Zum Seiteninhalt

Prestazione del turismo grigionese nel confronto internazionale

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Negli ultimi anni, lo sviluppo del turismo grigionese è stato poco soddisfacente. Lo studio pubblicato di recente "Tourismus-Benchmarking – Die Bündner Tourismuswirtschaft im internationalen Vergleich" analizza alcuni motivi e riassume i risultati più importanti elaborati per i Grigioni nel quadro di un programma di benchmark pluriennale.

Da oltre dieci anni, il Cantone dei Grigioni partecipa al progetto Innotour "Internationales Benchmarking Programm für den Schweizer Tourismus" svolto dall'Istituto di ricerca economica BAKBASEL su incarico del Segreteria di Stato dell'economia SECO e di tutte le principali regioni turistiche svizzere. La partecipazione del Cantone permette un rilevamento e un'analisi continui e sistematici della capacità economica del turismo grigionese in confronto a regioni e destinazioni turistiche svizzere ed estere. Le informazioni fondamentali vengono riunite presso un unico servizio, che le analizza e le mette a disposizione degli attori turistici.

Il rapporto ora disponibile offre una panoramica della prestazione complessivamente negativa del turismo grigionese dal 2007. Esso illustra dettagliatamente le ripercussioni della crisi economica e finanziaria nonché del franco forte sulla domanda da parte dei diversi mercati. Vengono illustrate sia le lacune esistenti soprattutto nella competitività dei prezzi, nuovamente cresciute negli ultimi anni, sia la struttura dell'offerta di alloggi e il relativo tasso di occupazione.

Tasso di occupazione dei posti letto
Nel periodo d'osservazione si è assistito a un vero e proprio crollo della domanda da parte dell'Europa occidentale e in particolare dalla Germania, che dietro alla Svizzera è di gran lunga il principale Paese di provenienza degli ospiti nei Grigioni. Il calo in questi importanti mercati non ha ancora potuto essere compensato con mercati lontani e mercati in crescita. Inoltre, ha effetti negativi anche il tasso d'occupazione dei posti letto nei Grigioni, inferiore alla media soprattutto in estate. Per contro, i continui cambiamenti strutturali verso unità di alloggi più grandi nei Grigioni dovrebbero avere a medio e lungo termine effetti positivi per il successo degli esercizi. Con una quota di posti letto in alberghi pari al 18 per cento dell'intera capacità di posti letto turistici, i Grigioni si situano sì nella media delle regioni dell'arco alpino, ma chiaramente dietro le regioni confinanti Alto Adige, Tirolo o Vorarlberg, le cui quote di appartamenti di vacanza non locati sono nettamente inferiori.

-
Stima delle quote di posti letto secondo la tipologia di alloggio in percentuale
Fonte: vari uffici di statistica, BAKBASEL

Sviluppo delle singole destinazioni
Per misurare il successo di singole destinazioni e per confrontarlo a livello internazionale, il programma fa capo al "BAK TOPIndex". Questo indice è composto da tre coefficienti principali: dallo sviluppo delle quote di mercato (fattore di ponderazione del 20 per cento), dal tasso d'occupazione delle strutture ricettive (fattore di ponderazione del 50 per cento) e dalla capacità di rendimento di una destinazione (fattore di ponderazione del 30 per cento). Il "BAK TOPIndex" può essere calcolato per l'intero anno turistico, ma anche separatamente per la stagione estiva e per quella invernale.

Confrontando lo sviluppo di questo indice nel corso del tempo, Scuol è stata l'unica destinazione grigionese a essere riuscita a migliorare ulteriormente la sua posizione superiore alla media sia d'estate sia d'inverno, e ciò soprattutto grazie a un tasso d'occupazione dei posti letto relativamente buono su tutto l'arco dell'anno. Tutte le rimanenti destinazioni grigionesi sono state confrontate con delle perdite almeno in una stagione. Rispetto alla concorrenza, Lenzerheide è pur sempre riuscita a migliorare la sua buona posizione in inverno e la destinazione Flims Laax è riuscita a riguadagnare un po' di terreno in estate.

- 
"BAK TOPINDEX" stagione estiva e invernale 2013 (blu) e 2007 (verde), valore medio regione alpina = 3.5
Fonte: BAKBASEL

I confronti di altri indicatori e fattori di competitività rilevanti come ad esempio le offerte estive e invernali nelle singole destinazioni completano le analisi.

Grazie alle ampie attività di benchmarking, i fornitori di prestazioni turistiche acquisiscono un quadro di conoscenze più approfondito della loro situazione sul mercato, ciò che può facilitare il proprio posizionamento. Inoltre, dall'analisi dei punti forti e di quelli deboli risultano dei punti di partenza per eventuali misure di ottimizzazione. Le conoscenze elaborate hanno lo scopo di contribuire affinché i responsabili decisionali nel turismo grigionese possano adottare misure basate su fatti.

Rapporto completo (disponibile solo in tedesco): Ufficio dell'economia e del turismo


Persona di riferimento:

Eugen Arpagaus, capo dell'Ufficio dell'economia e del turismo, tel. 081 257 23 77, cellulare 079 256 93 94, e-mail: Eugen.Arpagaus@awt.gr.ch  


Organo: Ufficio dell'economia e del turismo dei Grigioni
Fonte: it Ufficio dell'economia e del turismo dei Grigioni
Neuer Artikel