Zum Seiteninhalt

Voto elettronico: l'accesso al codice sorgente di sistemi svizzeri di seconda generazione deve essere semplificato

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il voto elettronico diventa ancora più trasparente. I Cantoni coinvolti semplificano l'accesso al codice sorgente dei loro sistemi di seconda generazione. Insieme ad altri sette Cantoni, i Grigioni stanno elaborando in seno a un consorzio un sistema sicuro e avanzato dal punto di vista tecnico per il voto elettronico.

Al momento il consorzio Vote électronique, del quale dal 2014 fanno parte otto Cantoni (1), il Cantone di Ginevra, il cui sistema per l'espressione elettronica del voto via internet viene sfruttato da altri tre Cantoni (2) e il Cantone di Neuchâtel, con un sistema proprio, stanno sviluppando i propri sistemi.
L'obiettivo di questo sviluppo consiste nell'attuazione dei requisiti del terzo rapporto del Consiglio federale sul voto elettronico dell'estate 2013 e delle nuove basi giuridiche della Confederazione per il voto elettronico che sono entrati in vigore il 15 gennaio 2014.
In primo piano vi è l'introduzione della verificabilità. Inoltre, va garantita l'assenza di barriere del sistema, affinché anche gli aventi diritto di voto con disabilità possano esprimere il proprio voto in modo autonomo e quindi nel rispetto del segreto di voto.
I Cantoni coinvolti intendono semplificare l'accesso al codice sorgente dei loro sistemi sviluppati. Il codice sorgente è il testo di un programma informatico scritto in un linguaggio di programmazione. Questo passo aumenta la trasparenza ed è quindi un'importante misura per creare fiducia.
  • Dal 2010, il Cantone di Ginevra dispone di una base giuridica che permette l'accesso al codice sorgente (art. 60 cpv. 10 della legge sui diritti politici). Su questa base, nel 2013 il Cantone di Ginevra ha permesso due volte l'accesso al codice sorgente.
  • Il Cantone di Neuchâtel intende rendere accessibile il codice sorgente del sistema di seconda generazione per gli utenti registrati del "guichet unique".
  • Il consorzio Vote électronique pubblicherà il codice sorgente del sistema di seconda generazione.
I codici sorgente della seconda generazione saranno disponibili al più presto nell'inverno 2014/2015.
Dal 2010, quale Cantone pilota a livello svizzero, i Grigioni stanno svolgendo dei test di voto elettronico con gli svizzeri all'estero. L'obiettivo consiste nel dare la possibilità a tutti i grigionesi aventi diritto di voto di utilizzare il voto elettronico entro il 2019/2020. Nel 2016 andranno avviati progetti pilota con aventi diritto di voto grigionesi che vivono in Svizzera. Oltre alla votazione alle urne e per corrispondenza, il voto elettronico dovrà diventare un terzo canale adeguato per l'espressione del voto. 


Persone di riferimento:
- Cantone dei Grigioni: Cancelliere Dr. Claudio Riesen, tel. 081 257 22 21
- consorzio Vote électronique: Stefan Langenauer, capo Ufficio di statistica del Cantone di Zurigo, tel. 043 259 75 01


(1) Cantoni AG, TG, SH, SO, GR, FR, SG, ZH (dal 1.1.2014) 
(2) Cantoni BS, BE, LU


Organo: Consorzio Vote électronique
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel