Contenuto della pagina

Ridisciplinato il finanziamento dello Spitex, della consulenza alle madri e ai padri e delle case per anziani e di cura

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
A titolo di novità il Cantone dei Grigioni vuole finanziare i servizi di cura e assistenza a domicilio (Spitex) e di consulenza alle madri e ai padri in base alle prestazioni. Vengono ridisciplinati anche i sussidi cantonali agli investimenti per le case per anziani e di cura e per le unità di cura. Le novità sono intese a premiare i servizi che lavorano in modo economico e a correggere la disparità di trattamento da parte del Cantone nei confronti delle diverse forme di abitazione e di assistenza. Il Governo grigionese ha licenziato il messaggio relativo alla revisione parziale della legge sulla cura degli ammalati a destinazione del Gran Consiglio, che deciderà in merito nella sessione di giugno 2007.
Per i servizi Spitex l'attuale sistema del finanziamento del disavanzo non costituisce un incentivo a lavorare in modo economico. I servizi con un disavanzo importante ricevono maggiori sussidi cantonali rispetto ai servizi che lavorano con consapevolezza dei costi. A titolo di novità il sistema di finanziamento riferito alle prestazioni deve quindi sostituire l'attuale sistema di finanziamento del disavanzo. Il nuovo sistema prevede che il Cantone versi un sussidio fisso per ogni unità di prestazione fornita. Fanno parte delle prestazioni aventi diritto a sussidi le prestazioni di cura, di economia domestica e di assistenza, nonché il servizio pasti. Il nuovo sistema premia i servizi che lavorano in modo economico e amplia la loro libertà d'azione.
Il vigente sistema del finanziamento del disavanzo deve essere sostituito anche nel settore della consulenza alle madri e ai padri. A titolo di novità il sussidio cantonale viene versato sotto forma di sussidio forfettario per ogni bambino nel primo anno di vita domiciliato nella regione. Questa offerta dovrà essere gratuita anche in futuro.
Deve infine essere cambiato il finanziamento degli investimenti delle case per anziani e di cura, nonché delle unità di cura, ai sensi del principio di politica degli anziani "ambulatoriale prima di stazionario". Oggi l'ente pubblico sovvenziona praticamente la totalità delle spese di alloggio. Ciò costituisce una disparità di trattamento nei confronti delle altre forme di abitazione e di assistenza, come ad esempio la cura e l'assistenza a domicilio o gli appartamenti protetti per anziani.
A titolo di novità, per gli istituti si distinguono tre categorie di investimenti. La prima include le nuove costruzioni e gli ampliamenti che creano i posti letto previsti dalla pianificazione quadro cantonale. A questi progetti di costruzione il Cantone versa un sussidio forfettario per ogni posto letto supplementare creato. La seconda categoria riguarda la trasformazione di camere doppie in camere singole. Anch'essa viene sostenuta con un sussidio forfettario cantonale per ogni camera supplementare creata, fino a una quota di camere singole del 90 percento. Non vengono per contro più versati sussidi alla terza categoria di investimenti, ossia alla sistemazione e al rinnovo di edifici esistenti, che devono ora essere finanziati con le rette pagate dagli ospiti degli istituti. A seconda dell'istituto, ciò può comportare rette leggermente superiori per gli ospiti. Se a causa della loro situazione di reddito e patrimoniale gli ospiti degli istituti non sono in grado di pagare per intero la retta, la differenza verrà coperta dalle prestazioni complementari.
La revisione parziale della legge sulla cura degli ammalati è strutturata in modo tale che la nuova concezione dei tre settori possa essere attuata senza avere nel suo insieme conseguenze sulle spese del Cantone e dei comuni. Dei sussidi federali per circa 4,5 milioni di franchi versati finora ai servizi Spitex e che verranno meno a partire dall'inizio del 2008 in seguito all'entrata in vigore della nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC), il Cantone si assumerà 2,8 milioni di franchi e i comuni 1,7 milioni di franchi. Le maggiori spese dei comuni verranno interamente compensate dalla cessazione, anch'essa dovuta alla NPC, dell'obbligo di pagare la differenza per gli ospiti di istituti che con i loro redditi non sono in grado di finanziare le rette. Il Cantone potrà probabilmente compensare interamente le maggiori spese dovute alla NPC attraverso i mezzi a destinazione non vincolata della NPC.

Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel