Zum Seiteninhalt

Richiesta l'espulsione dall'abitazione degli autori di violenza

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La violenza domestica deve portare all'espulsione dell'autore dall'abitazione comune. Questo è quanto proposto dalla Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale. A questo scopo si vuole ancorare un nuovo articolo 28b nel Codice civile (CC). La Commissione propone inoltre ai Cantoni di allestire centri di informazione e di consulenza per la protezione dalla violenza domestica. Il Governo grigionese sostiene in linea di principio l'introduzione del nuovo articolo nel CC, scrive nella sua presa di posizione al Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Nei Grigioni, nel 2003, si è dato avvio ad un programma di intervento contro la violenza domestica. Anche la nuova legge cantonale sulla polizia offre alla polizia delle possibilità per allontanare dall'abitazione gli autori di violenza.

Governo favorevole alla trasparenza degli onorari delle direzioni e dei consigli di amministrazione
Membri di direzioni e di consigli di amministrazione di imprese quotate in borsa devono essere obbligati a dichiarare pubblicamente i loro indennizzi; al massimo tuttavia in misura pari a quanto avviene in altri Stati. Il proposto adeguamento del diritto obbligazionario non deve infatti avere conseguenze negative sulla piazza economica svizzera, scrive il Governo nella sua presa di posizione al Dipartimento federale di giustizia e polizia. È anche giusto differenziare tra i membri del consiglio di amministrazione ed i membri della direzione: per quest'ultimi è sufficiente l'indicazione dell'importo complessivo, il quale viene determinato dal consiglio di amministrazione che esercita di conseguenza un certo controllo. Siccome il consiglio di amministrazione stabilisce da sé le proprie indennità, esso deve dichiararle integralmente in modo trasparente. Membri di consigli di amministrazione e direzioni devono inoltre rendere pubbliche le loro partecipazioni personali alla società.

Presa di posizione dal "sottoprodotto di origine animale" fino al chip per cani
Il Governo grigionese, nonostante alcune osservazioni critiche, è fondamentalmente d'accordo con i progetti di revisione di quattro ordinanze concernenti il diritto sulle epizoozie e l'igiene delle carni: l'"ordinanza concernente l'eliminazione dei sottoprodotti di origine animale OESPA", l'"ordinanza sulle epizoozie OFE", l'"ordinanza concernente l'importazione, il transito e l'esportazione di animali e prodotti animali OITE" e l'"ordinanza sul controllo delle carni OCC".

La nuova OESPA disciplina, in adeguamento al diritto vigente nell'UE, il modo in cui i rifiuti animali, i cosiddetti "sottoprodotti di origine animale" possano essere utilizzati. I prodotti della categoria 1 devono essere inceneriti, quelli della categoria 2 possono essere utilizzati come concimi o per la produzione di biogas e quelli della categoria 3, quelli che presentano una minore componente di rischio, possono tra l'altro essere utilizzati come cibo per animali domestici. La suddivisione in tre categorie penalizza i macelli decentrati, non essendo lo smaltimento delle categorie 2 e 3 economico a causa delle piccole quantità e delle distanze. A questo proposito il Governo richiede un conguaglio degli oneri tra le grandi e le piccole aziende.

La nuova OFE prevede di contrassegnare e registrare i cani con un microchip o con un tatuaggio. L'identificazione faciliterà gli accertamenti soprattutto in seguito a morsicature e in caso di diffusione di epidemie. Il Governo predilige il chip per cani, siccome esso rende più razionale e sicura l'attuazione. Tuttavia l'identificazione di cani deve ancora essere giustificata nell'OFE per quanto riguarda la sua rilevanza.

Contributi cantonali a favore di diverse istituzioni
- Scuol: il Cantone versa un contributo di circa 300'000 franchi per l'impianto di innevamento artificiale e la seggiovia a 6 posti della Pendicularas Motta Naluns. La società di gestione riceve inoltre un mutuo di aiuto agli investimenti della Confederazione di circa 1,8 milioni di franchi.
- Promozione della cultura: il Governo ha approvato circa 260'000 franchi quali sussidi e garanzie di disavanzo per opere e manifestazioni culturali. Di questi, circa 105'000 franchi sono destinati a produzioni dei gruppi teatrali grigionesi attivi professionalmente.

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel