poco è scossa l'autonomia comunale grigionese, tradizionalmente elevata, in materia di edilizia e pianificazione. Siccome il progetto porta a uniformazioni mirate in settori formali, i comuni in futuro potranno addirittura concentrarsi in modo ancora maggiore su quanto è politicamente e materialmente essenziale per l'autonomia comunale.


Organo: Governo
Fonte: it Dipartimento dell'interno e dell'economia pubblica
Neuer Artikel