Zum Seiteninhalt

Segheria di Domat/Ems: il Cantone vuole assicurare il futuro dell'economia forestale grigionese

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Cantone dei Grigioni si impegna con misure di accompagnamento per rafforzare e trasformare la segheria di Domat/Ems in un centro integrato per la lavorazione del legno. Così facendo, il Cantone intende sostenere anche in futuro lo sfruttamento sostenibile del legno quale materia prima locale e garantisce ai comuni il principale canale di smercio del legname tondo.

La segheria Stallinger Swiss Timber di Domat/Ems è stata inaugurata nell'aprile 2007 e rilevata dalla Mayr-Melnhof alla fine del 2008. Prima della messa in esercizio della segheria, la maggior parte del legname tondo grigionese doveva essere esportata senza creare valore aggiunto nel Cantone. Le esperienze raccolte finora confermano gli effetti estremamente positivi della segheria sull'economia forestale grigionese e quindi anche sui comuni grigionesi, ai quali appartiene oltre il 90 percento dei boschi presenti sul territorio cantonale. Grazie alla vendita garantita del legname proveniente dalla cura dei boschi di protezione viene anche sostenuta a lungo termine la salvaguardia delle funzioni protettive del bosco, molto importanti per un Cantone come i Grigioni, caratterizzato dalle montagne e dal turismo.

Condizioni di mercato mutate
Dall'entrata in funzione della segheria di Domat/Ems, sono in particolare tre le condizioni di mercato non influenzabili che hanno messo la MMST in una situazione economica difficile: la crisi immobiliare e la crisi economica mondiale hanno comportato il crollo del principale mercato di vendita, ovvero quello statunitense. A seguito della scarsità di materie prime, i prezzi del legname tondo sono aumentati di oltre il 40 percento, mentre il prezzo del legname segato ha avuto uno sviluppo inferiore alla media. Inoltre, il corso dell'euro è calato di circa il 15 percento rispetto al franco svizzero. Queste mutate condizioni di mercato hanno mostrato che a Domat/Ems sono necessari un costante e sufficiente approvvigionamento di legname tondo e una diversificazione della produzione tramite ulteriori investimenti, allo scopo di compensare meglio le oscillazioni del mercato.

Misure di accompagnamento
Le misure di accompagnamento del Cantone si fondano su due riflessioni principali: innanzitutto, stando ai rilevamenti dell'Ufficio forestale (UF), per il coordinamento e la pianificazione dell'approvvigionamento di legname tondo dai boschi locali sono necessari diritti di fornitura e garanzie di acquisto affidabili. La vendita garantita di legname a prezzi conformi al mercato assicura anche i considerevoli investimenti effettuati da Cantone e comuni per l'accesso al bosco e per la modernizzazione dei macchinari. Lo sfruttamento sostenibile della risorsa legno, estremamente importante per i Grigioni, può avvenire soltanto se i proprietari dei boschi possono fornire costantemente legname alla segheria. In secondo luogo si intende sostenere una strategia che permetta, con i nuovi prodotti, ovvero pellet e compensato di tavole, la trasformazione del sito in un centro integrato per la lavorazione del legno. In questo modo vengono aumentati sia la redditività, sia il valore aggiunto dell'ubicazione.

Investimento nel bosco
Il progetto "Mercato del legname tondo dei Grigioni" per il coordinamento delle attività dei diversi proprietari di boschi e offerenti di legname è già stato avviato nel 2009. Il Cantone dei Grigioni è l'unico tra gli importanti Cantoni di produzione di legname che negli ultimi tre anni ha potuto costantemente aumentare il proprio sfruttamento di legname. Questo significa essere sulla strada giusta e assumere un ruolo di pioniere a livello svizzero. Nel quadro del progetto "Mercato del legname tondo dei Grigioni" ci si concentra ora sulla fornitura di legname alla MMST da parte dei comuni grigionesi: per migliorare la fornitura alla MMST da fonti interne al Cantone quale parte importante dell'economia forestale grigionese, il Cantone dei Grigioni metterà a disposizione, per un massimo di 14 mio. di franchi, un sistema di incentivi limitato a tre anni per contratti di fornitura a lungo termine tra comuni e MMST.

Investimenti per rafforzare l'ubicazione
Nel quadro delle ampie misure di ristrutturazione della MMST per 80 mio. di franchi, il Cantone dei Grigioni rinuncia alla restituzione del mutuo di 9,6 mio. di franchi concesso a suo tempo. Contributi importanti sono stati forniti anche dalla banca che finanzia il progetto, dal gruppo Mayr-Melnhof Holz, nonché dagli ex proprietari Franz e Leopold Stallinger. Inoltre, con un contributo di al massimo 15,5 mio. di franchi agli investimenti di circa 50 mio. di franchi attuati dalla MMST, il Cantone dei Grigioni contribuisce allo sfruttamento del futuro potenziale di valore aggiunto: in una prima fase con 6,75 mio. di franchi per lo sviluppo a due livelli della produzione di pellet e in una seconda fase con 8,75 mio. di franchi ai futuri investimenti per la trasformazione del legname segato in compensato di tavole. Anche la Axpo Tegra AG sostiene con un contributo finanziario lo sviluppo del sito. In questo modo sarà in grado di fornire più calore di processo e di sfruttare meglio le sue capacità. La buona collaborazione tra Axpo Tegra AG e MMST hanno fatto sì che la MMST rinunciasse alla realizzazione di una propria centrale a legna.

Significativo beneficio per l'economia pubblica
Con le misure menzionate il Cantone dei Grigioni rafforza la sua attuale strategia per la promozione della risorsa naturale legno. La segheria di Domat/Ems ha aumentato di 37 mio. di franchi all'anno il valore aggiunto generato nei Grigioni dallo sfruttamento del bosco. I 17,1 mio. di franchi (7,5 mio. in contributi agli investimenti e 9,6 mio. in mutuo) finora investiti dal Cantone sono dunque ritornati moltiplicati a favore dell'economia grigionese. Tra l'altro, ad esempio, le aziende forestali dei comuni hanno potuto complessivamente ridurre le perdite dei loro conti d'esercizio di circa 8 mio. di franchi all'anno. Grazie alla trasformazione in centro integrato per la lavorazione del legno con produzione di legname segato, pellet e compensato di tavole, in futuro si potrà sfruttare un maggiore potenziale di valore aggiunto di 70 mio. di franchi all'anno. Si può inoltre partire dal presupposto che i conti d'esercizio delle aziende forestali avranno anche in futuro uno sviluppo positivo grazie alla maggiore efficienza.

Opportunità per i comuni
Con il suo impegno il Cantone crea i presupposti affinché i comuni, quali proprietari dei boschi, possano provvedere anche in futuro alla cura dei boschi in modo possibilmente neutrale dal profilo dei costi, mantenendo i posti di lavoro decentralizzati nell'economia forestale. La segheria di Domat/Ems è al servizio dell'economia forestale grigionese e dunque dei comuni. Il Comune di Domat/Ems quale comune di ubicazione ha bisogno che altri comuni grigionesi partecipino allo sviluppo della MMST, affinché la segheria possa essere rifornita a sufficienza con legname tondo grigionese. Il Cantone invita perciò i comuni a sfruttare in modo sostenibile l'opportunità unica di disporre di una segheria nei Grigioni e a concordare con la MMST diritti di fornitura a lungo termine nel quadro del progetto "Mercato del legname tondo dei Grigioni". Con le sue misure di accompagnamento, il Cantone assicura il principale canale di vendita del legname tondo risultante dalla cura dei boschi di protezione dei comuni grigionesi, a prezzi di mercato.


Persone di riferimento:
- Consigliere di Stato Hansjörg Trachsel, Direttore del Dipartimento dell'economia pubblica e socialità, tel. 081 257 23 01
- Consigliere di Stato Stefan Engler, Direttore del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste, tel. 081 257 36 01
- Eugen Arpagaus, capo dell'Ufficio dell'economia e del turismo, tel. 081 257 23 77 oppure 079 256 93 94
- Reto Hefti, ispettore forestale cantonale, tel. 081 257 38 51 oppure 079 659 69 18


Organo: Dipartimento dell'economia pubblica e socialità / Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Fonte: it Dipartimento dell'economia pubblica e socialità / Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Neuer Artikel