Contenuto della pagina

Tasse delle case di cura: la partecipazione finanziaria spetta ai comuni di domicilio anziché a quelli che fanno parte dell'ente responsabile

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Le case di cura ed i reparti di cura ospedalieri possono oggi fatturare ai beneficiari di prestazioni complementari soltanto tasse che questi ultimi sono in grado di finanziare tramite le loro entrate. Ciò comporta un sovvenzionamento trasversale da parte di residenti in migliori condizioni finanziarie oppure un disavanzo degli istituti, che deve essere assunto dai comuni che fanno parte dell'ente responsabile rispettivamente dai comuni della regione d'istituto. I sovvenzionamenti trasversali infrangono il principio secondo cui deve essere pagato lo stesso prezzo per la stessa prestazione nel settore della lungodegenza. A causa delle eccedenze di spesa vi è il pericolo che, con una scusa qualsiasi, persone in condizioni finanziarie sfavorevoli non vengano ammesse negli istituti.
Questa situazione è insoddisfacente per gli istituti e per i comuni che fanno parte dell'ente responsabile. Il Governo propone pertanto di modificare la legge sulla cura degli ammalati in modo tale che le spese scoperte non debbano più essere assunte dai comuni che fanno parte dell'ente responsabile, bensì da quelli nei quali l'ospite dell'istituto era domiciliato nei dieci anni precedenti l'ammissione; ciò proporzionalmente alla durata del domicilio.
Nell'autunno 2004 il Gran Consiglio ha incaricato il Governo di elaborare una soluzione per le tasse scoperte per residenti di case di cura con prestazioni complementari massime.
La procedura di consultazione per questa revisione parziale della legge sulla cura degli ammalati si protrae fino alla fine di aprile 2005. La documentazione relativa alla consultazione può essere consultata su Internet all'indirizzo www.jpsd.gr.ch.

In futuro i cani saranno identificabili per tutta la vita tramite l'ANIS
Al più tardi all'inizio del 2007 tutti i cani dovranno essere identificabili tramite un tatuaggio o tramite un microchip. Secondo il diritto federale queste informazioni devono venire registrate in una banca dati. Nei Grigioni i cani verranno annunciati e registrati presso la Animal Identity Service AG ANIS. Il Governo grigionese ha deciso di affidare questo incarico all'ANIS a partire dal 1° luglio 2005.
La responsabilità per il contrassegno e la registrazione dei cani spetta ai detentori dell'animale; la notifica avverrà ad opera del rispettivo veterinario. Il tatuaggio o il microchip aiutano negli accertamenti in caso di epidemie ed in seguito a morsicature, nonché in caso di cani scappati, trascurati o abbandonati.
L'ANIS viene già utilizzato nei Cantoni di Ginevra, Vaud, Vallese, Giura e Nidwaldo; altri Cantoni probabilmente seguiranno.

Prese di posizione all'indirizzo della Confederazione
Ufficio federale di giustizia - Avamprogetto relativo a una legge federale sull'impiego della coercizione nell'ambito del diritto degli stranieri e dei trasporti di persone su mandato della autorità federali: il Governo grigionese sostiene l'avamprogetto della cosiddetta legge sull'impiego della coercizione LICo. In caso di espulsioni su incarico della Confederazione si è più volte giunti ad eccessi di violenza che hanno in parte avuto esito letale.

Contributi cantonali a favore di diverse istituzioni
Conservazione dei monumenti storici: il Governo ha approvato circa 875'000 franchi per il restauro ed il risanamento dei seguenti oggetti:
- Kurhaus Bergün, Bergün/Bravuogn
- Cappella S. Carlo Borromeo, Buseno
- Mulino, Salouf
- Palazzo Landolfi, Poschiavo
- Chiesa S. Antonio Abate, Roveredo
- Cappella di St. Antonio da Padova, Degen
- Chiesa evangelica di Sils, Sils i.D.
- Chiesa evangelica di Bever, Bever
- Casa d'abitazione n. 59, Duvin
- Dipinti murali nella chiesa di Fex-Crasta, Sils i.E./Segl

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel