Navigazione principale

Contenuto della pagina

Accertamenti in corso in relazione all'epizoozia bovina nel Cantone dei Grigioni

Nella regione Prettigovia/Davos è stato rilevato un contagio da rinotracheite bovina infettiva (IBR) in una mucca. Gli allevamenti bovini sospetti sono stati immediatamente posti sotto sequestro. La IBR è incurabile negli animali, però è innocua per l'essere umano.

Conformemente alla legge sulle epizoozie, la IBR è un'epizoozia da eradicare la quale viene combattuta e monitorata attraverso un oneroso programma. In relazione alle analisi relative a un aborto, nel mese di dicembre 2020 è stato riscontrato un caso di IBR in un bovino nel Cantone dei Grigioni. L'animale interessato è stato abbattuto, mentre l'azienda interessata è stata posta sotto sequestro. Sono in corso ulteriori analisi nel laboratorio di riferimento.
Al fine di determinare la possibile diffusione della malattia, si sta attualmente accertando con quali altri animali il capo in questione sia entrato in contatto. Tutte le aziende con animali che hanno avuto contatti con il capo in questione sono state poste sotto sequestro a titolo preventivo.

A causa della vivace attività del commercio di bestiame in Svizzera, un'epizoozia può diffondersi con grande rapidità. Al fine di chiarire con precisione il grado di diffusione e di contenere un'ulteriore propagazione, occorre procedere a un monitoraggio capillare del traffico di animali e a corrispondenti esami di laboratorio. In tale contesto le autorità cantonali lavorano a stretto contatto con l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) e con il laboratorio di riferimento della facoltà di medicina veterinaria di Zurigo e informano sull'evoluzione della situazione.

Nessun caso di IBR in Svizzera dal 1993
La IBR si è manifestata per la prima volta in modo importante in Svizzera nel 1977 ed è stata contrastata con misure incisive. A partire dal 1983 è stato attuato un programma di eradicazione il quale infine ha permesso di debellare la malattia in Svizzera dopo dieci anni e con costi enormi pari a 135 milioni di franchi. Per non vanificare questi sforzi, Confederazione e Cantoni fanno tutto il possibile per mantenere lo status di "libero da IBR".

La IBR è incurabile. Una volta che un animale è contagiato, l'agente patogeno, un virus herpes, può rimanere latente per periodi prolungati nel sistema nervoso degli animali, senza che questi manifestino sintomi. La malattia può di nuovo manifestarsi in qualsiasi momento, ad esempio in caso di stress. In tale situazione vengono espulsi dei virus che possono contagiare altri animali. Perciò tutti gli animali infetti devono essere abbattuti. La malattia è innocua per l'essere umano. Essa colpisce soprattutto i bovini.


Ulteriori informazioni sulla malattia:
Sito web dell'USAV

Persona di riferimento:
Giochen Bearth, veterinario cantonale, Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali, tel. +41 81 257 24 11, e‑mail Giochen.Bearth@alt.gr.ch


Organo: Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali
Fonte: it Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali