Navigazione principale

Contenuto della pagina

Giornate europee del Patrimonio in Val Lumnezia il 7 e 8 settembre 2013

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La 20a edizione delle giornate europee del Patrimonio si svolgerà il 7 e 8 settembre 2013 e sarà dedicata al tema "Fuoco luce energia". Nei Grigioni l'evento si svolgerà in Val Lumnezia. Il Servizio monumenti, il Servizio archeologico dei Grigioni e la Protezione della patria grigionese presentano ai visitatori un ricco programma.

Da quando l'uomo ne fa uso, il fuoco si è dimostrato un elemento dai due volti. Se da un lato lo si impiegava in modo mirato, dall'altro mostrava sempre i limiti posti al controllo della natura. Nei Grigioni diversi incendi che hanno devastato interi villaggi sono impressi nei ricordi collettivi della popolazione. Il dominio sul fuoco è soprattutto uno dei più significativi passi della storia dell'evoluzione dell'uomo. Esso ha reso possibili molte conquiste della civilizzazione come la produzione della ceramica o l'estrazione e la lavorazione dei metalli. Nello sviluppo moderno, dagli evoluti sistemi di riscaldamento, ai fornelli da cucina fino all'illuminazione degli ambienti in cui l'uomo vive, il fuoco e la luce restano un elemento determinante della storia culturale dell'umanità. Il dibattito attuale sulle questioni legate all'energia pone di fronte a nuove sfide.
Le giornate del Patrimonio verranno inaugurate ufficialmente sabato 7 settembre 2013 alle ore 10.30 sul piazzale della scuola di Lumbrein. All'inaugurazione interverranno: il Consigliere di Stato Martin Jäger, direttore del Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente, Duri Blumenthal, sindaco di Val Lumnezia, Thomas Reitmaier, archeologo cantonale, Ludmila Seifert, direttrice Protezione della patria grigionese, e Giovanni F. Menghini, sovrintendente cantonale ai monumenti. In seguito, fino alle ore 16.30 verranno proposte diverse visite guidate a Lumbrein e nei suoi dintorni. L'evento serale inizierà alle ore 17.00 con una relazione di Jürg Simonett, Museo retico di Coira, sul tema: "Costruzioni di centrali elettriche ed elettrificazione nei Grigioni". Seguirà, quale prima svizzera, la proiezione del film del 2011 "Le thé ou l'électricité", di Jérôme Le Maire (Belgio / Francia / Marocco). Marianne Fischbacher, Museum Regiunal Surselva, incontrerà infine i testimoni dell'elettrificazione in Val Lumnezia.
L'evento proseguirà domenica 8 settembre 2013 a Vrin, dalle ore 10.00 alle ore 16.00. In questa giornata verrà anche proposta un'escursione guidata nella zona del parco eolico, nella regione Um Su, sopra Lumbrein.
Il programma dettagliato può essere consultato in internet agli indirizzi www.denkmalpflege.gr.ch, www.heimatschutz-gr.ch e www.hereinspaziert.ch

Per un vasto pubblico
Dalla prima edizione, nel 1994, le giornate europee del Patrimonio si sono sviluppate fino a diventare la più importante manifestazione nel settore della conservazione dei monumenti. L'obiettivo della manifestazione consiste nel sensibilizzare un vasto pubblico per la conservazione del patrimonio culturale. Le visite vengono organizzate in primo luogo dai servizi federali, cantonali e comunali per la cura dei monumenti e l'archeologia. Essi selezionano ogni anno gli oggetti, allacciano i contatti con i proprietari e organizzano le visite guidate e le manifestazioni sul posto.
Il Centro nazionale d'informazione per la conservazione dei beni culturali (NIKE) è responsabile per il coordinamento nazionale dei circa 200 eventi, per l'informazione dei media e dell'opinione pubblica nazionali, nonché per la pubblicazione del programma sotto forma di opuscolo e in internet. La Giornata europea del Patrimonio è una manifestazione culturale organizzata per iniziativa del Consiglio d'Europa e gode anche del sostegno dell'Unione europea. La giornata del Patrimonio si svolge in 48 Paesi europei.
 

Persona di riferimento:
Marlene Fasciati, Servizio monumenti dei Grigioni / Ufficio della cultura, tel. 081 257 27 89, e-mail: marlene.fasciati@dpg.gr.ch  
 

Organo: Ufficio della cultura
Fonte: it Ufficio della cultura
Neuer Artikel