Contenuto della pagina

Il Governo vara il concetto di pedagogia specializzata dei Grigioni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo grigionese ha varato il concetto di pedagogia specializzata dei Grigioni del marzo 2007. Lo sviluppo del concetto si è reso necessario in seguito alla nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC).

Con la NPC il settore dell'istruzione scolastica speciale passa interamente sotto la responsabilità dei Cantoni. I Cantoni devono perciò illustrare in concetti di pedagogia specializzata come intendono assumersi la loro responsabilità in questo settore. Nello sviluppo del concetto di pedagogia specializzata si è dovuto tenere conto in primo luogo degli interessi dei bambini interessati di scuola regolare e speciale, però anche delle prescrizioni poste a livello federale.
Nella fase di transizione 2008 - 2011, nel cosiddetto settore a bassa soglia (classi ridotte, logopedia, terapia contro la legastenia, ecc.) non cambia praticamente niente per gli enti scolastici (comuni standard). Per quanto riguarda tale settore, in questa fase si vogliono però fare esperienze con gli indennizzi forfettari ai comuni e alle regioni che partecipano nell'ambito di progetti pilota. Questi comuni rilevano il compito di garantire le offerte e il Cantone partecipa forfettariamente alle rispettive spese, sulla base del numero complessivo di allievi. Se i risultati dei progetti pilota saranno positivi, a partire dal 2011 il Cantone parteciperà soltanto con delle forfettarie all'offerta di base di pedagogia specializzata di tutti gli enti scolastici. Oggi l'assicurazione invalidità e il Cantone partecipano concretamente alle spese del singolo caso.
Nel settore ad alta soglia (insegnamento in scuole speciali), durante la fase transitoria dal 2008 al 2011 le offerte rimarranno garantite in forma di esternato, di internato e in forma integrativa. A questo scopo verranno gestiti centri di competenza di scuola speciale. Durante la fase transitoria, il finanziamento di questi centri di competenza e del Servizio ortopedagogico avverrà secondo la prassi attuale, sotto forma di copertura del disavanzo. In vista del periodo dopo il 2011, a partire dal 2008 accanto alla contabilità ordinaria del centro di competenza di scuola speciale e del Servizio ortopedagogico verranno allestite, per fare esperienza, contabilità parallele con sussidi cantonali forfettari. A partire dal 2011 le sovvenzioni cantonali dovranno se possibile essere versate soltanto sotto forma di forfettarie.
Le esperienze fatte tra il 2008 e il 2011 sia nel settore a bassa soglia che in quello ad alta soglia devono fornire al Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente indicazioni per ottimizzare i sistemi di finanziamento e permettere al Dipartimento di prevedere in modo relativamente affidabile i risultati del nuovo sistema. Gli istituti di scuola speciale coinvolti, nonché i comuni e le regioni devono conoscere per tempo quali sussidi possono attendersi al termine della fase transitoria, ossia a partire dal 2011, e con quali adeguamenti possono eventualmente ottimizzare la loro situazione.

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel