Zum Seiteninhalt

Comunicato del Governo del 21 giugno 2012

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen

Un cambiamento della lingua scolastica nei comuni pionieri del rumantsch grischun può avvenire solo secondo le condizioni quadro stabilite dal Governo. Un'intimazione in questo senso viene emanata a destinazione del Comune di Sagogn. Inoltre, il Governo ha tra l'altro lanciato un programma d'azione per la salute mentale e ha preso atto di una nuova previsione dell'evoluzione demografica.

Il Governo insiste sul rispetto del diritto in caso di cambiamento della lingua scolastica
Al Comune di Sagogn viene intimato di rispettare il decreto governativo concernente il passaggio della lingua scolastica dal rumantsch grischun all'idioma. Dall'inizio dell'anno scolastico 2012/2013, tutti gli allievi di terza e quarta elementare del Comune dovranno come finora seguire le lezioni in rumantsch grischun quale lingua di alfabetizzazione. In caso contrario, saranno possibili misure di vigilanza e relative ai sussidi.
Con decreto del 5 dicembre 2011, il Governo ha stabilito che un passaggio della lingua scolastica dal rumantsch grischun all'idioma o viceversa deve avvenire di principio in concomitanza con l'inizio della prima elementare. Eccezionalmente, entro l'inizio dell'anno scolastico 2012/2013 si può procedere a un cambiamento anche per allievi che frequentano attualmente la prima classe elementare, se ciò viene deciso dall'ente scolastico. Nel frattempo, due ricorsi inoltrati al Tribunale amministrativo contro questa decisione governativa sono stati respinti.
Lo scorso febbraio l'assemblea comunale di Sagogn ha approvato la reintroduzione dell'idioma Sursilvan quale lingua di alfabetizzazione. In seguito, il municipio ignorando la legge ha deciso di non più utilizzare per nessuna classe il rumantsch grischun come lingua d'insegnamento a partire dal prossimo anno scolastico.

Previsto un programma d'azione per la salute mentale
Dal progetto pilota del Cantone "Associazione grigionese contro la depressione", nel 2013 prenderà avvio un programma d'azione per la salute mentale. Sulla base di un rapporto di valutazione relativo alla conclusione del progetto, il Governo ha deciso un trasferimento in un programma d'azione curato dall'Ufficio cantonale dell'igiene pubblica. Con il programma si intende da un lato favorire la presa di coscienza da parte della popolazione per quanto riguarda gli aspetti positivi della salute mentale e sostenere il suo mantenimento. D'altro lato si intende informare la popolazione grigionese in merito ai disturbi psichici e alle possibilità di trattamento.
Nel 2009, i Servizi psichiatrici dei Grigioni (SPGR) sono stati incaricati di svolgere sull'arco di tre anni il progetto pilota "Associazione grigionese contro la depressione". Oltre alla sensibilizzazione della popolazione sulla depressione e alla divulgazione di informazioni su questa malattia, l'obiettivo consisteva nel raccogliere esperienze relative alla possibilità di attuare una campagna di prevenzione nel settore della salute mentale e delle malattie psichiche. Ulteriori informazioni su www.bbgd.ch.  

Il Governo è sostanzialmente favorevole alla nuova ordinanza federale sulla costruzione di residenze secondarie
In relazione all'articolo costituzionale sulle residenze secondarie (art. 75b Cost.) approvato dal popolo l'11 marzo 2012, un gruppo di lavoro istituito dalla Consigliera federale Doris Leuthard ha elaborato una bozza di ordinanza federale con cui, ai sensi di una regolamentazione transitoria fino all'emanazione della legge d'applicazione vera e propria, vengano chiarite le questioni più urgenti lasciate aperte dal testo costituzionale. Il 29 maggio 2012, la Confederazione ha dato la possibilità anche ai Cantoni di prendere posizione in merito a un primo progetto di ordinanza.
In linea di principio, nella sua presa di posizione elaborata assieme agli altri Cantoni di montagna interessati, il Governo accoglie favorevolmente la prevista emanazione di un'ordinanza per creare in questo modo sicurezza giuridica durante il periodo di due - tre anni necessario all'emanazione della legge d'applicazione.
Per quanto riguarda i contenuti, il Governo prende atto con soddisfazione del fatto che i suoi sforzi per il riconoscimento della garanzia dei diritti acquisiti per residenze primarie secondo il diritto previgente sono stati considerati nel progetto di ordinanza. In questo modo sarebbe garantito anche in futuro il mantenimento della libertà di utilizzazione e di disporre delle residenze primarie, perlopiù di proprietà della popolazione indigena.
Il Governo valuta inoltre in modo positivo anche il fatto che l'ordinanza esclude dal divieto le abitazioni secondarie gestite che lasciano supporre una durata d'occupazione adeguata. A questo proposito, nonché in relazione ad altre eccezioni a favore del settore alberghiero, a favore delle zone povere di infrastrutture e a favore di strutture dell'insediamento degne di essere protette, il Governo si riserva la possibilità di proporre miglioramenti per la futura legge.
Incontra opposizione il fatto che l'ordinanza, e quindi il divieto di autorizzare nuove abitazioni secondarie, entrino in vigore già il 1° settembre. A questo riguardo, considerando la chiara disposizione transitoria contenuta nell'iniziativa sulle abitazioni secondarie, il Governo richiede che l'ordinanza entri in vigore solo il 1.1.2013.

Collaboratori a titolo accessorio provvisoriamente nominati per due anni
I collaboratori a titolo accessorio del Cantone dei Grigioni, dopo la scadenza dell'attuale periodo di carica ordinario il 1° luglio 2012 sono stati eletti o rieletti dal Governo. Il Governo ha deciso di introdurre un periodo di carica ridotto pari a due anni, al posto dei precedenti quattro anni. Entro il 2014 andranno verificate le basi giuridiche.
I collaboratori a titolo accessorio sono persone che svolgono compiti amministrativi, ma sono attive al di fuori dell'organizzazione amministrativa in senso più stretto. Vengono designati alla rispettiva carica dalla legge o dal Governo.

Nel 2030 nei Grigioni vivranno 205 700 persone
Una previsione dell'evoluzione demografica per il Cantone dei Grigioni allestita nel 2007 per il 2030 è stata aggiornata. La previsione contiene di nuovo tre scenari. Quello medio ipotizza che la popolazione nel Cantone dei Grigioni passi da 192 621 (2010) a circa 205 700 entro il 2030, ciò che corrisponde a una crescita del 6,8 percento. Il Governo ha preso atto della previsione dell'evoluzione demografica.
A posteriori è possibile affermare che negli ultimi cinque anni la dinamica dell'evoluzione demografica è stata maggiore a quanto previsto. Questo fatto non si limita solo al Cantone dei Grigioni, bensì interessa tutta la Svizzera. Il motivo principale della maggiore dinamica demografica risiedeva nella migrazione (immigrazione dall'estero), attesa in misura minore.
La previsione aggiornata per il Cantone dei Grigioni dell'evoluzione demografica 2030 può essere consultata in internet all'indirizzo www.are.gr.ch (Documentazione/ Basi).

Rielaborazione del programma d'agglomerato di Coira di nuovo con il ponte St. Luzi
Il Governo ha approvato a destinazione della Confederazione un programma d'agglomerato di seconda generazione per Coira. Nel quadro di programmi d'agglomerato, la Confederazione partecipa al finanziamento di misure per il miglioramento dell'infrastruttura stradale nelle città e negli agglomerati. Il programma rielaborato di Coira mira a uno sviluppo coordinato dell'insediamento e del traffico.
Nel campo della viabilità, l'eliminazione di punti critici lungo gli assi di penetrazione di Coira rappresenta un punto chiave. Il progetto più importante è l'allacciamento trasversale alla strada dello Schanfigg con il con il ponte St. Luzi, per sgravare la città vecchia di Coira dal traffico di transito verso Arosa. In occasione del primo inoltro del programma, la Confederazione non aveva sostenuto il progetto. I costi delle misure inerenti il traffico del programma d'agglomerato di seconda generazione ammontano in totale a circa 135,5 milioni di franchi. Di questi, 58 milioni di franchi sono necessari per il progetto di allacciamento trasversale alla strada dello Schanfigg.


Dai comuni e dalle regioni

  • Vaz/Obervaz: viene approvata la revisione parziale della pianificazione locale, comprendente una revisione parziale della legge edilizia, decisa dal Comune di Vaz/Obervaz il 27 novembre 2011. Con la revisione parziale della legge edilizia viene tra l'altro ampliato leggermente lo scopo della zona dedicata al turismo. La zona dedicata al turismo è una zona edificabile specifica del Comune e si trova esclusivamente nei pressi delle stazioni di valle degli impianti di risalita, ossia a Val Sporz, Dieschen, Canols, Fadail e Valbella. A titolo di novità, nella zona dedicata al turismo possono essere creati anche esercizi ricettivi e ristoranti e nella zona dedicata al turismo di Canols è inoltre permesso uno sfruttamento abitativo limitato per il personale, in edifici già esistenti. 
  • Ladir: viene approvata la revisione parziale della pianificazione locale del Comune di Ladir del 16 febbraio 2012, comprendente un piano delle zone 1:1000 Revisione parziale. 
  • Schluein: il piano generale di urbanizzazione 1:2000 Area dell'insediamento, viabilità e attrezzature deciso dal Comune di Schluein il 7 ottobre 2011 viene approvato anche per quanto riguarda il nuovo sentiero e il nuovo percorso per mountain bike in zona "Cazzettas". Al contempo viene rilasciato il permesso di dissodamento. 
  • Cazis: al Comune di Cazis viene garantito un contributo forfetario di 171 000 franchi per il rinnovo e l'ampliamento dell'acquedotto, fase 2012. Viene presupposto il contributo federale. 
  • Tinizong-Rona: fatta salva la concessione di un contributo federale, al Comune di Tinizong-Rona viene garantito un contributo cantonale di al massimo 287 280 franchi per il rinnovo e l'ampliamento dell'acquedotto di Rona. Il Comune deve partecipare con una quota del 13 percento. 
  • Poschiavo: fatta salva la concessione di un contributo federale, al Consorzio di bonifica fondiaria di Poschiavo viene concesso un contributo di al massimo 14 850 franchi per i costi supplementari per la messa in sicurezza della strada agricola n. 14 D a Poschiavo. 
  • Klosters-Serneus: viene approvato il progetto per il distacco artificiale di valanghe in zona Tal presentato dall'Ufficio foreste e pericoli naturali su incarico del Comune di Klosters-Serneus. Al progetto per il distacco artificiale di valanghe con impianti fissi viene concesso un contributo di al massimo 693 000 franchi. 
  • Tujetsch: viene approvato il progetto per ripari antivalanghe in zona Mises da Camischolas, presentato dall'Ufficio foreste e pericoli naturali su incarico del Comune di Tujetsch. Viene garantito un sussidio di al massimo 110 050 franchi. 
  • Sumvitg / Trun: viene approvato lo statuto della corporazione scolastica di Sumvitg-Trun. Esso entra in vigore per l'inizio dell'anno scolastico 2013/2014.


Progetti stradali
Il Governo ha stanziato 9 782 000 franchi per lavori di costruzione lungo i seguenti tratti stradali:
- strada del Bernina: opere da capomastro e lavori di pavimentazione Lago di Poschiavo
- strada per Samnaun: opere da capomastro e lavori di pavimentazione ponte a mezza costa S-chalun
- strada per Tälfsch: opere da capomastro e lavori di pavimentazione Pläviggin – Tälfsch
- strada per Fanas: opere da capomastro muro di sostegno Hinter Crestis
- strada per Vals: lavori di pavimentazione Plattamatobel – Munt
- strada della Lumnezia: lavori di pavimentazione Ilanz – Valgronda
- strada della Lumnezia: lavori di pavimentazione Miedra – Mons – Vrin

Inoltre, il Governo ha approvato i seguenti progetti d'esposizione:
- costruzione di un nuovo centro di manutenzione dell'Ufficio tecnico cantonale a St. Peter
- correzione della strada per Stels, tratto diramazione Rossgasse – Fajauna (dal chilometro 0,73 al chilometro 2,72). Il progetto comprende un risanamento totale e un allargamento della strada.


Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni

Neuer Artikel