Navigazione principale

Contenuto della pagina

L'elevato effettivo di cervi pregiudica il ringiovanimento del bosco

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
L'effettivo di cervi che ha svernato nei Grigioni ha raggiunto la soglia dei 15 000 capi e quindi il limite di sostenibilità. In Prettigovia, gli elevati effettivi di selvaggina causano problemi al ringiovanimento naturale dei boschi di protezione. I forestali della Prettigovia lanciano l'allarme. In occasione di un sopralluogo, il Consigliere di Stato Mario Cavigelli e i suoi collaboratori hanno recentemente informato le autorità comunali della Prettigovia riguardo alla problematica.

Negli ultimi anni gli effettivi di cervi in Prettigovia e nella Bündner Herrschaft sono costantemente aumentati. La situazione forestale mostra, in particolare nei ripidi boschi di protezione sul versante destro della valle, uno sviluppo naturale insufficiente. Ciò comporta già a medio termine un mancato ringiovanimento del bosco e causa una dispendiosa costruzione di recinzioni di protezione dalla selvaggina. In entrambe le regioni con elevata presenza di cervi, Herrschaft/Seewis e Bassa Prettigovia, con la pianificazione della caccia si mira perciò a una riduzione dell'effettivo di cervi. Grazie alla caccia si devono impedire conseguenze negative per l'habitat e anche per gli animali stessi.

Grandi effettivi di cervi pregiudicano il ringiovanimento naturale del bosco
Alla presenza del Consigliere di Stato Mario Cavigelli, gli specialisti dell'Ufficio per la caccia e la pesca, nonché dell'Ufficio foreste e pericoli naturali hanno recentemente presentato le problematiche ai rappresentanti comunali e hanno illustrato le correlazioni. In sostanza, gli elevati effettivi di cervi portano, in particolare nelle dimore invernali della selvaggina sul versante destro della valle in Prettigovia, a un deficit del naturale ringiovanimento dei boschi che va preso molto sul serio. La situazione risulta particolarmente critica proprio in zone ripide ed esposte sopra gli insediamenti e la strada nazionale.
I partecipanti al sopralluogo si sono detti impressionati. Durante la visita alle aree più colpite diviene chiaro a tutti che si deve procedere senza indugio a migliorare la situazione. È stata anche illustrata in modo chiaro la difficoltà della costruzione di recinzioni di protezione dalla selvaggina sui pendii ripidi e rocciosi.

La caccia deve essere intensificata a favore del ringiovanimento del bosco
La correlazione tra i grandi effettivi di cervi nelle dimore invernali e l'insufficiente o ridotto ringiovanimento naturale del bosco è risultata palese a tutti i partecipanti. Due terzi dei boschi grigionesi hanno una funzione di protezione dai pericoli naturali. L'effetto del bosco di protezione contro i pericoli naturali non dev'essere ridotto, poiché è 20 volte più economico rispetto a equivalenti opere di protezione. Come misura principale ed efficace per una soddisfacente funzione di protezione del bosco si mira perciò a una rapida riduzione dell'effettivo di cervi. Sebbene un ringiovanimento del bosco possa in certe zone essere raggiunto solo con recinzioni di protezione dalla selvaggina, si intende recintare il meno possibile.


Persone di riferimento:
- Consigliere di Stato Dr. Mario Cavigelli, direttore del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste, tel. 081 257 36 01, e-mail Mario.Cavigelli@bvfd.gr.ch  
- Dr. Georg Brosi, capo dell'Ufficio per la caccia e la pesca, tel. 081 257 38 91, e-mail Georg.Brosi@ajf.gr.ch 
- Ing. forestale dipl. ETH, Reto Hefti, capo dell'Ufficio foreste e pericoli naturali, tel. 081 257 38 51, e-mail Reto.Hefti@awn.gr.ch  


Organo: Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Fonte: it Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Neuer Artikel