Zum Seiteninhalt

Consuntivo del Cantone dei Grigioni: Ottimo risultato 2009, ma prospettive per i prossimi anni nettamente peggiori

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen

Con il consuntivo 2009 è fortunatamente proseguita la serie di risultati positivi, nonostante la crisi economica e finanziaria. Il consuntivo 2009 si chiude con un'eccedenza dei ricavi ordinaria di 127 mio. di franchi (anno precedente 176 mio. di franchi). La solida base finanziaria del Cantone viene così di nuovo considerevolmente rafforzata per il futuro. Il direttore delle finanze, il Consigliere di Stato Martin Schmid, si dice molto soddisfatto di questo risultato, richiama però al contempo l'attenzione sulle prospettive finanziarie per i prossimi anni, che indicano un netto peggioramento. Con una stagnazione delle entrate, vanno assolutamente frenati gli aumenti delle uscite.

Principali affermazioni sul consuntivo 2009:

  • Le spese per il personale ammontano complessivamente a 325 mio. di franchi e si collocano nettamente al di sotto dei valori preventivati (-3,7% rispetto al preventivo 2009; +2,2% rispetto al 2008).
  • I contributi propri a terzi crescono in misura largamente superiore alla media e rispetto all'anno precedente aumentano di non meno di 43 mio. di franchi, ovvero del 6,4 percento, attestandosi a 713 mio. di franchi.
  • Con 676 mio. di franchi, gli introiti fiscali si collocano di 91 mio. al di sotto di quelli dell'anno precedente e di 26 mio. al di sopra del preventivo.
  • Gli investimenti netti si attestano a un importo elevato pari a 197 mio. di franchi (2008 195 mio. di franchi).
  • Il conto stradale chiude con un'eccedenza dei ricavi di 7,3 mio. di franchi. L'avere del conto stradale aumenta a 55 mio. di franchi. 
  • Rispetto al preventivo, che prevede un disavanzo di 40,7 mio. di franchi, anche per il consuntivo 2010 ci si può attendere un risultato migliore.

Secondo quanto affermato dal Consigliere di Stato Schmid dinanzi ai media in occasione della presentazione dei dati principali del conto 2009, un'elevata disciplina delle uscite adottata da Governo e Amministrazione, introiti fiscali più alti del previsto e altri maggiori entrate sarebbero i motivi principali per il buon risultato. Gli effetti della crisi economica e finanziaria non si sono manifestati o perlomeno non sono stati così marcati come si temeva nel 2009. Questo è quanto mostrano anche i risultati sempre positivi del consuntivo 2009 della Confederazione e di altri Cantoni.

Con 2'375 mio. di franchi, le spese si collocano sia al di sotto dell'anno precedente sia al di sotto del preventivo. Nei proventi dichiarati di 2'687 mio. di franchi è compreso un ricavo finanziario straordinario quale effetto particolare. Con la conversione di 25 mio. di franchi di capitale di dotazione della Banca Cantonale Grigione (BCG) in capitale di partecipazione, i buoni di partecipazione riservati per l'obbligazione convertibile BCG sono stati inseriti a bilancio nei beni finanziari. La loro valutazione porta a un utile contabile di 195 mio. di franchi. Si tratta unicamente di una transazione contabile effettuata per rispettare le norme legali. Essa non comporta alcun afflusso di mezzi o denaro e non modifica nulla alla situazione patrimoniale effettiva del Cantone.

Nel conto degli investimenti, alle spese pari a 401 mio. di franchi si contrappongono entrate per 224 mio. di franchi. Ne risultano investimenti netti per 177 mio. di franchi. Se si escludono le uscite e le entrate straordinarie, gli investimenti netti comparabili ammontano a 197,7 mio. di franchi e superano di circa 2 mio. di franchi il valore dell'anno precedente.

Anche gli altri parametri di bilancio sono positivi. Con 310,5 mio. di franchi, l'autofinanziamento si colloca chiaramente al di sopra del preventivo. In questo modo non solo è possibile finanziare gli investimenti netti, rimane bensì anche un'eccedenza di 112,8 mio. di franchi. Il grado di autofinanziamento ammonta al 157%. Grazie al ricavo straordinario BCG, il capitale proprio raggiunge quasi la soglia del miliardo.

Nonostante il soddisfacente risultato annuale, il direttore delle finanze Schmid non se la sente però di abbassare la guardia: certo, anche il conto 2010 dovrebbe concludersi con un risultato migliore del previsto. Ma già dal 2011 la situazione dovrebbe farsi più difficile, ha aggiunto rinviando alla pianificazione finanziaria aggiornata. Quest'ultima prevede per gli anni dal 2011 al 2014 dei disavanzi nettamente superiori alle direttive di politica finanziaria del Gran Consiglio e implica quindi un'elevata necessità di rettifica. Si tratterà soprattutto di contenere entro limiti sostenibili la crescita delle spese.

Il Gran Consiglio discuterà il consuntivo 2009 nella sessione di giugno.


Per ulteriori informazioni sul consuntivo 2009 rivolgersi a:
- Consigliere di Stato Dr. Martin Schmid, Direttore del Dipartimento delle finanze e dei comuni, tel. 081 257 32 01
- Andrea Seifert, capo dell'Amministrazione delle finanze, tel. 081 257 33 01


Organo: Dipartimento delle finanze e dei comuni
Fonte: it Dipartimento delle finanze e dei comuni

Neuer Artikel