Contenuto della pagina

Diritti popolari: la revisione totale approda in Parlamento

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La revisione totale della legge sull'esercizio dei diritti politici nel Cantone dei Grigioni approda in Parlamento. Il Governo ha licenziato il relativo messaggio. Il Gran Consiglio tratterà nel mese di giugno 2005 tra le altre cose la promozione dei partiti, l'armonizzazione delle date delle elezioni e l'abbandono della "maggioranza grigionese". La nuova legge sui diritti politici disciplina inoltre anche la procedura in caso di secondo conteggio nelle elezioni e votazioni, nonché i motivi per una possibile destituzione di membri delle autorità. La legge oggi in vigore risale al 1962. La nuova Costituzione cantonale ha reso indispensabile una revisione totale della legge attuale.
- Finanziamento dei partiti: i partiti politici devono poter essere sostenuti dal Cantone con sussidi diretti, a condizione che il partito abbia partecipato alle due ultime elezioni del Gran Consiglio ogni volta in almeno tre circondari elettorali ed abbia ottenuto ogni volta almeno un mandato in Gran Consiglio. Il Governo prevede concretamente di mettere a disposizione 2000 franchi per membro del Gran Consiglio e per anno. Questi partiti devono a loro volta presentare al Parlamento i loro conteggi annuali.
- Date delle elezioni: finora il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati, nonché il Gran Consiglio e il Governo venivano eletti in domeniche diverse. Dato che il Gran Consiglio grigionese viene ora eletto per quattro anni e non più per tre, le due autorità politiche cantonali supreme possono venire elette nella stessa domenica dei mesi di maggio o giugno, per la prima volta nel 2006. A titolo di novità anche l'elezione del Consiglio degli Stati e del Consiglio nazionale dovrà avvenire contemporaneamente verso la fine di ottobre. La prima elezione comune dei rappresentanti grigionesi alle Camere federali si terrà nel 2007.
- Maggioranza assoluta: la "maggioranza grigionese" rappresenta un unicum in Svizzera che porta regolarmente ad inutili secondi turni elettorali. La maggioranza assoluta deve ora essere determinata in base al cosiddetto "metodo zurighese": secondo questo metodo il totale di tutti i suffragi validi ottenuti dai candidati viene diviso per il doppio dei seggi vacanti; il numero intero immediatamente superiore è la maggioranza assoluta. Questa formula può venire impiegata a tutti i livelli statali per tutte le elezioni secondo il sistema maggioritario.
- Secondo conteggio: la nuova legge sui diritti politici stabilisce a titolo di novità anche chiare regole per i casi in cui un secondo conteggio deve avvenire d'ufficio. Segnatamente se la differenza nel risultato complessivo provvisorio ammonta a meno dello 0,3 percento delle schede di voto valide consegnate.
- Destituzione: i membri del Governo e del Gran Consiglio possono ora venire destituiti dalla loro carica a determinate condizioni. L'autorità competente è il Gran Consiglio. I motivi per una destituzione (violazione dei doveri d'ufficio, incapacità ad esercitare la carica e crimine) sono formulati in modo da evitare revoche che abbiano motivazioni politiche.

Prese di posizione all'indirizzo della Confederazione
- Ufficio federale di giustizia - Decreto federale che approva la Convenzione dell'Aia relativa alla legge applicabile ai trust e al loro riconoscimento: il Governo grigionese accoglie con favore l'avamprogetto del decreto federale e la procedura scelta. In questo modo viene migliorata la sicurezza giuridica in particolare in riferimento al diritto applicabile, cosa che porta poi ad un rafforzamento della piazza finanziaria svizzera.

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel