Zum Seiteninhalt

Buona caccia alta 2006 - la caccia alta 2007 inizierà già il 1° settem-bre

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo ha già fissato i periodi per la caccia alta 2007: dal 1° al 9 settembre, dal 17 al 28 settembre, l'interruzione della caccia dal 10 al 16 settembre. La caccia alta di quest'anno ha dato buoni risultati. Una caccia caratterizzata dal bel tempo con un numero di cervi abbattuti leggermente più basso rispetto alla media plu-riennale e un buon numero di camosci abbattuti. In molte parti del Cantone è necessa-ria una caccia autunnale al cervo. La caccia autunnale ha come noto l'obiettivo di ade-guare gli effettivi di selvaggina alle dimore invernali.

Il Governo fissa i periodi per la caccia alta 2007
La revisione parziale della legge cantonale sulla caccia è stata accettata dal Popolo grigione-se il 24 settembre. In futuro sarà così possibile interrompere la caccia alta per alcuni giorni. Lo scopo di quest'interruzione è quello di aumentare il numero di cervi abbattuti durante la caccia alta. Nel corso della sua ultima seduta il Governo ha fissato i periodi per la caccia alta 2007. La caccia alta 2007 si svolgerà dal 1° al 9 e dal 17 al 28 settembre. Da lunedì 10 a domenica 16 settembre (Festa di preghiera) la caccia alta sarà interrotta.

Numero di cacciatori stabile - più cacciatrici
5'376 (l'anno scorso 5'407) cacciatori, di cui 110 (103) cacciatrici, hanno preso parte alla caccia alta grigionese e hanno abbattuto 7'886 (l'anno scorso 8'110) ungulati. Il risultato della caccia alta può nell'insieme essere considerato buono.

Nonostante il bel tempo buon numero di capi abbattuti durante la caccia alta Il settembre 2006 è stato il settembre più caldo degli ultimi 140 anni. Per esperienza ciò ha conseguenze piuttosto negative sul numero di cervi e caprioli abbattuti, ma ha conseguenze positive sul numero di camosci abbattuti.
 Totalemaschifemminerapporto
Cervo2'727 (2'957)1'591 (1'729)1'136 (1'228)1 : 0.71 (0.71)
Capriolo1'604 (1'710)1'014 (1'116)590 ( 594)1 : 0.58 (0.53)
Camoscio3'545 (3'451)1'766 (1'715)1'779 (1'736)1 : 1.01 (1.01)
Cinghiale10 (4)4 (4)6 (0)
Totale ungulati:7'886 (8'122)


Una caccia al cervo sostenibile necessita di una caccia autunnale
La caccia al cervo è stata buona nella prima metà del periodo di caccia, dopo la Festa fede-rale di preghiera un po' più difficile. In generale il numero di cervi abbattuti è stato buono, ma con grandi differenze regionali. Nei due giorni di caccia al cervo con corona su ambedue le aste sono stati abbattuti 12 cervi capitali. Mentre il numero di cervi abbattuti rientra nella me-dia pluriennale, in quasi tutto il Cantone sono state abbattute ancora troppo poche femmine. Per stabilizzare l'effettivo di cervi è necessario l'abbattimento di 4'210 cervi. È decisivo che vengano raggiunti i criteri qualitativi, ossia l'abbattimento di un numero sufficiente di femmine e animali giovani. L'obiettivo di arrivare al prossimo inverno con un effettivo di selvaggina adeguato al suo habitat ed equilibrato deve essere raggiunto con una caccia autunnale com-plementare alla caccia alta. La struttura naturale della popolazione di selvaggina, a cui si mira, fa sì che si manifestino meno malattie e parassiti e che anche inverni duri possano ess-ere superati con un numero di perdite nettamente inferiore. Per quanto riguarda i cervi devo-no essere abbattuti ancora 1'290 (l'anno scorso 1'161) capi per realizzare il piano di abbatti-mento. Nelle regioni Bregaglia, Herrschaft-Seewis, Igis-Furna-Fideris e Untervaz non si svolgerà una caccia autunnale. Per la caccia autunnale si sono annunciati 2'334 (2'044) cacciatrici e cacciatori. Le cacciatrici ed i cacciatori che prendono parte alla caccia autunnale adempiono ad un compito importan-te tramite l'adeguamento degli effettivi di selvaggina alle loro dimore invernali. Ciò fa sì che le dimore invernali non vengano sovrasfruttate e contribuisce ad evitare eccessive perdite in-vernali tra la selvaggina, riducendo così anche la quota di selvaggina perita. In questo modo vengono però anche ridotti risp. evitati i danni al bosco e alle coltivazioni agricole.

Nessuna caccia autunnale al capriolo
La caccia al capriolo è stata ridotta, come l'anno scorso, da 21 a 17 giorni. Come ci si aspett-ava, in seguito al numero regionalmente elevato di caprioli periti nello scorso inverno, il numero complessivo di capi abbattuti è stato leggermente inferiore rispetto all'anno scorso. Nella maggior parte delle regioni è stato raggiunto il piano di abbattimento per i caprioli. Secondo un calcolo puramente matematico, in 6 regioni dovrebbero essere ancora abbattute delle femmine. Proprio il numero esiguo di maschi abbattuti in queste regioni mostra tuttavia che attualmente gli effettivi di caprioli sono nettamente inferiori. L'obiettivo primario è qui l'au-mento dell'effettivo di caprioli. Per questo motivo si rinuncia ad una caccia autunnale. Ciò è senz'altro compatibile con le richieste in materia di biologia della selvaggina ed ecologiche.

Buon numero di camosci abbattuti br> Nell'insieme, la caccia al camoscio può essere considerata buona nonostante notevoli diffe-renze regionali. Per via della riduzione degli effettivi in seguito alla cheratocongiuntivite, in diverse regioni (Surselva, Sursès, Schams, Avers) la caccia al camoscio è stata ridotta di 4 giorni e limitata a due capi per cacciatore. Altre regioni, soprattutto del Grigioni meridionale, hanno registrato un buon numero di abbattimenti o persino risultati record. Nelle ultime settimane, in Engadina Alta sono stati registrati numerosi camosci e stambecchi con sintomi acuti di cheratocongiuntivite.

Popolazione dei cinghiali in aumento in Mesolcina
In Mesolcina sono stati abbattuti 10 cinghiali. Durante la caccia alta sono per la prima volta state abbattute anche delle femmine. L'effettivo di cinghiali attualmente alto in Ticino fa cre-scere la popolazione di cinghiali in Mesolcina. Parallelamente all'aumento del numero di capi abbattuti sono tuttavia aumentati anche i danni causati dai cinghiali.

Ufficio Per La Caccia E La Pesca Dei Grigioni

Allegati
- Piano della caccia autunnale al cervo 2006

Per informazioni
Dr. Georg Brosi, capo dell'Ufficio per la caccia e la pesca dei Grigioni, Loëstr. 14, 7001 Coira, 081- 257 38 92

Gremium: Ufficio Per La Caccia E La Pesca Dei Grigioni
Quelle: it Ufficio Per La Caccia E La Pesca Dei Grigioni
Neuer Artikel