Contenuto della pagina

Chiesta la riduzione delle imposte di circolazione per i veicoli a basse emissioni di gas di scarico

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Nei Grigioni i veicoli a motore a basse emissioni di gas di scarico dovranno in futuro godere di sgravi d'imposta. Il Governo grigionese ha aperto a questo proposito una consultazione relativa alla legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale.
Nella sessione di dicembre 2005 il Gran Consiglio ha accolto un incarico che obbliga il Governo a inserire nella legislazione cantonale anche l'emissione di CO2 quale ulteriore criterio per la determinazione delle imposte di circolazione. L'intervento chiede inoltre l'esame di modelli di incentivazione che potrebbero favorire l'acquisto di veicoli a motore poco inquinanti.
Per motivi costituzionali, l'attuazione dell'incarico necessita di una base a livello legislativo. In questa occasione si provvederà nel contempo a porre l'intera legislazione esecutiva relativa alla circolazione stradale, finora disciplinata a livello di ordinanza, su di un nuovo fondamento e ad adeguarla alle esigenze odierne.
Il fulcro del progetto di consultazione prevede per i veicoli a motore a basso impatto ambientale una riduzione dell'imposta di circolazione compresa tra il 60 e l'80 percento. Il Governo sarà chiamato a stabilire separatamente a livello di ordinanza cosa si intenda con "a basse emissioni". Il Governo ritiene opportuna una riduzione dell'imposta di circolazione del 60 percento per veicoli a motore con emissioni di CO2 di al massimo 160 grammi per chilometro, nonché dell'80 percento per veicoli con emissioni di 140 grammi per chilometro. I veicoli diesel non possono inoltre produrre emissioni di polveri fini superiori a 0,01 grammi per chilometro.
La documentazione relativa alla consultazione può essere scaricata dal sito Internet del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità www.djsg.gr.ch. La consultazione durerà fino al 15 dicembre 2007.

La legge cantonale sugli assegni familiari deve essere adeguata alle prescrizioni federali
Il Governo grigionese ha inviato in consultazione il disegno di revisione parziale della legge cantonale sugli assegni familiari. Con la revisione parziale devono essere soddisfatte le prescrizioni della Confederazione nel settore degli assegni familiari.
Il 26 novembre 2006 il Popolo svizzero ha approvato la legge sugli assegni familiari, contro la quale era stato lanciato un referendum. L'entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2009. Entro questa data i Cantoni sono tenuti ad adeguare le loro norme sugli assegni familiari alle disposizioni federali.
La legge federale sugli assegni familiari stabilisce tra l'altro a livello nazionale un importo mensile minimo di 200 franchi per gli assegni per i figli e di 250 franchi per gli assegni di formazione. Nel Cantone dei Grigioni gli assegni per i figli ammontano attualmente a 195 franchi e quelli di formazione a 220 franchi al mese. La prevista revisione parziale stabilisce ora nella legge che l'ammontare degli assegni familiari nei Grigioni si conforma agli importi minimi della Confederazione. Un altro punto importante della revisione è quello che prevede l'attuazione generalizzata del principio "Un figlio - un assegno". Di conseguenza, avranno a titolo di novità diritto ad assegni familiari non soltanto i dipendenti, bensì anche le persone prive di attività lucrativa e gli indipendenti.
Dovrà essere adeguato anche il sistema di finanziamento. Oltre ai datori di lavoro, saranno ora di principio chiamati a versare contributi tutte le persone esercitanti un'attività lucrativa indipendente fino al limite di reddito secondo la legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni, che attualmente è di 106'800 franchi, tutte le persone che non esercitano un'attività lucrativa, se i loro contributi superano il contributo minimo AVS, nonché il Cantone.
Con l'entrata in vigore della legge sugli assegni familiari riveduta verrà stabilita un'unica aliquota contributiva per i datori di lavoro e gli indipendenti della Cassa cantonale di compensazione per gli assegni familiari, fissata all'1,7 percento del reddito soggetto all'AVS, a condizione che le prestazioni non vengano incrementate.
La documentazione relativa alla consultazione può essere scaricata dalla Homepage del Dipartimento dell'economia pubblica e socialità www.dvs.gr.ch. La consultazione durerà fino al 30 novembre 2007.

