Zum Seiteninhalt

Preventivo 2020 con valori solidi

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il preventivo 2020 del Cantone dei Grigioni presenta un'eccedenza di spesa pari a 33,1 milioni di franchi. Questo disavanzo corrisponde all'1,3 per cento della spesa complessiva pari a 2,6 miliardi di franchi e offre buone prospettive per un risultato contabile equilibrato. Le uscite per investimenti si sono mantenute a un livello molto elevato, attestandosi a 427 milioni di franchi lordi. Gli investimenti netti che il Cantone deve finanziare con mezzi propri ammontano a 290 milioni. La crescita delle spese complessive rientra in limiti ragionevoli. La situazione finanziaria è solida. Il Cantone può affrontare le sfide finanziarie dei prossimi anni partendo da una buona posizione.

I valori di riferimento del preventivo 2020 sono i seguenti:
  • deficit di bilancio 33,1 milioni (anno precedente 33,7 mio.) dopo prelievi dalle riserve per 13,6 milioni.
  • quota d'incidenza della spesa pubblica cantonale 14,5 per cento (anno precedente 14,7 %)
  • crescita della spesa complessiva 1,5 per cento (anno precedente 1,6 %)
  • crescita della massa salariale rilevante ai fini della determinazione del valore indicativo 0,9 per cento (anno precedente 0,6 %)
  • investimenti lordi 426,9 milioni (anno precedente 446,0 mio.)
  • investimenti netti determinanti per il valore indicativo 166,0 milioni (anno precedente 159,2 mio.)
  • disavanzo del conto stradale 20,0 milioni (anno precedente 19,8 mio.)
  • dotazioni invariate nella perequazione finanziaria per i comuni.
Risultati
Con il preventivo 2020 vengono rispettati sette degli otto indicatori di politica finanziaria del Gran Consiglio. Solamente la limitazione degli investimenti netti viene superata di 6,0 milioni. "Il preventivo 2020 dà continuità alla politica finanziaria e fiscale attiva con investimenti elevati. La situazione finanziaria del Cantone rimane solida. Tuttavia negli anni del piano finanziario 2021 e soprattutto dal 2022 le spese aumenteranno in misura sensibilmente maggiore rispetto alle entrate. Per garantire anche in futuro una gestione finanziaria equilibrata verrà effettuato un riesame dei compiti e delle prestazioni", ha affermato il Consigliere di Stato Christian Rathgeb, commentando il suo primo preventivo in veste di ministro delle finanze.

Spese per il personale
Nel 2020 la spesa globale per il personale cresce dell'1,5 per cento, di pari passo con le spese complessive. L'aumento ammonta a 5,8 milioni. Quest'ultimo finanzierà da un lato gli impieghi supplementari necessari (principalmente per il nuovo penitenziario di Cazis Tignez) nonché lo sviluppo salariale del personale esistente. Non è previsto un aumento degli stipendi dovuto al rincaro, in quanto il rincaro compensato degli anni scorsi continua a essere superiore all'indice attuale. Il Governo chiede anche quest'anno al Gran Consiglio una somma pari all'1 per cento della massa salariale da destinare agli sviluppi salariali individuali.

Spese per beni e servizi
Le spese per beni e servizi rimanenti aumentano di 13,3 milioni (+4,2 %). L'aumento delle spese per materiale e merci è da ricondurre soprattutto alle spese maggiori e neutrali per quanto riguarda il risultato dell'approvvigionamento energetico per l'energia di partecipazione, l'energia indennizzo sostitutivo alle partecipazioni e l'energia a costo annuo (+3 mio.). L'aumento nella manutenzione edilizia è dovuto da un lato ai mezzi supplementari per la manutenzione delle strade (+4 mio.) e dall'altro ai lavori di manutenzione previsti per modifiche di destinazione e per la concentrazione su immobili più grandi e più efficienti (+3 mio.). L'aumento nella manutenzione delle strade viene compensato da spese minori nell'ampliamento delle strade.

Spese di riversamento
Con lo 0,8 per cento le prestazioni di riversamento fanno registrare un aumento complessivamente minore rispetto alla spesa complessiva. Dei 1158,1 milioni totali, quasi l'80 per cento (928,9 mio.) è attribuibile a contributi destinati a enti pubblici e a terzi. In questo settore l'aumento delle spese pari all'+1,1 per cento (+10,3 mio.) è nettamente inferiore rispetto all'anno precedente (+2,2 %). La quota maggiore della spesa supplementare è da ricondurre ai sussidi per la riduzione dei premi di cassa malati (+6,0 mio. a 128,3 mio.). Dal 2008 questa spesa è più che raddoppiata (consuntivo 2008: 62,0 mio). Si registra un calo dei sussidi d'esercizio nel settore forestale. Ciò contribuisce in modo significativo al minore aumento delle spese relative ai contributi a favore di enti pubblici e di terzi (-4,7 mio.). Da un lato il calo è dovuto alla nuova regolamentazione degli accordi di programma "Opere di protezione del bosco" e "Cura del bosco" nonché alla modifica della contabilizzazione e al conseguente trasferimento dal conto economico nel conto degli investimenti.

Ricavi
Le imposte cantonali costituiscono la quota principale ai ricavi complessivi del bilancio (31,3 %). Attestandosi a 794,0 milioni, queste ultime sono aumentate di 8,7 milioni rispetto all'anno precedente (785,3 mio.). Le imposte delle persone fisiche sono aumentate di 11,8 milioni (+2,1 %). Insieme al gettito delle imposte speciali (imposta sugli utili da sostanza immobiliare, imposta sulla massa successoria e sulle donazioni), cresciuto di 3 milioni, è possibile compensare ampiamente il previsto calo relativo alle imposte versate dalle persone giuridiche (-6,1 mio., -7,7 %). I ricavi supplementari da ricavi e tasse (+9,5 mio.) e riversamenti (+20,6 mio. di imposte federali dirette, imposte preventive e perequazione finanziaria) migliorano le entrate, cosicché il risultato complessivo si colloca ai livelli dell'anno precedente.

Perequazione finanziaria grigionese
Per la perequazione delle risorse vengono mantenuti i valori di riferimento degli anni precedenti: continuano a trovare applicazione l'aliquota di prelievo del 16,0 per cento e una dotazione minima del 68,0 per cento della media cantonale. Per quanto concerne la perequazione dall'aggravio geopolitico e degli oneri scolastici, i comuni aventi diritto ricevono in totale 24 milioni come nell'anno precedente. Il Cantone alimenta senza modifiche il finanziamento speciale perequazione finanziaria con 40 milioni da mezzi statali generali.

Investimenti
L'anno prossimo l'attività di investimento del Cantone sarà in calo. Rimarrà comunque a un livello elevato. Le spese complessive ammontano a 426,9 milioni (anno precedente 446,0 mio.). Vi si contrappongono entrate complessive pari a 136,9 milioni (anno precedente 143,6 mio.). Pertanto il Cantone deve finanziare autonomamente investimenti netti pari a 290,1 milioni di franchi, circa 12 milioni in meno rispetto all'anno precedente (302,4 mio.). Il calo del volume degli investimenti previsto è dovuto alla conclusione di due grandi progetti, ossia il penitenziario di Cazis Tignez e il centro amministrativo sinergia a Coira, che avverrà nel 2020. Altri grandi progetti contenuti nel preventivo sono il risanamento del convitto della Scuola cantonale grigione, la sistemazione dell'edificio scolastico del Plantahof e la realizzazione del nuovo centro per richiedenti l'asilo di Meiersboden. Contrariamente alle ipotesi iniziali, un finanziamento del centro per richiedenti l'asilo tramite contributi federali accumulati provenienti dal conto per l'asilo non è più possibile.

Prospettiva
Dalla pianificazione finanziaria aggiornata per gli anni 2021-2023 emergono disavanzi in costante crescita compresi tra 65,1 milioni nel 2021 e 89,4 milioni nel 2023. Lo sviluppo poco dinamico dei ricavi non è più sufficiente per tenere il passo con l'aumento delle spese. I valori pianificati rispecchiano gli effetti dell'attuazione della riforma fiscale e del finanziamento AVS (RFFA) della Confederazione nonché l'attuazione intracantonale in base alla decisione del Gran Consiglio dell'agosto 2019. Gli effetti finanziari dei punti centrali di sviluppo del programma di Governo 2021-2024 non sono ancora compresi nei valori pianificati. Nel 2020 verrà avviato un riesame dei compiti e delle prestazioni ai sensi della Costituzione cantonale, che al contempo fa parte del progetto finalizzato a garantire a lungo termine l'equilibrio della gestione.

Il Gran Consiglio tratterà il preventivo 2020 nella sessione di dicembre 2019.

Allegati:
- conto economico
- conto degli investimenti

Persona di riferimento: 
Consigliere di Stato Christian Rathgeb, direttore del Dipartimento delle finanze e dei comuni, tel. 081 257 32 01, e-mail Christian.Rathgeb@dfg.gr.ch

Organo: Governo
Fonte: it Dipartimento delle finanze e dei comuni
Neuer Artikel