Vengono aumentati i sussidi per l'assistenza ai bambini complementare alla famiglia
Per l'anno 2008 il Governo grigionese ha aumentato dal 15 al 20 percento le percentuali contributive del Cantone e dei comuni nell'ambito dei servizi per l'assistenza ai bambini complementare alla famiglia. Inoltre la percentuale contributiva per nuovi servizi nei primi tre anni contributivi viene aumentata dal 15 al 25 percento. I costi standard per i fornitori di servizi per l'assistenza ai bambini complementare alla famiglia che hanno diritto a sussidi ammontano per il 2008 a fr. 9,20 per ora di assistenza e bambino.
Nella sessione di febbraio 2007 il Gran Consiglio aveva preso atto del Rapporto sulle famiglie del Cantone dei Grigioni, che propone delle misure in diversi settori per migliorare la situazione delle famiglie. Una di queste misure prevede di aumentare le percentuali contributive nei primi tre anni contributivi dal 15 al 25 percento. In totale ne beneficiano quattro servizi a Klosters, St.Moritz, Domat/Ems e Bever. Le spese supplementari per il Cantone e per i comuni ammontano a circa 37'000 franchi per parte.
Nel Rapporto sulle famiglie il Governo aveva inoltre proposto di aumentare in generale dal 15 al 20 percento le percentuali contributive per i servizi già esistenti. Le spese supplementari per il Cantone e per i comuni ammontano a circa 335'000 franchi per parte.
In totale, nel 2008 il Cantone si attende per i servizi per l'assistenza ai bambini complementare alla famiglia costi pari a circa 2,9 milioni di franchi, che il Cantone e i comuni si assumono metà ciascuno.

Il Governo approva la parità nella scelta del cognome e dell'attinenza dei coniugi
Il Governo grigionese sostiene la proposta della commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale, che vuole una parità nella scelta del cognome e dell'attinenza dei coniugi. Le regolamentazioni in materia di cognome e attinenza fissate nel Codice civile svizzero non garantiscono interamente la parità tra uomo e donna, scrive il Governo nella sua presa di posizione.
La nuova regolamentazione prevede di fissare nel Codice civile il principio dell'immutabilità a vita del cognome di nascita. Questo significa che un matrimonio non influirà di principio sul cognome. I coniugi hanno tuttavia la possibilità di dichiarare che essi desiderano portare un cognome comune. Questo può essere sia il nome da nubile della coniuge, sia quello da celibe del coniuge. Se i genitori coniugati portano cognomi diversi, ogni figlio porterà il cognome stabilito dai genitori alla nascita del primo figlio. Inoltre la cittadinanza cantonale e l'attinenza comunale devono essere legate al cognome di nascita. Il Governo ritiene inoltre sensata la proposta della minoranza della commissione secondo cui ogni coniuge deve poter aggiungere al proprio cognome anche il cognome del coniuge quale cognome congiunto.

Distribuita la decima dell'alcol 2006
Il Governo grigionese ha distribuito la decima dell'alcol pari a 576'715 franchi per l'esercizio 2006. I soldi saranno impiegati per progetti di prevenzione, spese di trattamento, nonché per progetti di ricerca e formazione. Secondo la "legge federale sulle bevande distillate" la parte del prodotto netto della Regìa federale degli alcol spettante ai Cantoni deve essere impiegata nella lotta contro l'alcolismo nelle sue cause e nei suoi effetti, nonché nella lotta all'abuso di stupefacenti o di altre sostanze che generano dipendenza e nella lotta all'abuso di medicamenti.

Dai comuni e dalle regioni
- regioViamala: viene approvata la legge regionale sullo sviluppo del territorio e sul piano direttore decisa dall'Assemblea regionale di regioViamala il 4 aprile 2007. Per l'attuazione del programma pluriennale di sviluppo regionale del territorio della regioViamala viene stanziato un credito quadro di fr. 120'000 per il periodo 2007-2010.

Sussidi cantonali a favore di diverse istituzioni
- Mezzi della Lotteria intercantonale: il Governo ha approvato circa 414'000 franchi dal Fondo della Lotteria intercantonale per scopi culturali. Vengono prese in considerazione complessivamente 73 istituzioni.
- Protezione dei monumenti: per i costi della 3a fase di restauro della Cattedrale St. Mariae Himmelfahrt a Coira vengono concessi sussidi per un importo massimo di fr. 446'085.
- Pro Grigioni Italiano: alla Pro Grigioni Italiano viene concesso un contributo per un importo massimo di fr. 30'000.-- per la presentazione del Grigioni italiano come "Regione ospite d'onore" alla fiera d'autunno grigionese GEHLA 2008 a Coira.

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel